U17F – Inizia bene il 2015: vittoria a Vittuone

Inizia con una vittoria il 2015 per l’U17 Elite che passa sul campo di Vittuone ottenendo quella continuità di risultati che coach Piccinelli aveva chiesto.

Il Sanga ha un passo in più rispetto alla giovane e buona compagine vittuonese, le Picci-girls riescono a stare in vantaggio per tutti i 40 minuti di gioco, consapevoli di dover assolutamente vincere. Imprimono fin da subito il loro ritmo alla partita, macinano gioco e operano il primo break che le porta sul +6 . Nel secondo quarto le milanesi corrono veloci in contropiede e soprattutto riescono a impedire quello avversario; dalla panchina la richiesta è comunque di aumentare la pressione e l’energia in difesa: tenere basso il punteggio di Vittuone è la missione delle orange. Detto fatto, all’intervallo lungo il tabellone indica 36 a 20 per le ospiti.

Al rientro dagli spogliatoi il Sanga, con la forza del gioco di squadra, con il suo basket che coinvolge tutto il quintetto schierato, vola sul 46 a 22 e al 28’ si raggiunge il massimo vantaggio, +25. Nell’ultimo periodo Vittuone, con orgoglio e coraggio, torna in partita limitando il passivo ma il Sanga, con autorità e tranquillità, gestisce gli ultimi minuti cogliendo una bella e significativa vittoria. Il risultato finale è 68 a 56 per le milanesi.

Vittuone – Sanga Milano  56 – 68 (10-16, 20-36, 34-57)

Sanga: Calciano 7, Ceravolo,  Fusi 11, Gandola, Lauro, Mazzocchi 6, Mischiati 2, Poggi, Ravaglioli, Stilo 8, Taverna 20, Tafuro 14. Allenatore: Piccinelli; Assistente: Colombo.

U14F: il derby va al Geas

Le ragazze U14 escono sconfitte ma non dome dalla battaglia con il Geas, dove le prime in classifica hanno fatto valere le loro notevoli doti fisiche e tecniche conducendo sempre la gara e costruendo un buon vantaggio soprattutto nel primo tempo, quando il Sanga non è proprio riuscito a raccapezzarsi in difesa e ad attaccare in modo organizzato.

L’inizio è di marca Geas, che si porta rapidamente sul 4-0 con un approccio molto deciso alla gara e una prevalenza fisica abbastanza netta. Le ospiti mostrano una grande determinazione e si lanciano su ogni rimbalzo e palla vagante, mentre le nostre appaiono un po’ (troppo) timorose e incerte sul da farsi. Molti gli errori gratuiti in attacco del Sanga, con diverse palle perse per eccessiva precipitazione. Il Geas si porta sul 12-2 variando le soluzioni offensive: penetrazioni, rimbalzi offensivi trasformati e buone percentuali ai liberi. A 5’11’’ dalla fine del quarto Coach Colombo chiama il timeout per riorganizzare le idee, ma il predominio Geas continua fino ad una bella penetrazione di Camponovo che finalmente si aggiunge al canestro di Delihasanovic realizzato in apertura del match. A questo punto Memoli suona la carica con un bel coast to coast e altri due canestri, vanificati però da una difesa Sanga a maglie larghe che viene infilata ben due volte da contropiede in solitaria. Alla fine le Orange riescono a limare il pesante svantaggio e a chiudere il quarto sul 22-10.

Nel secondo quarto Coach Colombo schiera in avvio un quartetto “giovane” con ben quattro 2002 e Viganò. Il punteggio rimane ingessato per ben 3’, durante i quali entrambe le squadre si perdono in diversi errori; l’equilibrio viene spezzato da un rimbalzo difensivo della 40 del Geas che recupera e va a segnare in terzo tempo (impresa notevole dato che il play Geas è di gran lunga la ragazza più minuta tra tutte le presenti). L’aggressività sotto le plance consente al Geas di dominare a rimbalzo, mentre il Sanga continua a soffrire d’imprecisione e a fallire diverse entrate in terzo tempo, non riuscendo le nostre ragazze a proteggere adeguatamente il pallone; inoltre perseverano nell’eseguire lanci lunghi e arcuati che cadono preda delle avversarie o rallentano l’azione. Bella azione in dai e vai di Marcandalli che però non riesce a segnare da sotto. Finalmente Delihasanovic segna il primo canestro del quarto dopo ben 9’ finalizzando una bella azione veloce in tre passaggi. Il primo tempo si chiude 22-12: una prestazione da dimenticare in fretta per quanto riguarda l’attacco, mentre nel secondo quarto si registra un progressivo miglioramento della tenuta difensiva.

In ogni caso, netto predominio del Geas, che dimostra una notevole tecnica pur spesso graziato per quanto riguarda le infrazioni di passi, nonché grande velocità di passaggio riuscendo nel traffico a servire efficacemente le giocatrici meglio piazzate.

Nel secondo tempo riparte subito il Geas, ma il Sanga reagisce con Viganò che penetra con grinta, subisce fallo e trasforma il tiro libero. Si rivede la difesa a maglie larghe del Sanga, che concede quasi sistematicamente secondi tiri alle avversarie. In compenso aumenta la determinazione e la voglia di lottare in attacco, con un canestro di Viganò ma tiro libero fallito, recupero e canestro di Valli. Fase combattuta e caotica intorno al 6’, segna ancora Viganò e si vede finalmente una bella azione di squadra ben manovrata anche se infruttuosa. Viganò trasforma un libero, Valli strappa applausi con un bel gancio in area e il quarto si chiude 50-25, con le nostre ragazze che limitano il passivo a 5 punti.

L’ultimo quarto si apre con una penetrazione di Viganò e un Sanga molto più attento e concentrato rispetto al primo tempo, con Taverna in evidenza a rimbalzo. Viganò penetra resistendo a due avversarie, riscattando uno 0/2 ai liberi nell’azione precedente. Bel rimbalzo di Carozzi che apre l’azione servendo Camponovo che segna da fuori: fase intensa di gioco che vede un Sanga finalmente feroce sui palloni. Il Geas però colpisce da fuori in risposta alla migliorata difesa e della presenza a rimbalzo delle Orange. Si segnalano per il Sanga una grande discesa e penetrazione di Viganò, Amato che segna da fuori e uno stoppone di Camponovo. La partita si chiude sul 68-35; anche nell’ultimo quarto le nostre ragazze escono a testa alta dal confronto con la corazzata Geas riuscendo a contenere il passivo, grazie ad una maggiore concentrazione in difesa e a rimbalzo e una ritrovata voglia di lottare su tutti i palloni.

Top players: punti –  Viganò 15 punti, Memoli 6.

rimbalzi – Taverna 6, Carozzi, Memoli e Delihasanovic 5.

Stoppate – Taverna 2.

Assist – Memoli e Camponovo 2.

Palle recuperate – Memoli, Taverna, Camponovo e Viganò 5.