San Gabriele serie A2: sabato ultimo scrimmage contro Castelnuovo Scrivia in vista dell’esordio in campionato

sanga-crema-coppa-lombadiaArchiviato con soddisfazione il terzo posto centrato in Coppa Lombardia, ora l’attenzione del mondo Sanga è focalizzata sull’ormai imminente debutto in campionato di serie A2 del Ponte Casa d’Aste previsto per sabato 8 ottobre sul campo dell’ambiziosa Costa Masnaga (ore 21). Ecco allora che dopo un’altra intensa settimana di allenamenti al PalaIseo, la squadra diretta da coach Franz Pinotti è pronta a giocare l’ultimo test precampionato ospite sabato 1 ottobre a Tortona (ore 18) dell’Eco Program BCC Castelnuovo Scrivia, formazione piemontese anch’essa inserita nel girone A di serie A2.
castelnuovo-scrivia-2016-17
Un nuovo banco di prova probante quindi per le tigrotte milanesi contro la squadra diretta da coach Fabio Pozzi che ha nel suo organico un’indimenticata ex quale l’ala comasca Clara D’Amico.
clara-damico
La bionda esterna è uno dei punti di forza del quintetto piemontese insieme alle veterane Gabba e Bergante, all’ex guardia biassonese Giulia Porro mentre sotto le plance assicurano centimetri e qualità le lunghe Salvini e Vitari. In forse sabato invece la presenza della straniera biancorossa, l’ala finlandese Krista Gross infortunata. In casa del Ponte Casa d’Aste invece recuperate sia Liga Vente che la capitana inossidabile Giulia Maffenini che, smaltita l’influenza che l’aveva messa ko prima della finale per il 3°-4° posto della Coppa Lombardia,
giulia-maffenini-capitana-sangasabato sarà di nuovo in campo per suonare la carica delle tigrotte di coach Pinotti. “Mi aspetto buone indicazioni da questa sfida contro Castelnuovo, squadra completa e interessante – ha sottolineato alla vigilia dell’amichevole il tecnico orange – Ecco perché per noi è un test importante in vista del debutto in campionato e anche per confermare le buone cose fatte vedere in Coppa Lombardia”.
sanga-terzo-alla-coppa-lombardia-2016

San Gabriele serie C: ultimo test precampionato domenica a Legnano

Messa in bacheca la coppa del terzo posto conquistato nel weekend scorso in occasione del Torneo quadrangolare di Melzo, la giovane squadra di serie C del San Gabriele Milano vede ormai nel mirino il debutto in campionato previsto per venerdì 7 ottobre a San Bassano campo del Pizzighettone. Ecco allora che a meno di una settimana dall’atteso esordio il team nero arancio timonato dal prode Maurizio Mazzetto e dal fido assistente Nik Zappetti, ritorna in campo per l’ultimo test precampionato. Domenca 2 ottobre infatti alle ore 18 il Sanga sarà ospite, per un’amichevole di pari categoria, a Legnano della Virtus Carroccio formazione anch’essa prossima all’esordio in serie C ma nel girone B. Un’ultima sgambata utile alle tigrotte milanesi, reduci da una buon periodo di allenamenti in palestra, per oliare schemi ed equilibri perchè tra meno di una settimana si farà su serio e si giocherà per i primi due punti.
sanga-serie-c-selfie-torneo-melzo

San Gabriele 2003-04-05: le bay tigrotte di coach Colombo tornano in campo…in alta quota

Dopo il fragoroso esordio stagionale vinto con tanto di centello contro le pari età della Vismara Milano, le baby tigrotte 2003-04-05 del San Gabriele sono pronte a tornare in campo nel weekend… in alta quota. Appuntamento da non perdere infatti in questo fine settimana per le ragazze allenate da Giorgia Colombo che sono state invitate a partecipare al Torneo di Bielmonte in provincia di Biella, interessante quadrangolare femminile organizzato in una cornice mozzafiato all’interno di un’oasi naturale sulle colline piemontesi. Una bella occasione per affinare giochi e amalgama per la squadra guidata in panchina con maestria ed entusiasmo da coach Giorgia ma soprattutto una esperienza utile per consolidare e cementare ancora di più il gruppo come spiega l’allenatrice orange non nuova a questa trasferta a Bielmonte: “E’ vero ci torniamo ogni anno ed è sempre un’esperienza interessante e molto utile per tutta la squadra non solo in campo anche perché avremo la possibilità di dormire fuori casa e passare tanto tempo insieme. In campo invece le bimbe potranno mettere in pratica quanto stiamo provando in allenamento sopratutto le collaborazioni offensive”. Partenza fissate per sabato alle ore 14 da via Frigia quindi la truppa neroarancio disputerà la prima partita del torneo quadrangolare alle ore 17 contro Milano Basket Stars. Domenica invece doppia sfida a squadre piemontesi: prima contro le Stars Novara e quindi contro Torino per provare a conquistare e riportare a Milano, come già successo nel recente passato, il Trofeo Bielmonte. Le tigrotte Sanga affilano le unghie e sono pronte, sempre con il sorriso sulle labbra, a ruggire ancora!
sanga-2004-con-coach-giorgia-colombo

San Gabriele Milano Under16: tigrotte in campo al 16° Memorial Nina Pasquini di Crema

