Il Sanga riabbraccia il Cambini, in arrivo la VelcoFin Vicenza

Ritorno alle origini per la Tramo Group-Ponte Casa d’Aste che, dopo la splendida vittoria esterna a Selargius, ospiterà la VelcoFin Vicenza nell’amata palestra Cambini (palla a due sabato alle 18.00), completamente rinnovata dopo due anni di lavori.

L’AVVERSARIO
– Impegno di prestigio, da leggenda il palmares delle venete con 12 scudetti e 5 coppe dei campioni, e rivale da temere nonostante i profondi cambiamenti apportati durante la offseason. Partite le veterane, Pegoraro, Madonna, Pieropan, Nicolodi e Jakovina, ecco arrivare alla corte di coach Chimenti le sorelle Destro, Santarelli e la giovane promettente Brcaninovic. L’emergente lunga bosniaca è stata la leader nel perentorio successo delle biancorosse su Pordenone.

CASA SANGA
– L’esordio vincente in Sardegna ha tolto però ogni timore alle Orange pronte a respingere l’assalto delle ospiti. Le perduranti assenze di capitan Maffenini e Sara Canova (oltre a quella possibile di Giulietti ancora dolorante alla caviglia destra, a cui si è aggiunta Rossi con problemi a una mano) costringeranno come sempre lo staff tecnico a qualche aggiustamento, coach Franz Pinotti (che verrà sostituito in panchina ancora da Antonio Pollice causa la seconda giornata di squalifica) però esalta le qualità camaleontica della sua squadra: “La sfida con Selargius ha dimostrato la qualità e la versatilità delle nostre ragazze. Evaporati i timori iniziali, le assenze importanti e le incombenti responsabilità, il gruppo ha compreso che queste potevano essere opportunità importanti. Sono cresciute tutte di livello durante la partita, leggendo bene la gara, e sfruttando le tante possibili soluzioni. Capacità tecniche e tattiche che proveremo ad utilizzare anche contro Vicenza, squadra che ha caratteristiche simili alle nostre (amiamo entrambe la transizione veloce), dovremo essere perfette nel trovare i giusti adattamenti”.

Prima della partita grande Festa Minibasket Sanga, con tanti bambini e bambine pronti a sostenere le proprie beniamine, ormai entrate nei loro Cuori. 

MEDIA – Aggiornamenti sui canali social Sanga Basket, play-by-play sul sito ufficiale della Legabasketfemminile.

E’ GIA’ UN SANGA DA BATTAGLIA, DOMATA CREMA IN OVERTIME, 54-52

Sfida mai banale quella tra Ponte Casa d’Aste Milano e TecMar Crema, l’ennesima conferma arriva dalla prima gara della Coppa Lombardia 2017 chiusa dopo un overtime che premia grinta e lucidità delle orange nei momenti chiave.

Partita sempre in grande equilibrio con le difese, anche qui leitmotive delle tante battaglie delle ultime stagioni, grandi protagoniste. Capitan Maffenini e compagne rispondono colpo su colpo alle fiammate di Caccialanza e Capoferri. Incertezza che sembra allentarsi in apertura di quarto periodo con Canova che firma un mini strappo, 41-35. Crema regge sfruttando alcune chiamate arbitrali che penalizzano eccessivamente le lunghe milanesi, assai discutibile il quinto fallo di Guarneri (ben 8 i recuperi della guerriera novarese). Le cremasche mettono la freccia e sul più 4 sentono profumo di vittoria con soli 50 secondi sul cronometro. Canova, in contumacia Maffenini tenuta precauzionalmente ai box, si issa sulle spalle il peso offensivo della squadra siglando la tripla rabbiosa del meno 1, Crema stecca un libero e Milano impatta forzando il supplementare.

Nel prolungamento coach Pinotti pesca dal mazzo il jolly Giulietti al posto di una spenta Pozzecco. Proprio la guardia orange sigilla due liberi decisivi in modo glaciale, la mano educata di Novati (3/5 da tre) spara il siluro che fa barcollare le rivali, la difesa di una commovente Martelliano (ben 11 rimbalzi) e la sapienza cestistica di Picotti fanno il resto, 54-52 il finale.

