Il Ponte Casa d’Aste prova l’impresa contro Civitanova Marche

Altra sfida in salita per Il Ponte Casa d’Aste Milano che riceve la visita dell’Infa Feba Civitanova Marche. Secondo posto in classifica per le marchigiane, unica sconfitta quella con l’imbattuta capolista Roma, reduci dall’agevole vittoria in casa della Mercede Alghero grazie alla solita inarrestabile Federica Iannucci. Impresa complessa per il Sanga che arriva a questo appuntamento con i soliti problemi di infortuni che falcidiano le ragazze di coach Franz Pinotti dall’inizio della stagione. Out sino a fine torneo capitan Gottardi, molto incerta la presenza di Giulia Maffenini afflitta da un problema inguinale, non al meglio sia Claudia Colli che Federica Bottari.

Non mancano il carattere e l’orgoglio alle Orange in una giornata ricca di appuntamenti: si inizia con il Baskin, che ospita la squadra della Pantere di Cinisello (palla a due alle 11 presso la palestra del Parco Trotter) per poi proseguire nel tardo pomeriggio con la Serie A.

Impegnata su entrambi i fronti Alessandra Calastri che carica così le compagne: «È un po’ la partita del riscatto. Dobbiamo riscattare il risultato dell’andata, incontriamo avversarie forti ed esperte come Gomes e Delibasic, in più Iannucci ha un gran senso del canestro. Siamo cariche e vogliamo riscattare anche la prestazione contro Roma, dove abbiamo subito il loro gioco eccessivamente fisico. La voglia di vincere c’è, essendo una squadra giovane e un po’ inesperta dobbiamo riuscire a restare concentrate per 40 minuti dando il massimo in campo per cercare di portare a casa il risultato

Il centro di Varedo al mattino sarà, come detto, impegnata anche con la formazione del SangaBaskin: «Il Baskin è uno sport completo e avvincente, in cui le emozioni sono esponenziali, uno dei pochi sport in cui ti viene naturale sostenere anche gli avversari. Possono giocare davvero tutti! Questa domenica giochiamo in casa e aspettiamo tutti i tifosi del Sanga a sostenere il SangaBaskin. Dopo la partita terzo tempo come nel rugby, con la possibilità di pranzare tutti insieme.»

Tornando alla Serie A ricordiamo palla a due domenica alle 18.00 presso il PalaGiordani di via Cambini 4 a Milano, arbitreranno la sfida i sig.ri Giuseppe Antonio Giordano di Gela (CL) ed Antonio Bartolomeo di Cellino San Marco (BR).

L’Assessora Chiara Bisconti in visita al SangaMondo

Ospite d’eccellenza per il SangaMondo nel pomeriggio di giovedì 15 gennaio.
Chiara Bisconti, Assessora al Benessere, Qualità della vita, Sport e tempo libero, Risorse umane, Tutela degli animali, Verde e Servizi generali, ha infatti trascorso qualche ora in compagnia di una delegazione del Mondo Sanga’s Tigers.
L’Assessora, accompagnata da Tommaso Goisis e Roberto Castellini, ha fatto visita a tre tra i principali centri in cui opera il Sanga: la scuola di via Frigia, il PalaGiordani di via Cambini e la palestra del Parco Trotter in via Padova.
I Presidenti Matteoni e Salvetti, insieme a Franz Pinotti, fondatore della società e motore di tantissime iniziative, hanno illustrato i progetti collegati all’attività sportiva svolta e i valori su cui l’intero movimento si fonda, senza nascondere le tante difficoltà che si incontrano quotidianamente e che possono ostacolare il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Si è parlato in primo luogo della necessità per il MondoSanga di trovare una casa dove non solo concentrare l’attività sportiva ma soprattutto poter finalmente istituire una sede; nei centri in cui operiamo tali locali ci sono, vanno in alcuni casi riqualificati, in altri semplicemente resi disponibili ma l’Assessora ha garantito che l’argomento sarà affrontato e approfondito.
Focalizzando l’attenzione sugli aspetti sociali dell’attività sportiva organizzata dal Sanga, abbiamo messo in luce anche alcune criticità del quartiere e della zona in cui operiamo, ad esempio le condizioni del campetto di via Giacometti che potrebbe, se risistemato, fungere da importante luogo di aggregazione e, perchè no, essere sede di belle iniziative sportive.
Non si è potuto non parlare della difficoltà che ogni anno la Serie A, la nostra prima squadra, incontra nell’affrontare i costi derivanti dalla partecipazione a un campionato di livello elevato. Si è chiesto all’Amminstrazione Comunale di aiutarci nell’individuare eventuali sponsor esterni, perchè è importante che Milano abbia una formazione femminile che rappresenti il basket di alto livello, senza dimenticare l’apporto socio-educativo dell’attività svolta quotidianamente.