Appuntamento di cartello per la squadra under16 Elite del San Gabriele Milano che sabato 1 ottobre torna in campo per partecipare al prestgioso 1° Memorial Nina Pasquini in programma a Crema. Per le tigrotte un’altra tappa di avvicinamento verso l’esordio nel campionato lombardo che le vedrà sfidare sabato pomeriggio dalle ore 15 sul campo della palestra Comunale Alberto Cremonsi di via Pandino la squadra locale del Basket Crema e le fortissime campionesse lombarde del Geas Sesto San Giovanni. Dopo il successo nel torneo di Pioltello e lo scrimmage in famiglia svolto in settimana contro le Under18 Sanga, per il team neroarancio ecco altri due test probanti per affinare giochi, chimica e l’inserimento delle due nuove arrivate Elena Di Marino e Petra Matteucci entrambe classe 2002. Sabato il San Gabriele esordirà subito nel primo mini match di 20’ del Memorial Pasquini affrontando alle ore 15 le padroni di casa di Crema, quindi nella seconda partita le perdenti sfideranno Geas Sesto mentre di seguito andrà in scena la terza e ultima sfida che assegnerà il prestigioso trofeo. Ricordiamo che intanto il comitato fip lombardo ha pubblicato l’elenco delle squadre iscritte al girone Elite 2016/17: il San Gabriele Under16 se la vedrà con Basket Costa Masnaga, Geas Sesto, Usmate, Vittuone, Brixia Brescia, Basket Mariano Comense, Excelsior Bergamo e Unica Milano Basket Stars. Nei prossimi giorni sarà diramato il calendario del girone che dovrebbe iniziare dopo metà ottobre
image

Ponte casa d’Aste Milano si conferma terza forza in Coppa Lombardia

sanga-premiata-terza-alla-coppa-lombardia-2016
Il Ponte Casa d’Aste Milano per il secondo anno consecutivo sale sul terzo gradino del podio della Coppa Lombardia. L’edizione 2016 del prestigioso torneo riservato a squadre nostrane di serie A2 femminile ha visto il quintetto milanese diretto da coach Franz Pinotti bissare il risultato dell’anno scorso e conquistare un ottimo terzo posto piazzandosi alle spalle della regina B&P Costa Masnaga e del quotato Geas Sesto San Giovanni. Dopo aver perso il match d’esordio settimana scorsa a Costa Masnaga, le tigrotte meneghine si sono ampiamente riscattate in questo fine settimana centrando una doppia vittoria a spese di vittime illustri quali Crema e Albino. Un weekend intenso quindi per il Ponte Casa d’Aste che ha aperto sabato ospitando l’ultima giornata di qualificazione proprio sul campo di casa di via Iseo. Avversario di turno la quotata Tec Mar Crema dell’ex Martina Picotti, out all’ultimo momento per un problema muscolare. Le cremasche pur se in formazione rimaneggiata hanno iniziato meglio la gara comandando per oltre due quarti e raggiungendo anche il massimo vantaggio di +17 sul 24-41. Sull’orlo del baratro però le tigri milansei hanno finalmente acceso la luce , dirato le ombre e cambiato marcia. E’ stata la capitana Giulia Maffenini così a suonare la carica a metà del terzo quarto e a propiziare un incredibile parziale che ha permesso al Ponte Casa d’Aste di coronare la rimonta, trascinato dall’entusimo del pubblico di casa, e andare a vincere per 64-54.
sanga-crema-coppa-lombadia
sanga-a2-e-esordienti
Una perentoria cavalcata quella delle tigrotte nero arancioni che di fatto ha rappresentato una vera svolta non solo nel gioco e nel risultato… seguendo finalmente il motto dell’anno: “Con Ferocia e Detrminazione”. Conquistato così l’accesso alla finale del 3° quarto posto, il Ponte Casa d’Aste ha confermato questa svolta già il giorno successivo quando a Crema si è trovato di fronte per salire sul terzo gradino del podio un’altra squadra ostica e ben costruita come la Fassi Edelweiss Albino. A rendere la finalina ancora più dura ci si è messa l’assenza all’ultimo minuto della febbricitante Maffenini. Una tegola che però ha probabilmente responsabilizzato maggiormente le compagne che infatti sono scese in campo con l’approccio giusto e gli occhi.. di tigre. Trascinate dal fosforo di Federica Pozzecco in regia, l’aggressività delle due esterne Roby Martelliano e Sara Canova e dall’incisività sotto le plance della lettone Liga Vente ma anche di una sempre più convincente giovane Paola Novati, ecco che il Sanga ha preso in mano da subito le redini del match andando al riposo doppiando le avversarie. La trama del match non è di fatto cambiata dopo l’intervallo con le milanesi brave a restare concentrate, soprattutto in fase difensiva, anche qundo coach Pinotti ha ruotato tutta la rosa a disposizione. In evidenza Stefania Guarneri una leonessa nel pitturato, la ritrovata Federica Bottari e la giovane under Giada Perini. Il + 22 finale è così il giusto premio per una finale ben giocata ma anche per una crescita importante che il Pote Casa d’Aste ha confermato anche in queste due ultime partite di Coppa Lombardia.
sanga-terzo-alla-coppa-lombardia-2016
I tabellini del weekend : Sanga Milano- Tec Mar Crema 64- 54 (Milano: Canova 2, Pozzecco 11, Rossini 2, Martelliano 5, Bottari, Maffenini 17, Giulietti 3, Guarneri 3, Novati 5, Vente 16. All. Pinotti).
Finale 3° -4°posto Sanga Milano- Albino 60-38 (Milano: Perini 2, Canova 11, Pozzecco 2, Rossini, Martelliano 12, Bottari 4, Maffenini ne, Guarneri 4, Novati 10, Valli 3, Vente 11, Galiano 3. All. Pinotti)
Questi tutti i risultati delle finali del Coppa Lombardia 2016 andate in scena a Crema:
finale 5°-6° posto Crema-Carugate 71-49; finale 3°-4° posto Sanga Milano-Albino 60-38, finale 1°-2° posto Costa Masnaga-Geas Sesto 50-42. Classifica 2016: 1° Costa, 2° Geas; 3° Ponte Casa d’Aste Milano, 4 Albino, 5 Crema, 6° Carugate.
Il Ponte Casa d’Aste tornerà in campo sabato 1 ottobre a Tortona (ore 18) per sfidare in amichevole la formazione piemontese del Castelnuovo Scrivia nell’ultimo test in vista del debutto in campionato di A2 previsto per sabato 8 ottore a Costa Masnaga.

