U17M: Cuore caldo e mente fredda

Questa la ricetta che porta alla seconda vittoria stagionale la compagine U17.
La gara inizia su buoni ritmi, con le 2 squadre pronte a giocarsi il tutto per tutto per appaiarsi a 4 punti con le altre formazioni che disputeranno da gennaio il campionato silver e per non finire tristemente in penultima posizione (la classifica non è importante ma si sa che vincere fa sorridere e aiuta a un approccio più positivo in settimana).
Difesa a uomo sia per i tigers che per Rondinella e proviamo già a mettere il naso avanti al primo quarto, 14-11 il parziale. La situazione falli non ci aiuta e il parziale è identico, a squadre invertite, nel secondo quarto.. Si va all’intervallo sul 25-25.
Al ritorno in campo dobbiamo cambiare difesa, passiamo a una zona fronte pari. La partita è maschia ma stiamo con le mani ben in vista, rondinella va nel pallone e perde molti possessi cercando di attaccare il centro dell’area. Gli animi si scaldano e la squadra avversaria viene sanzionata con 3 tecnici ai giocatori (di cui uno subito espulso) e 1 alla panchina. Dalla linea della carità siamo quasi infallibili, il capitano Villanueva ci porta in vantaggio di 10 punti (ben coadiuvato da Stanga) e gestiamo con sangue freddo e preziosissimi extrapossessi il vantaggio fino alla sirena finale. 51-44 il risultato.
Ora attendiamo il rientro in rosa di Pisconti e ci prepariamo per la sfida di domenica prossima sul difficile campo di Paderno.

Tabellini: Stanga 11, Voto 4, Villanueva R. 9, Zanetti 2, Tursi 5, Matanguihan 3, Cacciandra 13, Sarhan, Malabanan 4. Allenatore: Rossi; Assistente: Matteoni.

U17M: occasione sprecata

Altro giro a vuoto per la formazione U17 che deve farsi un grande mea culpa per l’occasione lasciata scappare.

I Tigers partono bene, con grinta e 2 buoni canestri subito dopo la palla a due ma quello che segue è una serie interminabile di errori banali, palle perse, tiri sbagliati, infrazioni, extra-possessi concessi con facilità e sviste. Il primo quarto si chiude sul 19-8 per i padroni di casa.

Non scatta la spinta emotiva che può portarci all’aggancio, ad ogni palla recuperata segue immediatamente una palla persa e non c’è modo di dare la svolta per cambiare il corso della partita.

I rimanenti 3 tempi terminano con parziali in parità (tranne il quarto vinto da Pioltello con tripla a filo di sirena che punisce la nostra difesa ancora troppo molle e poco tenace per tutta la durata dell’azione) il che dice che sarebbe stata una partita che avremmo potuto tranquillamente giocarci, se avessimo messo in campo un atteggiamento diverso e più corale. Invece il tabellone finale dice 63-48.

Bisogna fare tesoro di questa esperienza, rialzare la testa e lavorare duro in settimana in vista dell’importante match casalingo di domenica prossima contro Rondinella, ad oggi ancora fanalino di coda.

Tabellini: Voto 6, Tursi 3, Stanga 2, Greco 2, Cacciandra 14, Matanguihan 2, Villanueva 12, Sarhan, Malabanan 7, Zanetti. Allenatore: Rossi, Assistente: Matteoni

Intervista doppia a Giulia Rossi e Valentina Ruisi

Abbiamo fatto una chiacchierata simpatica con Giulia Rossi, playmaker classe ’94, e Valentina Ruisi, guardia del ’95, per conoscere meglio queste due nuove giocatrici della nostra squadra di Serie A2 targata Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano, scoprendo passioni e interessi, dentro e fuori dal campo.

Nome:

G: Giulia.

V: Valentina.

Soprannome:

G: Reds.

V: Vale o Tina.

Numero preferito e perchè:

G: 8. È  sempre stato il mio numero di maglia da quando gioco nel femminile; l’ho scelto perché lo aveva anche mio fratello ed è grazie a lui che ho iniziato a giocare a basket.