Note liete anche dalla panchina Sanga, minuti preziosi e di qualità delle giovanissime Quaroni e Grassia, ora per la truppa di coach Pinotti in arrivo il secondo appuntamento, questa volta con Albino, sempre a Carugate sabato 16 settembre alle 21.

IL PONTE CASA D’ASTE: Canova 15, Novati 11, Martelliano e Picotti 8, Guarneri 5, Maffenini 4, Giuletti 2, Grassia 1. 

Ufficio Stampa Sanga Milano 

REDS & PICO al SANGA

Martina Picotti e Giulia Rossi, due ottime giocatrici pronte a rinforzare il Sanga Team versione sportiva 17_18 che, guardando il nuovo roster, appare già molto “più lungo” ed equilibrato della scorsa stagione.

Questo il pensiero di coach Pinotti sul play Giulia Rossi: “Viene da un’ottima stagione con Varese, con la quale ha giocato la finale per salire in A2. Vorrei portarla sui livelli di tre anni fa, quando la lanciammo nel mondo della serie A. Ha doti complementari a Pozzecco. Ci serviva come il pane. Rafforziamo il playmaking, il nostro tallone d’achille dello scorso anno. Con Pozzecco formano la miglior coppia di play della A2. Conto sull’entusiasmo dell’ambiente e sulle qualità morali del gruppo, per puntare a una grande stagione”.

 

Un lieto ritorno anche quello di Martina Picotti, reduce da un campionato personale di altissimo livello con Crema (10 punti e 7 rimbalzi di media a partita). E’ ancora il coach milanese a commentare: “Lo scorso anno si è sentita la sua mancanza nel gruppo e in campo. Non a caso è stata la migliore di Crema contro di noi. Arriva con un compito da leader. Ci darà sicurezza mentale, è capace di trascinare le altre ragazze anche solo con il comportamento e l’esempio”.  

Ufficio Stampa Sanga Milano

 

San Gabriele Mercato: Ora è ufficiale Paola Novati è una tigre del Sanga

paola-novati-sanga-firmaL’attesa firma è arrivata giovedì scorso prima dell’allenamento serale e ora è ufficiale: Paola Novati è una nuova tigre del Ponte Casa D’Aste Milano. La forte ala pivot comasca è ufficialmente tesserata come giocatrice del San Gabriele Milano e vestirà in questa stagione sportiva la casacca neroarancio sia della serie A che della squadra Under20. Paola, cresciuta nella scuola del Pool Comense ha poi disputato alcune ottime stagioni a Biassono per poi giungere a Costa Masnaga dove è rimasta fino alla passata stagione quando ha anche giocato la seconda parte del campionato di serie B con il Basket Como. Paola è un prospetto emergente ma nel suo curriculum vanta già tante finali nazionali giovanili e la prestigiosa convocazione in nazionale under18 con cui ha disputato quest’estate i campionati Europei. Insomma una nuova tigre, giovane e forte, è arrivata in casa Sanga… ed è una tigre che sa ruggire! Benvenuta Paola!
3-paola-150x144-novati

San Gabriele serie C: vittoria convincente a Legnano nell’ultimo test in vista dell’esordio in campionato