Il Ponte Casa d’Aste Milano affila le unghie: sabato 24 esordio al PalaIseo contro Crema per l’ultimo turno di Coppa Lombardia

sanga-pyrates

Mondo Sanga ci siamo il Ponte Casa d’Aste Milano è pronto all’esordio casalingo in questa nuova stagione cestistica. Sabato 24 settembre alle ore 19 infatti il team di coach Franz Pinotti scende sul campo amico di via Iseo per affrontare nel 3° turno di Coppa Lombardia la Tec Mar Crema in quella che rappresenta la sfida decisiva che vale la qualificazione alla finale 3°-4° posto della kermesse riservata alle sei squadre di A2 della nostra regione. La prima piazza del girone infatti è già stata conquistata in anticipo dalle lecchesi della B&P Costa Masnaga che nel weekend scorso hanno prima superato Crema per 66-56 e poi 24 ore dopo anche le tigri del Sanga per 75-59. Ecco perché la squadra nero-arancio sabato vuole debuttare con il botto sul campo amico e davanti ai propri tifosi. Di fronte però un avversario quotato come Crema che dopo essere arrivato alla finale promozione nella stagione scorsa, battuta solo dalla corazzata Broni, si candida a recitare un ruolo da protagonista anche quest’anno in serie A2.

Anche perché potrà contare sul rientro di una grande ex tigrotta quale Martina Picottimartina-picotti-milano-2015-16, ala classe 1990, che proprio lo scorso anno ha vestito da protagonista la maglia del Ponte Casa d’Aste trascinando con la sua esperienza e la sua abilità tecnico–tattica, la squadra ai playoff. Un ritorno quindi che, anche se da avversaria, sarà molto gradito per una giocatrice che ha lasciato tanti bei ricordi nei cuori del Sanga. Sarà però proprio Picotti una delle osservate speciali della sfida di sabato: con lei anche la bomber dell’est Veinberga, l’esperta lunga Gilda Cerri senza dimenticare sul perimetro i tre motorini della Tec Mar Capoferri-Caccialanza-Rizzi. Un terzetto che assicura velocità, aggressività ma anche tanti punti al team di coach Luca Visconti che in questa Coppa Lombardia si è dovuto presentare non al completo viste le assenze forzate delle infortunate Parmesani, Mandelli e Zagni.

In casa Sanga però si pensa solo a fare bene e continuare nel percorso di crescita tecnico-tattiaca magari provando a fare meglio rispetto alla prova espressa tra luci e ombre nel match di settimana scorsa perso a Costa Masnaga. Grande attesa tra i tifosi milanesi per vedere all’opera sul parquet del PalaIseo le nuove arrivate: dalla lunga lettone Liga Vente alla giovane Paola Novati ma anche le rientranti Sara Canova e Stefania Guarneri che già in passato avevano vestito in tempi diversi la maglia arancione. La sfida Ponte Casa d’Aste-Tec Mar Crema offre quindi tanti spunti per essere vista anche perché lo scorso anno regalò sempre spettacolo come nella finale 3°-4° posto proprio della Coppa Lombadia, vinta dal quintetto di Franz Pinotti. A seguire sabato sempre al PalaIseo alle ore 21 l’ultimo match del girone A tra Castel Carugate e Fassi Edelweiss Albino, che vale anch’essa un posto alla finale per il 3° 4° posto visto che entrambe le formazioni settimana scorsa sono state battute da Geas Sesto. Questi i risultati dei primi due turni della Coppa Lombardia 2016: B&P Costa Masnaga-Tec Mar Crema 66-56, Geas Sesto-Castel Carugate 60-42; 2° turno a Costa Masmaga: Geas-Fassi Edelweiss Albino 56-54, Costa Masnaga-Ponte Casa D’Aste Milano 75-59. Alla luce di questi risultati è gia stabilita la finalissima che sarà domenica 25 alla palestra Cremonesi di Crema alle ore 20.30 Geas-Costa Masnaga. Questi gli orari delle altre finali: 5°-6° posto ore 16.30, 3°-4° posto ore 18.30. Il programma completo di sabato 24 al PalaIseo di Milano ore 19 Ponte Casa d’Aste Milano-Tec Mar Crema, ore 21 Albino-Castel Carugate. Nel pomeriggio quale divertente prologo alle due partite di serie A2 femminile andrà in scena sempre sul parquet del PalaIseo alle ore 16 un torneo triangolare giovanile riservato alla categoria Esordienti che vedrà in campo le squadre del Sanga Milano, Basket Costa Masnaga e Cusano Milanino.