V: 13. Mi è sempre piaciuto e fin da quando ero piccina mi ha accompagnata nell’avventura cestistica.

Sport preferito oltre al basket:

G: pallavolo, mi piace molto guardarla. Mia mamma ha giocato per molti anni in A2, quindi la seguiamo con molto piacere.

V: calcio.

Hobby:

G: oltre a trascorrere il tempo libero con gli amici? Partecipo attivamente alla vita di contrada; a Legnano l’ultima domenica di maggio si svolge il Palio. È un amore quasi indescrivibile per chi non lo vive, è una passione che occupa molto tempo e molte energie durante l’anno.

V: uscire con gli amici e trovare tante cose diverse da fare con il mio ragazzo che tra poco, sfortunatamente, saluterò perché è in partenza per l’estero.

Film preferito:

G: “Il sapore della vittoria” sul quale ho impostato anche la mia tesina della maturità.

V: sono un’amante del cinema e trovarne uno solo è davvero difficile. Forse “Titanic” racchiude tutti i film romantici che amo.

Libro preferito:

G: leggo molto molto poco. Un libro che mi ha colpito è “Basket, uomini e altri pianeti” che mi ha regalato mio papà. Chiamarlo preferito forse è un po’ eccessivo ma è un libro che consiglio.

V: “Bianca come il latte, rossa come il sangue”.

Giocatore/trice preferito/a:

G: Rajon Rondo dei Boston Celtics. Playmaker come me, a mio parere spettacolare da veder giocare.

V: Kobe Bryant.

Che musica ascolti?

G: per me la musica è in grado di adattarsi ad ogni situazione, c’è una canzone per ogni momento della vita e per questo ascolto di tutto… dalle canzoni strappalacrime da cantare a squarciagola a quelle da ballare a volume altissimo che ti danno una carica pazzesca.

V: commerciale, pop, dance, hip hop, romantica.

Sei fidanzata?

G: sì!

V: sì!

Un personaggio che vorresti invitare a cena:

G: rimanendo nell’ambiente organizzerei un contatto Sanga-Celtics, proponendo una cena tra playmaker; visto che è l’idolo sia mio che di Fede (Bottari) propongo una cena d’alto livello: io, lei e Rondo.

V: Brad Pitt.

Sai cucinare? Cosa ti piace preparare?

G: per necessità fin dalle scuole medie ho fortunatamente dovuto imparare a cucinare. Non sono molto creativa, mi piace mangiare cibi sani, molta frutta e verdura. Tendo a cucinare con pochi condimenti, per questo mi piace cucinare per me stessa ma mi trovo in difficoltà con eventuali ospiti. Su pasta e risotti mi sento più creativa che su altri piatti.

V: diciamo che me la cavo; mi piace cucinare dolci.

Studi o lavori?

G: studio. Frequento il secondo anno di Scienze e tecnologie alimentari all’Università Statale di Milano.

V: studio ma vorrei riuscire a trovare del tempo per guadagnare qualcosa quest’anno.

Cosa sai fare meglio in campo e in cosa devi migliorare?

G: so essere molto aggressiva, in particolar modo in difesa, arma che spesso utilizzo poi per trovare concentrazione e fiducia in attacco, magari in una giornata in cui tutto non va come vorresti. Dovrei migliorare sicuramente le percentuali al tiro e ridurre il margine di errore soprattutto, visto il ruolo, in fase di gestione.

V: ciò che mi viene meglio credo sia il contropiede; devo migliorare un sacco di cose, in particolare l’autoconvinzione e la fiducia in me stessa.

Pregio e difetto in campo dell’altra:

G: pregio di Vale sicuramente la velocità, sia in penetrazione sia in contropiede. Adoro quando parte in velocità e non devo far altro che lanciarle la palla avanti.. poi fa tutto lei! Difetto magari un po’ di frenesia in certe situazioni e dovrebbe avere un pizzico di fiducia in più nei suoi mezzi e nelle sue capacità.

V: Giulia ha la carica di cento leoni ma allo stesso tempo è una ragazza dolce e sensibile e se le cose in campo non vanno come vorrebbe, si abbatte. Poi però basta un sorriso e un abbraccio delle compagne e torna come prima.

