San Gabriele Milono serie A2 F: Il Ponte Casa d’Aste con le spalle al muro, stasera al PalaIseo gara 2 dei quarti contro Crema, coach Franz Pinotti crede nell’impresa

“Io credo in questo Sanga gruppo e sono convinto che stasera faremo un’impresa”. Parole da condottiero quelle pronunciate a poche ore dalla palla due del return match dei quarti di finale playoff da Franz Pinotti

coach del Ponte Casa d’Aste Milano che oggi è con le spalle al muro contro la TecMar Crema. Già perché stasera il team neroarancio può  e deve solo vincere per tenere aperta la serie e non finire qui la stagione. “Oggi scenderemo in campo per vendere cara la pelle. Abbiamo fame di vincere finalmente contro Crema. Daremo l’anima e anche di più per pareggiare la serie e tornare domenica 30 a Crema”. Franz è carico come una molla e spera che lo siano anche le sue tigrotte: “Domenica scorsa in gara 1 abbiamo perso troppi palloni banalmente e avuto poco da Maffenini, Pozzecco e dalla panchina che ci deve dare di più sia in attacco che in difesa. Crema è un’ottima squadra con un ottimo allenatore come Luca Visconti ma io continuo a credere che il Sanga giochi meglio e che abbia tutte le carte in regola per ribaltare la serie e passare il turno. Dobbiamo però essere concentrati e determinati per tutti 40’ e non solo a tratti o in avvio di gara come è sempre capitato nelle tre precedenti gare con Crema, tutte perse.. fino ad oggi. Sono certo che se Maffenini&compagne lo vogliono e ci credono oggi possiamo fare l’impresa. Io ci credo!!”. Pinotti per questo chiama a raccolta anche tutta la sua trubù orange:

“Carissimo popolo in orange, abbiamo bisogno del tuo sostegno questa sera per ribaltare il pronostico che ci vede sotto 0-1 con Crema.
NON POSSIAMO E NON VOGLIAMO PERDERE QUESTA PARTITA, perché significherebbe terminare il campionato. Mentre noi vogliamo continuare a giocarlo. Vogliamo la sesta giocatrice in campo: LE NOSTRE SANGA FAMIGLIE E TUTTE LE RAGAZZE E I BAMBINI DEL SANGA A TIFARE E SOSTENERE LE NOSTRE GRANDONE:
Abbiamo bisogno di Voi”. Palla a due stasera al PalaIseo ore 20.30. L’eventuale gara 3 è prevista per doemnica 30 a Crema ore 18.

La vincente sfiderà in semifinale Vicenza che ha già eliminato Alpo Verona con un secco 2-0.

Baskin: Tra sogno e realtà… aspettando il 7 maggio al PalaIseo

“Eh già… sembrava la fine del mondo, ma sono ancora qua!”
Così canta Vasco Rossi in un suo celebre brano del 2011: “Eh… già!”.

Eh già… sembrava la fine del mondo, ma siamo ancora qua! Potremmo cantare tutti noi: atleti, coach, dirigenti, amici, parenti e sostenitori del SangaBaskin Milano!

Sono passati due anni, ma sembra non sia cambiato proprio nulla… In realtà qualche cambiamento c’è stato, sono arrivati giocatori nuovi per esempio… ma lo spirito, la voglia, l’essenza di questa squadra, o meglio di questa famiglia che si allarga sempre più sono rimasti gli stessi!

Abbiamo concluso la prima fase del Campionato “ST Lombardia Nord” classificandoci quarti con 18 punti, a parimerito con Rho Arr e i Millepidi Varese, alle spalle di Lasergame Erba con 22 punti e Sporting Pantere con 20.

Il 19 marzo abbiamo inaugurato il girone “A” della seconda fase, al quale prendono parte solo le prime 5 classificate della prima e che definirà la squadra che parteciperà alla Rassegna Nazionale in programma dal 26 al 28 maggio a Montecchio Maggiore (Vicenza).

Una partenza col botto per le tigri milanesi che giocano tre partite e portano a casa tre vittorie entusiasmanti: contro Sporting Pantere per 63 a 49; contro Rho Arr per 86 a 56 e contro Millepiedi Varese per 59 a 47.

I ragazzi hanno dimostrato dei miglioramenti incredibili, frutto dell’ottimo lavoro svolto dal duo Anzivino-Calastri durante gli allenamenti di questi mesi.

E ora? Vi starete, giustamente, domandando?

Il prossimo impegno è fissato per il 7 maggio, quando al PalaIseo alle ore 15 si darà il via alla super sfida Sanga Milano vs Lasergame Erba che designerà la squadra più forte, quella cioè degna di rappresentare la Sezione Territoriale alle già citate finali nazionali.

Nell’attesa bisogna mantenere alta la concentrazione, lavorare sodo agli allenamenti, ma soprattutto… far circolare la voce ed invitare più persone possibili per riempire il PalaIseo e tifare SANGA MILANO!

Domenica 7 maggio, ore 15, via Iseo, 10, Milano.