Scalda i motori anche la “cantera” del Sanga Milano: è tempo di prime amichevoli e tornei per le giovanili

Non solo la prima squadra del Ponte Casa d’Aste Milano ha aperto ufficialmente la nuova stagione sportiva ma anche il settore giovanile del San Gabriele è già al lavoro e scalda i motori. Lo staff orange infatti ha programmato alcune amichevoli e tornei pre season che accompagneranno le varie formazioni al debutto nei rispettivi campionati lombardi. Apripista della “cantera” milanese la squadra Under20, campione lombarda in carica, che scende in campo già in questo weekend: domenica 11 infatti giocherà la sua prima amichevole ospitando alle ore 17.30 presso il campo amico di via Frigia il Btf Cantù formazione allenata dal tecnico milanese Daniel Berri che milita in serie C. Per il team orange diretto anche quest’anno da coach Andrea Piccinelli l’occasione per oliare schemi e nuovi equilibri di un gruppo in gran parte confermato a cui sono stati aggiunti rinforzi di spessore quali l’ala forte Paola Novati, reduce dall’importante esperienza in azzurro ai Campionati Europei Under18, e la rientrante guardia Giorgia Picarelli.

Settimana prossima invece toccherà alle Under16 che parteciperanno al Torneo quadrangolare di Pioltello: sabato 17 le semifinali (ore 16 .15 e 17.15), domenica 18 le finali (ore 15.30 e 17.30). Il weekend successivo vedrà invece il debutto ufficiale del gruppo Under18/serie C affidato al tandem Maurizio Mazzetto-Niccolò Zappetti che sarà protagonista del Torneo di Melzo sabato 24 e domenica 25 settembre in vista dell’esordio nel campionato lombardo di serie C previsto per l’8 ottobre. Il 1 ottobre invece saranno ancora di scena le Under16 Elite invitate a Crema per partecipare al tradizionale “16° Memorial Giuseppe Spinelli” che le vedrà sfidare nel pomeriggio la formazione locale cremasca e il quotato Geas Sesto San Giovanni.

UFFICIO STAMPA SANGA MILANO

U20 Sanga Campionesse Lombarde

Tanta attesa e un’ottima affluenza di pubblico per queste “nuove” finali Under 20F Lombarde, con la formula Final-Four mutuata dalla Coppa Italia. E’ il Sanga, targato IL PONTE CASA D’ASTE, a conquistare il primo titolo giovanile lombardo del 2016, con 16 vittorie su 16 partite in stagione. Nella finalissima giocata al PalaIseo di Via Iseo 3 di Milano, Sanga domina alla distanza Carugate per 58-41.
Ma andiamo per ordine alla cronaca:
La prima giornata si apriva con un Varese, guidato per l’occasione dal Vice Coach Zanotti, a cui non riusciva l’impresa di battere la corazzata Carugate. Partita molto fisica e contratta per entrambe le squadre che faticavano a trovare la via del canestro. Eloquente il punteggio di fine primo quarto 13-7, che veniva quasi replicato nel secondo (13-11); per un punteggio di metà partita che vedeva le Carugatesi condurre 26-18. Il secondo tempo cominciava con Varese che inutilmente provava a rialzare la testa contro Beretta e compagne; Carugate non mollava e reagiva. Nel finale le “bianco-rosse” alle corde e prive di due giocatrici fondamentali sprofondavano fino al -14 per terminare poi con un dignitoso 56-49: in evidenza Capitan Biasion; anche se non sufficientemente per strappare un referto rosa.