Qual è la partita più bella che ti ricordi della tua carriera?

G: sono due le partite che mi ricordo in modo particolare. La prima è la finale del Trofeo delle Regioni a Montecatini: Lombardia-Liguria; netta vittoria e titolo con cui ho coronato il favoloso percorso fatto in Azzurrina. La seconda partita da ricordare è la finale per il terzo posto alle Finali Nazionali under 17 di Bolsena, Vittuone-Reyer. Vittoria inaspettata per noi di Vittuone, ottenuta certamente grazie a un grande cuore, un bronzo  quasi d’oro!

V:  una partita disputata con la mia squadra maschile, avevo circa 11 anni se non erro.

Lunedì siete state ospiti del programma Ciarle Sportive su Radio Statale, che esperienza è stata?

G: l’esperienza in radio è stata davvero carina; di solito sono un po’ timida a parlare in situazioni del genere ma poi è stato molto divertente. Dopo che ti ambienti un po’ all’interno dello studio sembra davvero una chiacchierata tra amici. Da rifare volentieri!

V:  è stata un’esperienza nuova, molto interessante e decisamente divertente!

Cosa pensi del girone in cui siete state inserite e delle partite fin qui giocate?

G: è indubbiamente un girone complicato in confronto, ad esempio, a quello di Nord-Est. Siamo tutte squadre che possono giocarsela alla pari, di partita in partita, i risultati lo dimostrano. Noi purtroppo siamo partiti con due ‘handicap’: infortuni alle lunghe e il fatto di essere una squadra tutta nuova. Insomma, è un girone in cui non ci si può distrarre neanche un secondo.

V: penso che sia un girone alquanto impegnativo ma non per questo impossibile. Dobbiamo giocare ogni partita con grinta e determinazione. Siamo state davvero sfortunate fino ad ora per gli infortuni dei nostri pivot ma teniamo duro, abbiamo ottenuto una buona vittoria in casa (contro Selargius, 80-79 dopo un supplementare, ndr) e abbiamo quasi agganciato anche Broni e Genova. Dobbiamo lavorare ancora come squadra ma ci stiamo trovando davvero bene l’una con l’altra, adesso manca solo quella cattiveria in più per poter portare a casa le partite che verranno.

Domenica giocate contro Alghero (PalaGiordani, via Cambini 4, ore 17). Due parole sulla partita e un messaggio ai tifosi:

G: la partita di domenica è sicuramente importantissima, ci giochiamo due punti fondamentali. Avremo la squadra al completo con il rientro di Cala, avremo a favore il fattore campo giocando in casa! Si prospetta una bella partita, dobbiamo entrare in campo con determinazione e con la giusta cattiveria. I tifosi.. sto imparando a conoscerli di partita in partita, li ringrazio per la carica e il calore che ci trasmettono. Preparatevi a domenica che sono certa sarà una giornata super!

V: è una partita DETERMINANTE. Questa settimana dobbiamo allenarci molto intensamente e con la testa già sulla partita di domenica. Di sicuro un pubblico caloroso e in grado di trasmetterci la grinta che a volte ci manca farà certamente piacere.

Ed eccole qua le protagoniste di questa intervista.. Giulia (a sinistra) e Valentina (a destra) in una personale interpretazione del Sangababygang style!

image1 image1

U17 TIGERS – FIP – Tigers vs Cusano

Terza di campionato 2 Novembre 2014 Pala Frigia Tigers Vs Cusano.

Seconda sconfitta per la compagine U17 TIGERS che mette in campo un’altra prestazione col freno a mano tirato.
A tratti si vedono i risultati del lavoro settimanale ma pecchiamo ancora di scarsa lucidità sui 40 minuti e tenacia, tutti aspetti su cui si è intensificato il lavoro e che sappiamo verranno da sè con l’amalgama di squadra.
La partita comincia già di rincorsa con Cusano che scava a poco a poco un piccolo solco e provano a gestirlo per tutto il secondo tempo con una zona 2-3 molto stretta in area. Facciamo ancora fatica ad attaccarla ma non ci diamo per vinti, per noi rappresenta uno stimolo e uno spunto in più su cui darci da fare in allenamento.
La partita termina 53-73 per la squadra ospite.
Prossimo appuntamento domenica prossima, ancora in casa, contro basket brusuglio

Tabellini: Greco 2, Stanga, Voto 7, Villanueva 12, Pisconti 2, Zanetti 6, Tursi 13, Matanguihan 2, Cacciandra 7. Allenatore: Rossi, Assistente: Matteoni

U17 TIGERS – FIP – Prima fuori casa a Cinisello B.