sanga-c-timeout
Segnali positivi e grandi progressi quelli evidenziati dal San Gabriele Milano di serie C nell’ultimo impegno amichevole precampionato. Il team di coach Maurizio Mazzetto domenica ha infatti vinto ma soprattutto convinto nella trasferta di Legnano dove ha affrontato e battuto le locali della Virtus Carroccio (avversario di pari categoria ma non del suo girone) per 46-64. Un match guidato fin dall’inzio dalle giovani neroarancio che trascinate dal trio di esterne Picarelli-Perini-Trianti
picarelli-trianti
perini-in-entrata
sono andate al riposo lungo avanti 18-34. Presenza, punti e solidità anche sotto le plance con Taverna
taverna-tiro
e la giovane 2000 Stilo in evidenza
stiloche hanno permesso a Milano di toccare anche il +25 prima di calare un po’ alla distanza. Nel complesso una buona prova corale come ha evidenziato a fine gara coach Mazzetto
mazzetto-zappetti: “Sono veramente soddisfatto della prestazione di tutte le ragazze che hanno confermato di essere in grande crescita individuale e di gruppo grazie al buon lavoro che stanno svolgendo settimanalmente in palestra. Per noi era l’ultimo test prima del debutto in campionato e abbiamo offerto una buona prestazione sia in difesa che in attacco, questo ci fa ben sperare. Abbiamo tanti punti nelle mani, ben distribuiti, e incominciamo a non aver paura dei contatti, anzi ci facciamo valere anche contro avversarie più esperte di noi. Tutti segnali molto positivi che mi fanno vedere con grande ottimismo il debutto di venerdì 7 in trasferta (ore 21) contro la neopromossa Pizzighettone. Presto per dire dove potremo arrivare in campionato ma con la squadra che abbiamo non ci nascondiamo: possiamo e vogliamo essere protagonisti. L’obiettivo è arrivare ai playoff, poi ci divertiremo…”.
Questo il tabellino di Virtus Carroccio Legnano-San Gabriele Milano 46-64 (18-34. Picarelli 12, Perini 10, Calciano, Trianti 14, Monti 6, Taverna 9, Stilo 9, Angeretti, Ferrario, Delcour 4. All. Mazzetto-Zappetti.
sanga-rhosanga-rho-finale

San Gabriele serie A2: Ponte Casa d’Aste vince il Memorial Zacchetti, ultimo test precampionato

sanga-1-a-tortona
sanga-trofeo-a-tortona
Vince e convince il Ponte Casa d’Aste Milano che sabato scorso si è aggiudicato il Trofeo Piero Zacchetti ultimo test precampionato. Le tigrotte di coach Franz Pinotti sono scese sul parquet di Tortona dove hanno reso vista alle pari rango dell’Eco Program Castelnuovo Scrivia dell’ex Clara D’Amico confermando la loro costante crescita in termini di gioco e intesa. Contro una squadra locale incompleta viste le assenze della straniera Groos e di Algeri, il Sanga ha preso da subito in mano la gara aggiudicandosi il primo quarto per 9-20 e indirizzando il match sui binari prefissati. Solo nella seconda frazione infatti le padroni di casa con una bella reazione sono riuscite a riportarsi sotto avvicinandosi all’intervallo sul 28-42. Ma di fatto è stata una fiammata visto che dopo la pausa lunga le milanesi guidate in regia da Pozzecco, ispirata anche da fuori, con capitan Maffenini a spaccare la difesa piemontese in penetrazione e con la lunga lettone Liga Vente (top scorer con 20 punti e 9 rimbalzi) a dominare nel pitturato, hanno riallungato per non guardarsi più indietro. Ampie rotazioni in casa neroarancio con Guarneri in evidenza sotto canestro con 10 rimbalzi catturati, bene anche Canova e la giovane Giulietti. Alla fine applausi per tutti e foto di rito con tutte le protagoniste in campo che si ritroveranno di fronte anche nel giorne A del campionato di serie A2 che prenderà il via nel prossimo week end. Quando il Ponte Casa d’Aste Milano renderà visita subito alla corazzata B&P Costa Masnaga sabato 8 alle ore 21: subito un derby da circoletto rosso. Le tigri milanesi hanno però dimostrato di essere in salute e in questa settimana affileranno ancora di più le unghie in allenamento per presentarsi a Costa pronte a ruggire.
Questo il tabellino finale del Memorial Piero Zacchetti:
Eco Program Bc Castelnuovo – Sanga Milano 52-79 (9-20, 28-42, 41-62).
Eco Program: Rosso 10, Bergante 3, D’Amico 1, Gabba 9, Porro 15, Giangrasso 2, Gavio, Vitari, Salvini 12, Cepollina. All. Pozzi.
Sanga: Canova 9, Pozzecco 15, Rossini 3,Martelliano 7, Bottari, Maffenini 16, Giulietti 5, Taverna, Guarneri 2, Vitali, Vente 20, Galliano 2. All. Pinotti
santa-castelnuovo-scrivia-memorial