Coach Luca Zanotti a fine partita ha commentato: “Spesso siamo stati vittime dei nostri errori, con Carugate pronto a punire. Però le mie sono state brave a non mollare mai e provarci fino alla fine. Ora la testa è alla Finale”
Ottimismo e tanta voglia di riscatto invece sul versante “Blue” per l’accesso alla finale 1-2 posto, aspettando la compagine Milanese e con l’auspicio di cancellare la doppia debacle della serie regolare.
E, infatti, sorrideva anche al Sanga la prima giornata di finale. Un Sanga capace di piegare GEAS nella “classica” lombarda 64-48. Allungando però, solo alla distanza e grazie a un enorme lavoro di squadra (7 complessivamente le Orange a segno e 19 gli assist realizzati), utile a propiziare le giocate di Albano (26 i punti per lei) e Rossini (15). Le padrone di casa aprivano un po’ contratte, o forse troppo fiduciose delle due vittorie accumulate in regular season, e quindi faticavano a trovare la via del canestro. La partita con vari strappi era però condotta sul filo della parità fino all’intervallo lungo. Come in un copione già scritto, le Sestesi pur senza demeritare assumevano via, via il ruolo del gregario lasciando spazio alle belle giocate in contropiede (apprezzabile un assist di Giulietti in no-look per Trianti che realizzava in corsa) e ben 9 tiri a segno dall’arco.
Coach Piccinelli a fine partita commentava: “Siamo dove avremmo voluto essere dall’inizio di questa stagione, ora servirà tanta concentrazione per evitare inutili scivoloni che potrebbero costare cari in termini di accoppiamenti per le fasi successive. La vittoria di domani ci permetterebbe di evitare anche un’insidiosa partita di spareggio, dove non si sa mai quello che può accadere. Testa quindi a Carugate con la quale abbiamo già vinto due volte in campionato quest’anno ma che proprio per questo rende ancora più difficile e bella questa sfida”
La seconda giornata ha avuto inizio con la gara valida per la terza piazza del podio regionale di categoria. La classica Varese – GEAS è stata una gara incredibilmente bifronte. La formazione Bosina, complici ancora le assenze di Premazzi e Sorrentino, sembrava naufragare nei primi 20 minuti in balia dello strapotere fisico delle Sestesi. Invece, dopo aver toccato il massimo svantaggio di ben 23 lunghezze, le “bianco-rosse” ribaltavano il verdetto a loro favore chiudendo con 11 lunghezze di vantaggio. Come accennato, prima dell’intervallo lungo Varese era parso in grande difficoltà contro le lunghe di GEAS, attacco sterile e difesa di burro che la obbligava alla sosta negli spogliatoi con un bel -18. Forse le parole negli spogliatoi, forse l’inversione di campo ma il secondo tempo vedeva le reazioni delle ragazze capovolgersi. GEAS appariva spenta, nervosa e poco determinata e Varese pronta a lottare su ogni pallone, togliendo il respiro alle avversare e adattandosi ad ogni situazione. Malerba e Lanzani le spine più ispide nel fianco della difesa Sestese con un quarto quarto capolavoro che relegava GEAS al ruolo di comprimaria con un parziale di 22-3.
Coach Lilly Ferri commentando nel dopo partita l’impresa di giornata ha detto: “Abbiamo giocato due partite, la prima ci è servita per capire come non si gioca a basket, la seconda per capire che le partite si giocano fino alla fine e il basket è un gioco di squadra! Dico a tutte brave, perchè hanno capito e tutte hanno fatto qualcosa”.
Lunedi 7 marzo, sul campo neutro di Rapallo, Varese se la vedrà con la formazione Torinese di Venaria, nello spareggio valido per aggiudicarsi l´interzona. GEAS incontrerà invece Libertas Basket Forlì ad Asti.
Sanga Milano vince meritatamente contro Carugate, che cede nella finalissima valida per il titolo regionale. Alle “Blue”, rimangono i rimpianti di non essere riusciti a schierare il miglior quintetto causa infortuni e acciacchi di stagione di Picco e Beretta. Partita godibile e dall’andamento irregolare in cui le ragazze di Coach Piccinelli sembravano poter scappare via dalla palla a due (23-11 al 13′), ma che subivano la voglia rimonta e di far bene delle avversarie: tanto da essere in svantaggio 31-33 al 26’. Troppe le palle perse e le giocate banali delle Orange contro una buona zona avversaria durante il terzo quarto: sugli scudi un ispirata Laura Rossi al tiro e la coppia Ceriza/Zuin in contenimento. Ma Sanga Milano non si spaventava, anzi piazza con Valli un controbreak di 8-0 e rimetteva la testa avanti all’inizio dell’ultima frazione per poi dilatare il divario nel finale. Carugate ha lottato per 30 minuti alla pari, ma alla fine ha pagato la “panchina troppo corta” e la fatica delle ragazze, uscite senza fiato dal match.

Le parole di Coach Andrea Piccinelli a fine partita: Voglio prima di tutto fare i complimenti a Carugate e all’amico Paolo (Ganguzza) perchè nonostante le due assenze importanti di Picco e Beretta hanno giocato con il cuore e sono stati un degno avversario di questa bella finale e di tutta la stagione regolare. Proprio per il valore dei nostri rivali la vittoria finale ci rende ancora più contenti. Siamo contenti per aver centrato questo traguardo perchè vale triplo: abbiamo vinto un titolo regionale, conquistato l’accesso diretto all’interzona tra le migliori 16 squadre d’Italia e lo abbiamo fatto mantenendo l’imbattibilità, 16 vittorie in 16 partite, ….La finale come sapevamo è stata tosta e si è risolta nella seconda parte. In avvio ci siamo incartati contro la loro zona e soprattutto contro le nostre paure…poi piano piano, come in semifinale, abbiamo carburato e una volta sciolti nel terzo quarto abbaimo preso in pugno il match.
E’ la vittoria delle ragazze, le vere artefici di questa impresa, che ci hanno creduto e hanno inseguito questo successo vedendo premiato il loro lavoro in palestra anche uscendo da momenti di difficoltà. E’ la vittoria di tutto lo staff che da inizio stagione sta lavorando come un squadra vera in campo e fuori. E’ la vittoria del mondo Sanga e di un progetto nato nei mesi scorsi che sta confermando la sua validità. E’ la vittoria lasciatemelo dire di una persona su tutte… Franz (Pinotti ndr)…è lui che per primo ha creduto in questo progetto e in questo gruppo. se siamo arrivati qui è innanzitutto merito suo.
Ora però guardiamo avanti perchè ci attendono nuovi impegni in tutte le categorie che vogliamo affrontare con rinnovato entusiasmo. Per quanto riguarda le U20..l’avventura continua, ci attende l’interzona il 14-15 16 marzo in Emilia.. con un grande sogno… arrivare fino a Bologna.. perchè per Pasqua non vogliamo andare in vacanza…!!”
Ora, in qualità di vice campioni regionali Carugate incontrerà il 7 Marzo la storica società Triestina sul campo neutro di Avio ( Trentino) nello spareggio valevole per l’accesso all’interzona. Sanga, come detto da Coach Piccinelli accederà direttamente alla fase Interzonale che si svolgerà dal 14 al 16 Marzo in Emilia.