Sabato 25 ottobre.

Con la seconda giornata arriva purtroppo la prima sconfitta per la compagine U17. Giochiamo in trasferta sul difficile campo di Cinisello e le premesse non sono delle migliori: ci presentiamo infatti con 7 effettivi e Pisconti a mezzo servizio per un infortunio alla spalla che lo perseguita da inizio stagione.
Avvio di gara tra i peggiori, scarsa lucidità e zero aggressività in difesa.. Il tabellone dice 10-0 per la squadra di casa. Arriva d’obbligo il primo time-out che da ai Tigers la giusta sveglia e da lì comincia la nostra partita. Il primo quarto si chiude sul 19-10. Il secondo quarto si gioca a viso aperto, sempre sul filo dell’equilibrio (parziale finale 18-18), ci riavviciniamo e li lasciamo scappare via di nuovo, all’intervallo lungo siamo 37-28.
Al rientro in campo Cinisello riparte forte, come inizio gara e noi lentamente ci spegnamo non avendo più rotazioni nè forze per reagire. Il divario si allarga fino alla sirena finale che decreta la meritata vittoria per la squadra di casa (78-44).
Qualche rimpianto per come è andata, a formazione completa sicuramente avremmo assistito ad una bella partita.. Ma non ci scoraggiamo, la prossima partita è già alle porte e proveremo a rifarci!
Appuntamento domenica ore 17.15 contro Cusano A.

Tabellini: Greco 3, Stanga 4, Voto 6, Villanueva 9, Pisconti 3, Zanetti 4, Tursi 15, Matanguihan 0. Allenatore: Rossi, Assistente: Matteoni

U17 TIGERS – FIP – Buona la prima !!!

Esordio con vittoria per la formazione U17 TIGERS che comincia il campionato domenica 19 ottobre tra le mura amiche.
Le premesse non sono delle migliori visto le numerose assenze ma i ragazzi sono ben intenzionati a dimostrare il proprio valore e approcciano alla partita nel modo giusto.
Nel primo quarto troviamo buoni tiri ma fatichiamo un po’ a realizzare, paghiamo l’emozione. Il tabellone si sblocca con 2 tiri liberi di Stanga che subisce fallo su buona iniziativa personale. Da qui comincia la partita vera per entrambe le squadre che si affrontano a viso aperto ribattendo colpo su colpo ma la squadra casalinga pare più determinata e il quarto si chiude sul 17-8.
La situazione falli ci costringe a molte rotazioni ma non ci perdiamo d’animo e alziamo il ritmo realizzando numerosi contropiedi che ci permettono di allungare ulteriormente e andare al riposo lungo sul 37-18.
Il terzo quarto è contrassegnato dall’ottima prestazione di Vittorio Tursi (classe 1999) e arriviamo al massimo vantaggio 56-29 mettendo la partita in ghiaccio.
Nel quarto quarto pecchiamo un po’ di superficialità e la squadra ospite prova a riaprire il match ma ritroviamo la calma e l’organizzazione di gioco per chiudere in tranquillità. Termina 75-52 con coach e giocatori soddisfatti ma con molti stimoli su cui lavorare in settimana.
Basket bresso non ha certamente demeritato ma forse è stata troppo penalizzata dall’infortunio di un loro ottimo giocatore al quale auguriamo una pronta guarigione.

Prossimo appuntamento sabato ore 18.30 sul difficile campo di ASA Cinisello!

Tabellini: Greco 6, Stanga 4, Cacciandra 7, Voto 8, Villanueva 15, Pisconti 4, Tafur, Tursi 31. Allenatore: Rossi, assistente: Matteoni