L’Assessora Bisconti ha espresso entusiasmo, stupore e meraviglia all’arrivo al PalaGiordani dove era in corso un allenamento misto, maschi e femmine, rivolto ai gruppi U14 guidati da Lorena Villa e Luca Boninsegna. C’è stato tempo per le foto e per un breve dialogo tra Chiara, ci permettiamo di chiamarla per nome, e i ragazzi sul SangaMondo e sulla nostra Milano. Alla domanda “Com’è giocare con e contro le femmine?” la risposta di Seba “Normale” ha stupito in positivo l’Assessora: l’idea di far lavorare ragazzi e ragazze assieme si rivela vincente non solo dal punto di vista prettamente tecnico, ma anche da quello umano e sociale. Parlando invece di basket sentire che il Sanga per i ragazzi è ‘vita’ (ancora Seba) o è semplicemente ‘tutto’ (secondo Aida) ha non solo riempito di orgoglio gli addetti ai lavori presenti, ma soprattutto ha permesso ai nostri ospiti di comprendere realmente l’importanza del Sanga per Milano e per i ragazzi.

Ultima tappa del tour il Parco Trotter, durante l’allenamento di Baskin, Basket Inclusivo, così denominato perchè è veramente lo sport dell’inclusività a diversi livelli: uomini-donne, giocatori principianti e giocatori più esperti, disabili e normodotati.
È stato Mariangelo Maiocchi ad illustrare questa e le altre attività che il SangaMondo organizza all’interno della palestra dell’Istituto Casa del Sole: la Palestra-Campetto, cioè un momento dedicato ai ragazzi della scuola media in cui non si insegna pallacanestro ma si lascia a disposizione la palestra perchè loro la sfruttino come un campetto, riuscendo così, attraverso lo sport e l’idea di aggregazione, ad allontanare tanti ragazzini dalla strada, e il gruppo dei SangaPapà, squadra amatoriale di genitori di atleti del mondo Sanga’s Tigers che si ritrovano per giocare assieme e alimentare così quell’idea di grande famiglia che sta alla base del Sanga.

Ci siamo lasciati consapevoli di aver trovato una tifosa e amica in Chiara Bisconti, che già in serata sui social su cui è molto attiva ha espresso ammirazione ed emozione per le attività svolte e per i valori che animano atleti e addetti ai lavori del Mondo Sanga’s Tigers.