Ufficio Stampa Sanga Milano

U17F Elite – Il campionato si chiude con una vittoria!

Dopo la brutta prestazione con Crema avevamo chiesto vitalità, energia, corsa e voglia. Ieri le ragazze ci hanno accontentato e, dimenticata l’opaca prestazione di lunedì, le milanesi hanno constatato che sacrificandosi tutte in difesa, rubando palloni, lottando sui rimbalzi, insomma giocando da squadra unita, si vince. Sì, SI VINCE!!!
Questa è stata l’ultima partita di quest’anno ma per lo spirito messo in campo deve soprattutto essere la prima della stagione 2015-16.

Si vede già dal riscaldamento che sarà una bella serata: visi concentrati, sportivamente ‘arrabbiati’, voglia di giocare da parte di tutte. Palla a due e il Sanga parte a ‘razzo’ con un parziale di 12 a 2 grazie a una straordinaria difesa che non lascia a Vittuone un solo tiro facile. Ogni volta che recuperano un pallone le Picci-girls si catapultano nella metà campo avversaria e dopo i primi 10 minuti il tabellone dice 20-11.
Il secondo quarto è molto più brutto del primo, le Orange girano a vuoto e regalano alle ospiti la possibilità di rientrare in partita. Vittuone giustamente ne approfitta e all’intervallo rimane un solo un punto di vantaggio per le padrone di casa, 31-30.

Al rientro dagli spogliatoi il Sanga torna a mordere, la difesa torna ad essere asfissiante e porta a creare azioni più semplici in attacco, la manovra diventa più fluida ed è subito nuovamente +10.
All’inizio dell’ultimo periodo le Orange sembrano avere in mano le redini del gioco ma 4 falli nei primi 90 secondi le portano subito in bonus e Vittuone a suon di tiri liberi cerca di rientrare. Il Sanga c’è, è in partita, fa lavorare la difesa ospite e poi colpisce da fuori o in entrata andando a caricare di falli le avversarie che al 35’ raggiungono il bonus. Le gite in lunetta permettono al Sanga di riprendere il controllo della partita. Alla sirena finale il tabellone dice 67 a 61 e per le padrone di casa è referto rosa.

Sanga Milano – Vittuone  67 – 61 (20-11, 31-30, 50-42)
Sanga: Calciano 5, Ceravolo 10, Demoliner 6, Fusi 4, Gandola 4, Lauro ne, Mazzocchi 7, Mischiati, Poggi, Sanna 13, Stilo 2, Taverna 16. All. Piccinelli; Assistente Colombo.

U17F Elite – Sconfitte da Crema senza aver voglia di lottare

L’U17, reduce dalle ottime prestazioni al Torneo di Vic, torna in campo al PalaGiordani per incontrare Crema.
Purtroppo la trasferta in Spagna porta in dote anche una serie di infortuni, così il Sanga è costretto a fare a meno di Sanna, Tafuro e all’ultimo momento anche di Stilo e per completare il roster si ricorre a qualche U15 (classe 2000).
Ci si attendeva dalle Orange l’atteggiamento molto positivo mostrato in terra spagnola dove le ragazze di Coach Piccinelli erano state capaci di vincere  contro squadre formate da ragazze del 1997 e approdare alla finale persa di soli 4 punti.

Invece è riapparso un antico vizio, “l’indolenza”. Le milanesi hanno iniziato a difendere stando attaccate all’avversarie, buttandosi su tutte le palle vaganti, giocando in modo semplice e con umiltà solo quando erano ormai sotto di venti punti (arrivando tra l’altro fino a -3), per poi inevitabilmente pagare lo sforzo nell’ultima parte della partita.

Vista la partita vogliamo sottolineare un concetto semplice e banale: il basket è un gioco di squadra. Si attacca e SOPRATTUTTO si difende alla “morte” in cinque per quaranta minuti, si corre e non si cammina, si deve cercare sempre di essere le prime ad arrivare in attacco e, forse ancora più importante, bisogna voler essere le prime a tornare in difesa. Nessuna squadra può vincere se in campo c’è anche solo una giocatrice che decide di non difenere, chiamandosi fuori da qualcosa che nient’altro è che voglia di sacrificarsi: scegliere di non difendere mette in difficoltà le compagne costrette a subire canestro o sprecare dei falli per andare a rimediare e coprire dei “buchi”.

Comprendere questo aspetto fondamentale del nostro bellissimo sport è fondamentale perchè l’anno prossimo si possa pensare di puntare ai primi posti della classifica. A conferma di ciò le squadre incontrate quest’anno hanno semplicemente difeso, corso, sudato: non abbiamo mai affrontato campionesse con qualità tecniche talmente superiori alle nostre da poterci surclassare nonostante i nostri sforzi.