Il Sanga Milano chiude in bellezza, una splendida Colli piega Roma

Finale di stagione con il segno più per Il Ponte Casa d’Aste Milano che stende la SRB Belize Roma grazie ad una sontuosa prova di Claudia Colli. La guardia milanese infatti confeziona la sua miglior partita dell’anno con cifre che rasentano la perfezione, 23 punti con 8/11 dal campo, 5/5 ai liberi e 2 recuperi per un 30 di valutazione complessiva. Un successo comunque nato anche dalla grande prova di orgoglio delle Orange che, seppur incerottate, tengono botta contro un’avversaria solida trascinata dalle triple di un’indomita Grattarola (26 con 9 rimbalzi) e dalle iniziative di una sempre pericolosa Magistri (13 con 6 falli subiti). Un successo meritato per le ragazze di coach Franz Pinotti che, dopo aver sfiorato l’accesso alla poule promozione, si sono regalate una tranquilla salvezza maturata in una situazione di continua emergenza per i troppi infortuni.

LA GARA

Le Orange partono con le marce alte, Claudia Colli incide subito il suo imprimatur sulla gara ben spalleggiata dal buon inizio di Loriana Valli, premiata da coach Franz Pinotti con lo starting five. Milano sfrutta la sua straordinaria capacità di eseguire bene in transizione, Giulia Rossi ispira mentre Valentina Ruisi esegue, 14-2 al 5‘. Si sveglia dal torpore Roma che trova punti fondamentali da Grattarola. Importante anche l’impatto di Magistri che, con le sue incursioni in area colorata, genera più di un problema alla difesa milanese, 19-9. Sale di colpi la difesa del Belize che pesca ancora con Grattarola il jolly da fuori per il meno 6, 24-18, nonostante i tanti errori delle romane dalla lunetta (16/37 il dato alla sirena). Colli però è totalmente intrattabile, triple, giocate di grande qualità e canestri che rimettono ancora avanti Milano con sicurezza, 37-25 a metà gara. Dopo la pausa lunga le ospiti operano il massimo sforzo per recuperare, Grattarola è un martello, Masoni ha una fiammata importante, 45-40. Sale anche il nervosismo di una gara comunque vibrante nonostante non ci siano in palio esigenze di classifica, qualche fallo di troppo (ed i conseguenti tecnici per proteste) delle romane ridonano ossigeno puro al Ponte Casa d’Aste che torna ad un vantaggio in doppia cifra grazie a Rossi, 51-40. Grattarola non si arrende e, nonostante le uscite per falli di Magistri e Di Stazio, si aggrappa alla partita con rabbia, 53-49. Milano resta all’asciutto per diversi minuti ma stringe i denti respingendo l’ultimo assalto grazie ancora ad un siluro di Colli che fa esplodere il PalaGiordani poco prima della quinta penalità. Nel finale Rossi, Ruisi e Calastri mettono al sicuro il successo, 62-56.

Il Ponte Casa d’Aste Milano: Colli 23, Rossi 14, Ruisi 8, Calastri e Valli 6, Contestabile 3, Trianti 2.
Belize SRB Roma: Grattarola 26, Magistri 13, Masoni 10, Ciavarella e Rubinetti 3, Di Stazio 1.