8° Criterium Internazionale Città di Milano

Dal 27 al 29 dicembre il PalaGiordani ospiterà l’ottava edizione del Criterium Internazionale Città di Milano, torneo di basket femminile rivolto alle ragazze delle annate 2000, 2001 e 2002 che ogni anno si conferma un evento importante anche a livello di promozione del basket femminile.
Quest’anno le squadre partecipanti sono sei: oltre alle padrone di casa del Sanga Milano ci saranno Vittuone, Carugate, la svizzere di Riva San Vitale e le spagnole dell’Osona Barcellona, suddivise in due gruppi, Naranja e Negro.
A partire dalle ore 15 di sabato 27 dicembre le sei squadre disputeranno un unico girone all’italiana in modo da potersi affrontare tutte almeno una volta; ogni partita sarà formata da due tempi della durata di 10 minuti ciascuno.
Lunedì mattina (29 dicembre) si svolgeranno le finali per il 5°, il 3° e il 1° posto.
Durante il Criterium sarà possibile usufruire di una vantaggiosa convenzione che la Società ha stipulato con il Ristorante-Pizzeria Da Marco (via Giacosa angolo via Rovereto, a pochi minuti di strada dal PalaGiordani).
Una importante novità è che la mattina di sabato 27 dicembre sarà dedicata, anzichè al consueto Clinic per Allenatori, alla scoperta del Baskin, il Basket Integrato, uno sport che permette integrazione a vari livelli: maschi e femmine, giocatori ‘esperti’ e principianti, normodotati e diversamente abili.
A partire dalle 10 Coach Bob Anzivino terrà una breve lezione per spiegare le principali regole del Baskin e dalle 10.30 alle 13 sarà poi il momento di mettere in pratica la teoria: tutti coloro che vorranno provare a cimentarsi in questo sport potranno scendere in campo a fianco dei ragazzi che compongono la squadra del Sanga Baskin.

Di seguito il programma della Manifestazione.

Sabato 27 dicembre:
ore 10: presentazione del Baskin e delle sue regole;
ore 10.30: partita di dimostrazione/formazione;
ore 15: Vittuone – Carugate;
ore 16: Osona Negro – Riva San Vitale;
ore 17: Sanga Milano – Osona Naranja;
ore 18: Vittuone – Riva San Vitale;
ore 19: Carugate – Sanga Milano;
ore 20: Osona Naranja – Osona Negro.

Domenica 28 dicembre:
ore 09: Sanga Milano – Vittuone;
ore 10: Riva San Vitale – Osona Naranja;
ore 11: Carugate – Osona Negro;
ore 15: Vittuone – Osona Naranja;
ore 16: Carugate – Riva San Vitale;
ore 17: Osona Negro – Sanga Milano;
ore 18: Osona Naranja – Carugate;
ore 19: Sanga Milano – Riva San Vitale;
ore 20: Vittuone – Osona Negro.

Lunedì 29 dicembre:
ore 09: finale 5°/6° posto;
ore 10: finale 3°/4° posto;
ore 11: finale 1°/2° posto;
ore 12.30: premiazione.

Baskin: ci siamo quasi

Tratto dal blog del Sanga Baskin curato da Davide ‘Dave’ Motta, disponibile all’indirizzo http://sangabaskin.weebly.com/blog.

Manca ancora un po’ di tempo all’inizio del campionato regionale di Baskin 2014/2015 che ci vedrà impegnati contro le squadre di Lentate sul Seveso, Cinisello, Rho A, Rho B e Varese. L’inizio della competizione è previsto per la seconda settimana di gennaio, ma noi siamo già pronti e non vediamo l’ora di calcare nuovamente i campi da gioco!

“Sono emozionata”, “io sono pronto” e “non vedo l’ora” sono i commenti più sentiti in questi ultimi allenamenti di pre-campionato, tutti aspettano il grande momento e persino il coach ha una voglia incredibile di vedere giocare la propria squadra.
In attesa del campionato, infatti, verranno organizzate delle amichevoli per ammirare i miglioramenti, o almeno si spera, e correggere i minimi difetti di ciascun giocatore!
Nel frattempo, sono finalmente arrivate le pettorine, quelle che si aspettavano da tempo e le partitelle di allenamento, fortunatamente, non sono più così confusionate come prima.
Ma tra i rischi di rimanere chiusi dentro il parco, i canestri laterali in condizioni migliorabili e le aree laterali sempre meno visibili, la voglia di lavorare e migliorare è comunque molta e l’affiatamento della squadra è sempre più elevato!