Giovedi contro Vittuone le Orange sono chiamate a impegnarsi al massimo, a proporre una difesa asfissiante che non regali neanche un millimetro per tiri facili. Vorremmo che le ragazze ci smentissero, dopo la delusione contro Crema, costringendo le avversarie a un punteggio basso e fare fatica per conquistare anche un minimo vantaggio.

La sconfitta con Crema lascia l’amaro in bocca per l’atteggiamento mostrato quindi FORZA RAGAZZE, SMENTITECI.

Sanga – Crema:  54 – 71
Sanga: Angeretti, Calciano 3, Ceravolo 2, De Moliner 2, Fusi 15, Gandola 10, Lauro, Mazzocchi 4, Mischiati 2, Poggi 2, Ravaglioli, Taverna 12. All. Piccinelli; Ass. Colombo.

Intervista doppia a Laura Rossi e Andrea Piccinelli: provarci sempre, arrendersi mai!

Questa settimana vogliamo presentarvi due nuovi Allenatori del Mondo Sanga’s Tigers: Laura Rossi e Andrea Piccinelli, in passato nostri avversari e da settembre a capo delle formazioni U17 (Laura per il maschile, Andrea per il Femminile). Conosciamoli insieme!

Nome ed età:
L: Laura,‭ ‬31.
P: Andrea Piccinelli per tutti non solo nel mondo del parquet “Picci” o “Piz” fate voi… un old boy 45enne d’assalto.
Da quanto alleni e perchè hai iniziato:
L: Alleno costantemente da poco‭ (‬3‭ ‬stagioni‭)‬.‭ ‬Avevo collaborato con la mia società d‭’‬origine durante il liceo ma in maniera dilettantistica.‭ ‬Poi lo stop con il basket fino a un incontro casuale qui a Milano che mi ha rimesso in campo come giocatrice.
In quel periodo ho cominciato a coltivare l‭’‬idea che il mio posto in una squadra fosse un altro‭ (‬sia per la mia indole che per il mio scarso talento in campo,‭ ‬lo ammetto..‭) ‬e ho cominciato a dedicarmici seriamente.‭ ‬Non sapevo a cosa andavo incontro‭ .
Quello che sapevo con certezza è che volevo dare ai miei giocatori quello che non avevo avuto io e provare a migliorarli tutti,‭ ‬arrivare alla fine dell‭’‬anno e sapere di aver raggiunto un obiettivo in termini di crescita‭ ‬e,‭ ‬perché‭ ‬no,‭ ‬di risultati.
P: Alleno dalla stagione 1991-1992 ,quando ho preso la prima tessera da tecnico regionale a Como nel maschile. Ho iniziato perché il mio coach diceva che ero un allenatore in campo: si vede che parlavo (o rompevo) troppo… poi sono passato al femminile e ho allenato 11 anni nella mitica Comense, poi a Cucciago, Cantù, due stagioni super a Biassono, quindi ho tentato anche l’esperienza all’estero in Svizzera con belle soddisfazioni e da quest’anno eccomi sbarcato al Sangamondo! Perché alleno? Perché amo stare in palestra con le mie squadre a crescere con loro.
Preferisci allenare a livello senior o giovanile‭?
L: Domanda difficilissima.‭ ‬A livello senior erediti il lavoro‭ ‬di chi è venuto prima di te e devi lavorare sul gruppo,‭ ‬sull‭’‬alchimia,‭ ‬sulla fiducia e sulle sfumature.
A livello giovanile ti trovi davanti a tante individualità disomogenee che vanno introdotte al basket,‭ ‬al gioco corale.‭ ‬Vanno coltivate tecnicamente e psicologicamente,‭ ‬spesso ti trovi davanti ragazzi e ragazze che non hanno mai giocato e il primo compito è trasmettergli la passione.
Sapendo che forse un giorno qualche coach di squadre senior ti ringrazierà.
L‭’‬anno scorso sono riuscita a fare entrambe le cose e,‭ ‬seppur con enorme fatica e magari anche delusioni,‭ ‬credo che sia il giusto equilibrio per me‭ ‬perché‭ ‬i mondi si sono contaminati‭;‬ l‭’‬energia e l‭’‬entusiasmo giovanile‭ ‬mi hanno influenzato nell‭’‬approccio ad un campionato senior,‭ ‬l‭’‬esperienza e la tattica mi sono state d‭’‬aiuto nel campionato giovanile.
In sintesi:‭ ‬squadra senior con giocatori giovani,‭ ‬i sogni sono gratis!
P: Bella domanda. Dicono che preferisco dare spazio alle giovani anche quando alleno le squadre senior. Io dico che il basket è basket a qualsiasi età. Diciamo che mi piace far crescere le giovani… se poi sono aiutato da qualche senior in gamba tutto è più facile.
Quest’anno ho la fortuna di lavorare in prima squadra con giocatrici super come Silvia Gottardi, un esempio per tutte le giovani: lei è la conferma che il basket è senza età! E poi è una ragazzina!!!
Raccontaci qualcosa della tua squadra e del campionato:
L: La formazione U17‭ ‬Tigers credo ci riserverà grandi sorprese.‭ ‬Sono ragazzi di‭ ‬cuore e da quando abbiamo trovato la nostra quadratura siamo in crescita,‭ ‬anche se nelle ultime‭ ‬2‭ ‬uscite i risultati non ci hanno premiato.‭ ‬Ma abbiamo dimostrato di potercela giocare con squadre molto più quotate,‭ ‬di saper lottare e soprattutto reagire davanti alle difficoltà.