Il Ponte Casa d’Aste Milano attende Roma per l’ultimo turno di campionato

Finale di stagione per Il Ponte Casa d’Aste Milano che chiude il campionato ricevendo la visita della SRB Roma. Squadra difficile e molto fisica che all’andata fece valere proprio la potenza ed il mestiere vicino canestro per arginare la velocità delle ragazze di coach Franz Pinotti. Domenica (palla a due alle ore 16) sarà una giornata speciale per tutto il Sanga Mondo, oltre a celebrare la settima salvezza delle Orange sarà presente al completo la squadra di Baskin, impegnata nelle fasi decisive per i playoff del campionato di categoria, che verrà presentata durante l’intervallo della sfida con le capitoline. L’ingresso al PalaGiordani sarà totalmente gratuito con l’obbiettivo di colorare di arancio la tribuna al completo dell’impianto di via Cambini. Per presentare la sfida di domenica pomeriggio oggi abbiamo scelto una delle giovani promettenti del vivaio Orange ovvero Alice Taverna, l’ala milanese protagonista sia tra le U17 ed U19 racconta anche la sua esperienza dell’annata con la prima squadra: “ Con la SRB sicuramente sarà una partita dura, sono una squadra molto ruvida e fisica come hanno già dimostrato durante la partita di andata, noi siamo però un gran gruppo e faremo tesoro degli errori commessi a Roma. Purtroppo ancora oggi un po’ tutte abbiamo qualche problema fisico, speriamo di recuperare anche Giulia Maffenini, pilastro fondamentale della nostra squadra, ma la nostra forza sta nel superare qualsiasi avversità con coraggio. Questa stagione per quanto mi riguarda è stata straordinaria, ho fatto tanta esperienza giocando molti più minuti rispetto allo scorso anno, il tutto in un gruppo fantastico fatto di vere amiche, dentro e fuori dal campo. Spero che nella prossima stagione nulla cambi e che ci veda tutte ancora insieme per una nuova avventura. Ringrazio l’allenatore e la società per la fiducia che mi hanno dimostrato, Sangababygang per sempre!”.

Palla a due domenica alle ore 16 presso il PalaGiordani di via Cambini 4 a Milano, arbitreranno i Sig.ri Paolo Sordi di Casalmorano (CR) e Roberto Corbari di Cremona (CR)

Il Sanga prima crolla, poi rimonta ma alla fine sorride ancora Salerno

Il Ponte Casa d’Aste Milano non sfata il tabù Salerno, le ragazze di coach Franz Pinotti prima affondano, poi recuperano con orgoglio e carattere ma alla fine non completano la rimonta e la Carpedil chiude con un 2-0 il back to back con le milanesi. Sconfitta che porta con se, ormai come di abitudine, anche altri acciacchi ed infortuni con i due play Rossi e Bottari uscite malconce dalla sfida del PalaSilvestri. Ora per le Orange chiusura in casa contro Roma per ritrovare le residue energie e la voglia di regalarsi un ultimo successo davanti al pubblico amico.

LA GARA

Partenza subito in salita per Milano che patisce il ritmo e la maggiore organizzazione delle avversarie. Valerio ed Insfran-Gonzales sono sempre una sentenza ma è Ardito (14 con 11 rimbalzi) questa volta a fare la differenza sotto i tabelloni ribaltando la superiorità del Sanga nella sfida di martedì, 38-30 per la Carpedil il dato alla sirena finale. Le ospiti provano una reazione guidate da Colli e Ruisi, di Giulia Rossi il canestro del meno 2 alla fine del primo quarto, 13-11. E’ un fuoco fatuo spento subito dalla maggiore reattività ed organizzazione delle campane che allungano con decisione, Insfran-Gonzales prende per mano la squadra e guida Salerno al massimo vantaggio, 32-17 all’intervallo. Spartito che non cambia ad inizio ripresa, Il Ponte Casa d’Aste affonda travolto dall’intensità delle avversarie, 41-19 e gara che sembra ormai in archivio. Alle Orange non ha mai fatto difetto l’orgoglio, si scatenano Rossi, Colli e Ruisi, arriva l’eccellente impatto di Giulia Trianti (MVP per agonismo ed efficacia) che sigla due triple di capitale importanza e mette il bavaglio ad Insfran-Gonzales. Milano arriva ad un passo dal pareggio grazie alla grinta di Bottari prima e Falcone poi, 54-50 ad un minuto dal termine. Il piccolo miracolo del Sanga si ferma però qui, come nella gara del PalaGiordani manca lo sprint e la lucidità per chiudere la rimonta, Salerno ancora una volta chiude rischiando ma strappa un altro successo in questa eccellente seconda fase.
A fine gara coach Franz Pinotti analizza la sconfitta al PalaSilvestri: “Le ragazze hanno dimostrato un grande carattere nella ripresa, purtroppo non è bastato per vincere la partita. Abbiamo avuto anche la palla per il pareggio sul 46-48, poi nel finale abbiamo pagato ancora una volta il dazio degli infortuni (fuori entrambi i play Rossi e Bottari), bella la reazione delle giovani con Falcone e Trianti (2 bombe e 2 stoppate su Insfran-Gonzales). Proviamo a vedere il bicchiere mezzo pieno, ci saranno da rivedere alcune cose ma scorgo segnali molto positivi in prospettiva per il prossimo anno”.