Le recenti visite di delegazioni straniere, di universitari e di allenatori di basket, inoltre, rappresentano per noi una vera e propria iniezione di fiducia, perché ripagano la fatica e il lavoro svolto durante gli allenamenti.
In attesa dell’arrivo di nuovi canestri laterali e del rifacimento delle aree laterali, auguriamo a tutti un buon inizio di campionato!

Al via le Energiadi 2014!

Come già anticipato, questa settimana la Scuola media Italo Calvino di via Frigia (il nostro PalaFrigia) sarà sede delle Energiadi 2014: una gara tra 9 scuole milanesi a chi, pedalando, sarà in grado di produrre più energia.

Il premio in palio è l’equivalente di 10 mila euro in materiale scolastico informatico. Da sempre la palestra di via Frigia è un centro fondamentale per la nostra attività e per questo il Mondo Sanga’s Tigers si è impegnato a fondo per poter organizzare una serata tutta Orange, dalle 18 alle 2 del mattino di mercoledì 19 novembre, in cui le varie formazioni della nostra società si alterneranno sulle 8 postazioni a disposizione per produrre quanta più energia possibile, cercando così di contribuire alla vittoria della scuola.

A chiunque volesse pedalare anche durante altre serate (ricordiamo che la gara si svolgerà da martedì 18 a domenica 23 novembre) si consiglia di indicare come nominativo di raccolta “Mondo Sanga’s Tigers” perchè sia evidente lo sforzo fatto da tutta la società nel sostenere la scuola di via Frigia in questa iniziativa. Al termine della manifestazione saranno prodotti dei grandi cartelloni con i risultati dei contributi e sarebbe bello vedere il mondo Orange svettare rispetto a tutti gli altri gruppi partecipanti, per dare un segnale forte del nostro impegno in questa ‘competizione’.

Il termine di ciascuna serata, inizialmente fissato alle 0.30, è stato esteso fino alle 2 del mattino quindi giocatori senior, dirigenti, allenatori, genitori e amici vi toccherà fare le ore piccole!

Novità dell’ultm’ora è la creazione di un ambiente virtuale con luci e laser in cui, sotto la guida di un Istruttore di livello Master Nazionale, sarà possibile praticare Spinning: saremo accompagnati da Amici Spinner che si uniranno a noi nella serata di mercoledì. Il tutto si svolgerà nel segno del Mondo Sanga’s Tigers, associando all’idea di festa e di riunione di tutti i gruppi, lo spirito di competizione e la voglia di vincere che ci contraddistinguono, con musica scelta appositamente per l’occasione a fare da sfondo alla maratona a pedali che ci aspetta.

Vi ricordiamo la suddivisione dell’orario, sottolineando che è possibile comunque fermarsi anche più a lungo di quanto indicato: più saremo e più energia produrremo!

18 – 19.30: MiniBasket (Pulcini, Scoiattoli, Aquilotti), Esordienti (cioè nati dal 2008 fino al 2002); coordinatrice Maria Paola.
18 – 19: Esordienti femminile; coordinatrice Lorena Villa.
19 – 20: Baskin; coordinatore Mariangelo.
19 – 20: U13 femminile; coordinatrice Lorena Villa.
20 – 21: U17 maschile; coordinatrice Laura Rossi.
20 – 21: Serie A2 femminile; coordinatori Marco Taminelli e Max Viggiani.
21 – 21.30: SangaPapà; coordinatore Mariangelo.
21 – 22: U17 e U19 femminile; coordinatore Andrea Piccinelli.
22 – 2: Dirigenti, Allenatori e Staff + Lezioni di Spinning con Luci e Laser in ambiente virtuale con Istruttore Nazionale.
22 – 2: Promo maschile, Uisp Silver e Uisp Platinum + Lezioni di Spinning con Luci e Laser in ambiente virtuale con Istruttore Nazionale.
22 – 2: Genitori e Amici + Lezioni di Spinning con Luci e Laser in ambiente virtuale con Istruttore Nazionale.