Il gruppo è composto principalmente da‭ ‬’98‭ ‬con l‭’‬aggiunta di‭ ‬2‭ ‬giocatori sotto‭ ‬età‭ (‬’99‭ ‬e‭ ‬2000‭) ‬che stanno ben figurando in campo. Il girone di qualificazione si è concluso domenica con‭ ‬3‭ ‬vittorie e‭ ‬6‭ ‬sconfitte.‭ ‬Disputeremo il campionato Silver da gennaio con formula andata/ritorno e faremo di tutto per chiuderlo in testa alla classifica e accedere così agli scontri diretti che portano al tabellone finale.‭ ‬Faremo del nostro meglio ora che gioca a nostro favore la consapevolezza dei mezzi che abbiamo.
P: Innanzitutto dico che ho trovato grande disponibilità da parte di un gruppo completamente nuovo costruito con tante giocatrici provenienti da realtà ed esperienze diverse. All’inizio non è stato facile assimilare metodologie e concetti nuovi ma stiamo lavorando tanto e soprattutto le ragazze stanno tutte crescendo molto sotto tutti i punti di vista. Ora vogliamo anche toglierci qualche soddisfazione in un campionato di alto livello come quello U17 Elite… Sono sicuro che arriveranno presto, le ragazze se lo meritano. Anche se sono convinto che i frutti del nostro lavoro si raccoglieranno più avanti!
Cosa non deve mancare mai in una tua squadra?
L: A livello mentale la voglia di superare sempre i propri limiti,‭ ‬che si traduce in partecipazione agli allenamenti,‭ ‬alla carica agonistica in partita,‭ ‬al desiderio costante di migliorarsi.‭
A livello di gioco posso rinunciare a tutto ma non ad un difensore che non molla‭ ‬1‭ ‬centimetro‭ ‬perché‭ ‬è dalla difesa che nasce tutto.
P: ‬quello che ripeto sempre è «energia, entusiasmo intensità e fame di migliorare”: la mentalità vincente non si compra al mercato ma la si può costruire giorno dopo giorno, costa
sacrifici, ma piano piano si allena. Il mio motto è provarci sempre senza paura di sbagliare: ma bisogna provarci però!!!
Oltre ad allenare lavori‭?
L: Collaboro con uno studio di design d‭’‬interni come libera professionista.‭ ‬Sono‭ ‬laureata in yacht design anche se ultimamente il mercato nautico è molto calato e ci dedichiamo principalmente al residenziale.‭ ‬Spero però di tornare presto a vedere il mare!
P: Sì sono giornalista e collaboro con un quotidiano comasco e con due settimanali provinciali.
Segui il calcio? Per che squadra tifi‭?
L: Fedelissima tifosa bianconera da quando ho visto giocare‭ ‬Michel‭ ‬Platini da piccola.‭ ‬Cerco di non perdermi mai le partite,‭ ‬basket permettendo..
P: Certo, ho anche giocato! Tifo Juve, ma ho capito di essere in minoranza qui a Milano…boh non so perché!
Che cosa farai nelle vacanze di Natale‭?
L: Dedicherò qualche giorno alla mia famiglia che è in Veneto e che vedo molto raramente.‭ ‬Poi ancora non lo so,‭ ‬vorrei staccare completamente e concedermi un viaggetto ma sarà una decisione dell‭’‬ultimo minuto.
P: Indovina! Tra tornei, amichevoli, allenamenti… insomma le passerò molto in palestra.
Hai un weekend libero dal basket,‭ ‬che fai‭?
L: Cerco di incastrarci tutte le attività che trascuro.‭ ‬Una gita fuoriporta,‭ ‬cinema,‭ ‬amicizie,‭ ‬casa‭…‬ e mi riposo.‭ ‬Poi preparo l‭’‬attività delle settimane successive e faccio il bilancio di cosa funziona e cosa no in palestra.‭ ‬D‭’‬altra parte i weekend liberi dal basket non esistono,‭ ‬si sa‭!
P: ‬Rivedo i vecchi amici e le persone care che trascuro durante la settimana…i vecchi amici sono pochi ma ci sono sempre!
Passione non sportiva‭?
L: Sono una persona generalmente curiosa,‭ ‬appassionata di design,‭ ‬viaggi,‭ ‬cucina.‭ ‬Ci provo col giardinaggio anche se il mio pollice killer non aiuta.
P: Fumetti e cinema.
A cena con chi e dove‭?
L: Con una persona speciale da‭ ‬Asola a San Babila,‭ ‬chi ti fa battere il cuore va viziato.
Con gli‭ ‬amici da Martino per cotoletta,‭ ‬vino rosso e un clima come a casa.
P: Con Alena Seredova ovviamente in riva al mio lago di Como.
Ultimo libro letto‭?
L: “La verità sul caso Harry Quebert” di Dicker.
P: “Vini e vinili” del mio amico e collega Maurizio Pratelli, lo consiglio!
Un augurio al Mondo Sanga’s Tigers‭?
L: Visto che siamo sotto le feste non possono mancare gli auguri di buon Natale‭…‬ e che l‭’‬anno nuovo sia carico di soddisfazioni‭ (‬e di referti rosa‭!).
P: ‬Tanta energia e positività… C’è un 2015 da vivere insieme… in campo!!!