Carpedil Salerno: Insfran-Gonzales 16, Ardito 14, Valerio 13, Dentamaro 5, Viale 4, Braida 3
Il Ponte Casa d’Aste Milano: Ruisi 13, Rossi 11, Colli 10, Trianti 6, Bottari e Calastri 4, Falcone 2

Sanga sprecone, Salerno ringrazia e passa nel finale al PalaGiordani

Serata da dimenticare per Il Ponte Casa d’Aste Milano che viene battuto in casa dalla Carpedil Salerno (50-56) nel recupero della sesta giornata del girone di andata della seconda fase. Poco da salvare nella sfida con le ragazze campane: pessime percentuali dal campo, orrende spaziature , troppe palle perse (ben 26 alla sirena finale) ed una generale sensazione di carenza di energie psicofisiche per le Orange che sembrano stremate dopo questa lunga, tormentata, stagione. Salerno gioca un basket ordinato senza eccellere ma ha il grande emerito di restare sempre aggrappato alla partita e, nel finale, si affida all’esperienza di un’ottima Insfran-Gonzales che traghetta le compagne al successo. Male in ogni reparto Milano la cui netta superiorità a rimbalzo (49-32) non sfocia in chiara supremazia tecnica, qualche sprazzo di luce dalla solita Valentina Ruisi e dalla coraggiosa Federica Bottari.

LA GARA
Che sarà una gara di sofferenza lo si evince dall’inizio stentato del Sanga che fatica a trovare conclusioni comode. Salerno raddoppia in modo sistematico in area colorata compensando il gap di centimetri con abnegazione e soluzioni tecniche semplici ma efficaci, 2-6. Il Ponte Casa d’Aste prova a reagire, Ruisi è l’abituale saetta in transizione, un paio di canestri di Colli e Contestabile ed è parità a quota 8. Insfran-Gonzales comincia a scaldare la mano che diventerà letale nel quarto periodo, ci pensa ancora Ruisi a tenere in avanti le padrone di casa a fine primo quarto, 16-15. Copione quasi identico nella seconda frazione, sale di colpi anche l’eccellente Camilla Valerio, la risposta arriva da Claudia Colli, 29-27 all’intervallo. Dopo la pausa lunga Milano ha diverse opportunità per allungare ma spreca in modo inopinato sia con i tanti rimbalzi offensivi catturati (e non convertiti spesso) dalla coppia Contestabile-Calastri, sia in contropiede dove Rossi e Colli non sono in una giornata da ricordare. Senza strafare la Carpedil inizia ad afferrare l’inerzia della sfida, di Dentamaro l’allungo, 37-41. Le iniziative di Bottari e l’ultima fiammata di Contestabile in apertura di quarto periodo danno l’ultimo vantaggio al Sanga, 43-41. Da li in poi è lo show della Insfran-Gonzales che si mette in proprio segnando a ripetizione sia in entrata che dal perimetro, oltre ad azionare Valerio che sfrutta i buoni movimenti in vernice per produrre il massimo allungo delle ospiti, 46-54. Sembra finita ma Salerno ha un piccolo black-out che rimette in corsa le Orange, ma nel finale un’inspiegabile palla persa di Colli ed alcune altre pessime scelte offensive delle ragazze di coach Franz Pinotti gelano le residue speranze di rimonta.