Per informazioni e aggiornamenti vi ricordiamo di seguire le pagine Facebook SANGA Milano https://www.facebook.com/pages/SANGA-Milano/861566167199588?ref=aymt_homepage_panel e Le Tigri del Sanga https://www.facebook.com/SangaTigers?ref=aymt_homepage_panel.
Questo, inoltre, il sito dell’iniziativa: http://www.energiadi.org.

Manca poco a mercoledì… Iniziate a scaldare le gambe!

Tutto il MondoSanga alle Energiadi2014

Mercoledì 19 novembre presso la scuola media di via Frigia si terranno le Energiadi2014, a cui tutto il Sanga Mondo parteciperà con i suoi atleti ed atlete, oltre che con dirigenti, allenatori, amici, genitori e tifosi.
Le Energiadi sono una vera e propria gara e vince chi, grazie alle persone coinvolte, produce la maggiore quantità di energia elettrica attraverso i Bike Energy System, pedalando.
La scuola Media di via Frigia è stata scelta per partecipare a questa ‘competizione’ insieme ad altre 8 scuole di Milano: ciascuno dei complessi scolastici partecipanti ha a disposizione una settimana e 10 postazioni per produrre energia.
Obiettivo delle Energiadi è mettere in gioco la propria energia per uno scopo comune: sensibilizzare i cittadini sulle tematiche ambientali e diffondere i prinicipi dello sviluppo sostenibile.

Tutto il SangaMondo è chiamato a mettere in campo non solo energia fisica per pedalare: serve anche ‘energia sociale’ per coinvolgere il maggior numero possibile di partecipanti per provare a vincere le Energiadi.
Nell’arco della settimana in cui si svolgerà l’iniziativa (17-21 novembre) altre realtà sportive e culturali pedaleranno per fare in modo che alla fine la scuola vincitrice risulti quella di via Frigia.
Come detto in apertura, il ‘Momento Orange’ sarà mercoledì 19 novembre, a partire dalle ore 18. Il tema della serata sarà «L’Energia del Corpo» con attenzione al rapporto tra alimentazione e prestazioni, al ruolo dello sport nella vita quotidiana e alla motivazione che deve animare tutti gli atleti, di qualunque livello, nella pratica dell’attività sportiva.

Di seguito il programma dettagliato con gli orari di partecipazione delle diverse squadre:

18 – 19.30: MiniBasket -Pulcini, Scoiattoli, Aquilotti-, Esordienti (cioè nati dal 2008 fino al 2002); coordinatrice Maria Paola.
18 – 19: Esordienti femminile; coordinatrice Lorena Villa.
19 – 20: Baskin; coordinatore Mariangelo.
19 – 20: U13 femminile; coordinatrice Lorena Villa.
20 – 21: U17 maschile; coordinatrice Laura Rossi.
20 – 21: Serie A2 femminile; coordinatori Marco Taminelli e Max Viggiani.
21 – 21.30: SangaPapà; coordinatore Mariangelo.
21 – 22: U17 e U19 femminile; coordinatore Andrea Piccinelli.
22.30 – 23.30: Dirigenti, Allenatori e Staff.
22 – 00.30: Promo maschile, Uisp Silver e Uisp Platinum.
22 – 00.30: Genitori e Amici.

Siamo tutti chiamati a prendere parte a questa iniziativa importante per la Scuola di via Frigia, uno dei centri nevralgici dell’attività di tutto il SangaMondo (storica sede, tra l’altro, dei gruppi Tigers).

Per informazioni e aggiornamenti vi ricordiamo di seguire le pagine Facebook SANGA Milano https://www.facebook.com/pages/SANGA-Milano/861566167199588?ref=aymt_homepage_panel e Le Tigri del Sanga https://www.facebook.com/SangaTigers?ref=aymt_homepage_panel.
Questo, inoltre, il sito dell’iniziativa: http://www.energiadi.org.

Venite a pedalare con noi!

Il Baskin nel mondo ‘Erasmus’?

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo articolo-racconto sull’esperienza di alcuni ragazzi parte del progetto universitario ‘Erasmus’ che hanno partecipato all’allenamento di lunedì 10 novembre della squadra di Baskin del Sanga.

Quando coach Bob mi chiese se avessi potuto introdurre un gruppo di studenti universitari Erasmus al gioco del Baskin, visto che egli non sarebbe potuto venire all’allenamento, d’istinto la mia risposta fu sì. Essi fanno parte dell’associazione “ESN” che ha l’obiettivo, attraverso il Baskin, di avvicinare gli studenti Erasmus a una realtà sportiva che coinvolge normodotati e disabili.
Il mio compito, pensavo, è facile…
Devo soltanto spiegare loro le regole principali, introdurli alla squadra, fare in modo che possano partecipare all’allenamento e si integrino nel giro di poco tempo.
Pensando ciò, avevo, probabilmente, trascurato del tutto, la parte più importante: imprimere la passione e la bellezza del Baskin nei loro cuori e nelle loro menti, per far in modo che potessero esportarlo verso altre realtà, le università straniere da cui provengono, ad esempio.
Ero lusingato dalla proposta del mio coach e al tempo stesso mi sentivo sulle spalle il peso di una grande responsabilità.
Lunedì 10 novembre fu il giorno in cui questi studenti, quattro ragazze – tre spagnole e una francese – e un ragazzo italiano fecero visita alla squadra. L’appuntamento con me era alle 18:15 esattamente trenta minuti prima dell’inizio dell’allenamento.
Trenta minuti per spiegare le regole e l’essenza del Baskin a cinque persone che non avevano la benché minima idea di cosa fosse questo splendido sport.
Temevo di non riuscire ad essere abbastanza chiaro e pensavo che, a causa della lingua diversa, facessero fatica a capirmi.
Incredibilmente non fu così.
Munito di uno schemino riassuntivo del regolamento, ricevuto ad una esibizione sul Baskin di qualche tempo fa, riuscii a spiegare, nel giro di poco tempo, quello che c’era da sapere sul gioco. Tutto tutto no ovviamente, le regole sono tantissime e molto complicate – alcune non me le ricordo nemmeno io, lo ammetto – però quelle principali ero convinto le avessero capite.
Anche se i loro sguardi erano caratterizzati da un sentimento di spaesamento e leggera paura – espressioni che caratterizzano tutti quelli che si accingono al Baskin per la prima volta – capii di aver fatto un buon lavoro non appena l’allenamento prese l’avvio.
Furono accolti con grande gioia e felicità da tutti i componenti della squadra, alcuni erano curiosi di sapere chi fossero quegli estranei mai visti prima e gli fecero delle domande, altri volevano far subito vedere loro le capacità di cui erano dotati e cominciarono a tirare a canestro.
All’arrivo di Alessandra Calastri che avrebbe condotto l’allenamento, la squadra si riunì. “Cala” sapeva che ci sarebbero stati dei visitatori e li presentò ufficialmente alla squadra.
Sin da subito, gli universitari erano già parte integrante della grande famiglia, parteciparono a tutti gli esercizi e alla partitella finale, nella quale si distinsero per capacità e voglia di giocare.
Finito l’allenamento mi chiesero se avessero potuto tornare altre volte, il mio cuore, dunque, si riempì di gioia, non solo ero riuscito a far capire loro il Baskin, ma tutta la squadra, unita come sempre, aveva fatto sì che si sentissero parte di un grande gruppo, il Sanga Baskin!
Davide Motta

Questo pezzo, tantissimi altri articoli sul SANGA Baskin e tutte le informazioni sull’attività le trovate sul blog-sito http://sangabaskin.weebly.com/ curato da Davide Motta.