A fine gara il vice allenatore Andrea Piccinelli parla proprio del rammarico di una gara che era più che alla portata delle Orange: “Siamo dispiaciuti per questa sconfitta perché francamente potevamo e volevamo fare di più. Purtroppo non abbiamo giocato una delle nostre migliori partite specialmente in attacco mentre Salerno è stata più lucida nei momenti decisivi e nel finale. Gara complessivamente equilibrata e alla fine il risultato è un po’ severo ma ripeto i nostri avversari hanno sfruttato bene i nostri errori. Ci è mancata la lucidità nel secondo quarto quando siamo andati avanti e potevamo allungare, così come negli ultimi minuti quando potevamo concretizzare tanti possessi vanificati dalle troppe palle perse ed errori al tiro banali. Due dati emergono su tutti e confermano quanto ho detto: abbiamo vinto la gara a rimbalzo ma non abbiamo concretizzato questo vantaggio sbagliando tanto da sotto, inoltre le dieci palle perse in più rispetto alla Carpedil sono state purtroppo sanguinose. Sono convinto però che possiamo rifarci e già sabato in casa loro proveremo a dare battaglia”.

IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Calastri e Ruisi 10, Rossi 8, Bottari 7, Colli e Contestabile 6, Trianti 3.
CARPEDIL SALERNO: Insfran-Gonzales 21, Valerio 14, Dentamaro 11, Ardito 5, Braida 3, De Mitri 2.

 

Ponte Casa d’Aste Milano ad Alghero alla caccia dei punti salvezza

Trasferta ad Alghero crocevia della stagione per Il Ponte Casa d’Aste Milano, un successo garantirebbe la salvezza aritmetica alle ragazze di coach Franz Pinotti dopo la vittoria strappata la scorsa settimana alla diretta concorrente Virtus Cagliari. Sarà come sempre una gara non facile, sia per l’orgoglio della Mercede che (seppure senza l’infortunata Carolina Sanchez) ha dimostrato di volere combattere sino all’ultimo grazie alle sue giovani Francesca Boi e Lucrezia Zanetti, sia per l’ennesimo problema fisico che ha colpito le Orange, out per almeno 15 giorni Giulia Maffenini per il riacutizzarsi di un fastidio inguinale. Partita delicata ed importante per diversi motivi come spiega il vice allenatore del Sanga Maurizio Mazzetto: “Domani sarà una partita molto importante, prima di tutto per chiudere il capitolo salvezza, e poi per poter giocare il resto della seconda fase con più tranquillità. Tempo che ci consentirà di lavorare ancora di più sulla tecnica e sulla crescita delle ragazze, senza l’assillo dei problemi di classifica. Ho fiducia per la gara di Alghero, perché la squadra ha sempre dimostrato carattere e orgoglio nei momenti difficili. Ogni volta che doveva realizzare un obbiettivo, alzare la concentrazione e l’intensità le Orange hanno sempre reagito alla grande. Resta, quella con la Mercede, una sfida insidiosa, da prendere con molta cautela. Dovremo evitare ogni forma di rilassamento, non sottovalutando l’avversario. L’assenza di Sanchez potrebbe essere un comodo cuscino su cui adagiarsi, una distrazione che rischierebbe di toglierci la giusta intensità in campo. Sono certo che le nostre ragazze sapranno reagire, evitando pericolosi cali di tensione”.

Palla a due sabato alle 19.00 al Palazzo dello Sport di via Pacinotti ad Alghero, arbitreranno la sfida il Sig. Matteo Spinelli di Roma ed il sig. Giuseppe Cardano di Roma.

Ufficio Stampa Sanga Milano