Calastri-Vujovic: intervista doppia tra trecce, occhi neri e rimbalzi

Le protagoniste dell’intervista doppia di questa settimana sono Dunja Vujovic e Alessandra Calastri, le due torri gemelle a disposizione di Coach Pinotti: la prima M.V.P. della partita contro la Mercede Basket Alghero (19 punti con il 70% da 2 e 9 rimbalzi per lei), la seconda, dopo il positivo rientro di domenica scorsa da uno stop durato oltre un mese, è ora alla ricerca della forma migliore per dare il suo fondamentale contributo nelle partite che verranno.

Nome:

A: Alessandra.

D: Dunja.

Soprannome:

A: Cala, Carla, Ale, Sandra, Carlastri… Potrei andare avanti all’infinito!

D: Eva Kant

Altezza:

A: secondo l’ultima visita medico-sportiva risulto 1, 89.. Mi starò rimpicciolendo o è il medico che non è riuscito a leggere là in alto?! Sono alta 1,90 io!

D: 1,86.

Cosa pensi quando in giro ti guardano dicendo “quanto é alta”?

A: ormai ci ho fatto l’abitudine, di sicuro ci vedono bene! Sorrido o magari ci scherzo su anche io. Sono più preoccupanti quelli che mi dicono “non ti ho vista!”: ma come è possibile?!

D: mi vanto!

Numero preferito e perché:

A: non ho un numero preferito in particolare ma se devo dirne uno dico 9: è il primo numero di maglia che mi ricordo di aver avuto, sono nata il 9/9, sono alta 1, 90 (nonostante quello che dice il dottore) e ora gioco con il 19.

D: il mio numero preferito è l’8, perchè è bello tondo.

Quando e perché hai iniziato a giocare a basket?

A: ho iniziato a giocare all’età di 6 anni. I miei genitori hanno sempre praticato sport: mia mamma nuotava e mio papà giocava a basket, lui mi ha trasmesso la passione. Mi ricordo che da piccola rimanevo affascinata dai suoi racconti, ho provato a giocare e me ne sono innamorata subito.

D: ho iniziato a 13 anni come alternativa al tennis. Mi avevano convinta a scuola: dopo una settimana ero in campo e facevo 20 punti a partita.

Giocatore/trice preferito/a:

A: Michael Jeffrey Jordan.

D: Sasa Djordjevic.

La giocatrice più forte contro cui hai giocato:

A: la giocatrice più forte in assoluto rimane Ticha Penicheiro. Ho avuto l’onore di giocarci insieme.. UN FENOMENO! Più forti di lei non me ne vengono in mente.

D: Claudia Barzaghi, mia compagna di squadra a Crema.

Pratichi altri sport?

A: baskin, basket integrato. Il baskin è una nuova attività sportiva che si ispira al basket ma ha caratteristiche particolari ed innovative. Questo nuovo sport è stato pensato per permettere a giovani normodotati e giovani disabili di giocare nella stessa squadra. Un nuovo sport da conoscere e scoprire: è il secondo anno che sono a contatto con questa realtà ed è fantastico. (Cala è uno dei pilastri della squadra di Baskin del Sanga che la stagione passata ha vinto il Campionato Regionale. Per info: su facebook SANGA Baskin https://www.facebook.com/SangaBaskin?ref=ts&fref=ts oppure si può visitare il blog della squadra http://sangabaskin.weebly.com/blog)

D: nuoto.

Hobby:

A: tante cose, alcune ancora “nel cassetto”, ma quelle a cui mi posso dedicare di più per ora sono la musica e i viaggi.

D: equitazione.

Film preferito:

A: Frankenstein Junior” e “Robin Hood, un uomo in calzamaglia” mi fanno sempre ridere! Ovvio, poi ce ne sono tantissimi altri e di altro genere che mi piacciono, ma questi li rivedo sempre volentieri!

D: “L’uomo che sussurrava ai cavalli” con Robert Redford.

Libro preferito:

A: “Il piccolo principe”.

D: la Bibbia.

Che musica ascolti?

A: mi piace il Rock in tutte le sue sfumature. In generale però ascolto un po’ di tutto, dipende da come mi sento.

D: Balkan Folk.

Vacanza ideale?

A: zaino in spalla e via alla scoperta del mondo.

D: mare, mare e mare..

Studi o lavori?

A: lavoro da cinque anni, sono una terapista occupazionale.

D: lavoro e studio. Il mio lavoro è nel mondo del fitness e devo sempre cercare di seguire le nuove tendenze e aggiornarmi con i corsi.

Cosa sai fare meglio in campo e cosa ‘manca’ al tuo gioco?

A: cosa so fare meglio?! Il PIVOT ovviamente!! Da migliorare direi elevazione a rimbalzo e velocità di piedi.

D: ho una buona visione di gioco e gioco per la squadra, mi piace più fare un assist spettacolare che tirare per forza io. Devo invece lavorare sul tempismo nei rimbalzi e sulla velocità.

Pregio e difetto in campo dell’altra?

A: i pareri tecnici li lascio ai coaches. Sicuramente un pregio di Dunja è la tenacia, la grinta che mette nel gioco! Un difetto? Beh quando il trucco non è a posto prima della partita non può giocare!

D: della Carla?! Pregio la tenacia! Difetto.. Sempre la tenacia vsto che in allenamento mi riempie di botte!

Perchè Dunja ha un occhio nero?

A: non si era truccata per Halloween, non ditele che era trucco venuto male! Diciamo che è stato un incidente di percorso: durante un allenamento il mio gomito è finito accidentalmente sul suo occhio.

D: perchè Carla è invidiosa della mia treccia che è più lunga della sua.

Qual é la partita più bella che ti ricordi della tua carriera?

A: sono veramente tante, è una scelta difficile. Le più emozionanti sono state le varie finali scudetto e le partite degli Europei con la Nazionale.

D: una partita delle giovanili, io giocavo a Idea Sport e quella volta eravamo contro Vittuone. Mi allenava Mantovani, il mio più grande allenatore di sempre. Vincemmo di un punto: io fui decisiva segnandone 32.

Cosa ti ha spinto a scegliere il Sanga quest’anno?

A: il progetto Sanga, il Baskin e tutto quello che ho al di fuori del ‘mondo basket’.

D: per una volta volevo potermi dichiarare una vera milanese.

Tutte e due siete state ferme a inizio stagione per infortunio. Come state ora?

A: io sono rientrata da una settimana dopo un mese e mezzo di stop. Ho ancora qualcosina da sistemare, devo recuperare il fiato e allenarmi per rimettermi al pari con le altre. Ne approfitto per ringraziare tutti quelli che mi hanno curato, supportato e soprattutto sopportato in questo periodo… GRAZIE!

D: una meraviglia, grazie!

Cosa pensi del girone in cui siete inserite?

A: un girone molto competitivo, molte squadre si equivalgono e quindi, fino alla fine, nulla è scontato.

D: è il girone più duro. Per fortuna conosco molte giocatrici delle altre squadre e penso che questo mi possa aiutare per impostare il mio gioco.

Prossima partita: derby contro Geas e un’avversaria in area come Laterza. Che partita sarà?

A: sarà una partita avvincente! E come in ogni derby, ci sarà un clima particolare.

D: non mi spaventa. La rispetto, sono forte come lei!

Vuoi dire qualcosa ai tifosi?

A: dai bambini ai più grandi, dobbiamo essere come un’unica squadra in campo. Un pensiero particolare alla Gradinata Agitata: i numeri uno! Un gruppo di ragazzi super, sempre presenti, anche in trasferta. Non ho mai avuto un tifo così, grazie a tutti.

D: non vi deluderò!

Ringraziando le nostre due ospiti cogliamo l’occasione per ricordare l’appuntamento di sabato 15 novembre alle ore 20.30 per il derby tra GEAS Basket e Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano presso il PalaCarzanga di via Falck 110 a Sesto San Giovanni.

SangaAlghero-105Non solo gomitate e occhi neri! Nella foto Cala e Dunja festeggiano dopo la vittoria con Alghero.