San Gabriele Milano Serie A2 F: il Ponte Casa d’Aste obiettivo quarto posto; sabato sfida l’Eco Program Castelnuovo per poi chiudere mercoledì con Empoli

Il Ponte Casa d’Aste Milano si appresta a lanciare il suo rush finale di questa stagione regolare in serie A2 che le riserva un doppio turno ravvicinato per definire la sua posizione nella griglia playoff. In casa neroarancio l’obiettivo dichiarato ma non facile è quello di raggiungere il quarto posto ma di fatto potrebbe non bastare vincere le ultime due gare, quella in programma sabato 8 a Tortona contro l’Eco Program Castelnuovo Scrivia e poi mercoledì sera (ore 20.30) in casa contro Empoli. Già perché Milano dovrà vincere e sperare in un passo falso di Crema con cui ha gli scontri diretti sfavorevoli. Senza fare troppi calcoli però le tigrotte si sono concentrate e preparate in settimana per giocare al meglio la sfida di sabato (ore 18) sul campo dell’Eco Program anch’essa sicura di fare i playoff e protagonista di una buona stagione. Il team di coach Fabio Pozzi pur essendo reduce dalla sconfitta sul campo del Cus Cagliari ha tante frecce al suo arco a cominciare dall’esperto tandem Gabba-Bergante vero motore del team biancorosso ben supportato sul perimetro dalla giovane Rosso e dall’ex di turno Clara D’Amico

. In non perfette condizioni sono date Algeri e Porro mentre sotto le plance assicura qualità e fisicità il pacchetto di lunghe formato da Salvini, Vitari e dalla finlandese di scuola americana Krista Gross. Non si annuncia quindi un sabato facile per le tigrotte di Franz Pinotti che all’andata s’imposero all’Iseo per 57-45 al termine di una gara non facile e a lungo in bilico.

Milano però arriva dalla buona prestazione corale contro Alghero che ha ridato morale ed entusiasmo dopo il ko di Orvieto. “Per noi – dice Pinotti – era importante ripartire dopo lo stop amaro di Orvieto con una bella vittoria e così è stato visto che ci ha dato tanti segnali positivi. Ora ci attendono le ultime due gare di regular season molto toste visto che tra le prime della classe siamo quelli che abbiamo il calendario più difficile. Pensiamo però ad una partita alla volta quindi siamo concentrati su Castelnuovo mai facile da affrontare e poi penseremo alla sfida di mercoledì in casa con Empoli. Per il 4° posto è dura ma ci speriamo ancora. Comunque sia ai playoff vogliamo ben figurare per provare ad andare oltre i nostri limiti.. sempre con  la nostra Feroce Determinazione”.

Completano il 25° turno stagionale: sabato 8 Alghero-Crema, Cus Cagliari-Geas, Empoli-Virtus Cagliari, Costa Masnaga-Selargius, Albino-Bolzano; domenica 9 Orvieto-Carugate.

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 42; Scotti Use Rosa Empoli 40; Ceprini Costruzioni Orvieto 36; Tec-Mar Crema, Il Ponte Casa D’Aste Milano 34; B&P Autoricambi Costa Masnaga 30; EcoProgram Castelnuovo Scrivia 28; Fassi Albino 22; Surgical Virtus Cagliari 18; S.Salvatore Selargius 16; Castel Carugate 14; Alperia Itas Bolzano, Cus Cagliari 10; Mercede Alghero 2

San Gabriele Milano serie A2F: Ponte Casa d’Aste bello a metà, prima domina poi viene beffato nel finale a Orvieto che vince la sfida per il terzo posto

Il Ponte Casa d’Aste torna dall’incantevole Orvieto

con le pive nel sacco e una sconfitta amara che rischia di compromettere la corsa al terzo posto. Domenica infatti il team milanese ha giocato una bella partita ma… a metà dominando nella prima parte, poi complicandosi la vita dopo l’intervallo e alla fine perdendo la sfida negli ultimi minuti. Merito ovviamente anche della Ceprini Costruzioni Orvieto che anche sotto di 16 punti ci ha sempre creduto e alla fine trascinata da un ottima Brunelli è riuscita a cambiare l’inerzia del match. In casa del Sanga ci si lecca le ferite per un’altra occasione persa: la partita infatti era iniziata nel modo migliore con le tigrotte subito in grande spolvero in attacco, attente in difesa e in controllo fino all’intervallo trascinate dall’ispirata capitana Giulia Maffenini

e una stratosferica Stefania Guarneri (doppia doppia già all’intervallo con 12 punti e 10 rimbalzi).

Poi però la musica è cambiata nella seconda parte di gara quando Orvieto ha alzato la pressione e ha deciso di difendere a zona contro cui ha sbattuto più volte Milano tirando male da fuori e perdendo anche troppi palloni sanguinosi che hanno innescato le ripartenze delle avversarie che ad inizio quarto quarto hanno impattato. Si è arrivati così negli ultimi minuti punto a punto quando a decidere sono state le iniziative di Brunelli e i liberi della tarantolata Bonasia. In casa milanese invece si mastica amaro per un’altra sconfitta (come a Crema e ad Albino) subita in rimonta dopo 30’ dominati ma anche per un metro arbitrale non parso sempre lineare come ha ammesso un deluso coach Franz Pinotti a caldo nel dopo gara:  “Devo fare una riflessione amara ma necessaria. Avevamo iniziato benissimo purtroppo gli arbitri sono stati stucchevolmente punitivi oltre misura. Hanno dato loro 38 tiri liberi di cui segnati 31, mentre solo 16 a noi. A noi fischiati 28 falli. A loro 15. Alla minima richiesta cortese di spiegazione, noi trattati villanamente a muso duro, senza motivo. Davvero difficile giocare in un ambiente ostile dove il loro pubblico contava ad alta voce che mancavano 5-4-3-2-1 secondi alla fine di ogni nostra azione d’attacco, quando invece ne mancavano 10-12 Hanno creato un clima di confusione in cui ha vinto chi è rimasto più lucido. Esperienza…” Ora il Ponte Casa d’Aste tornerà in campo sabato 1 aprile in anticipo alle ore 16 in casa contro Alghero per riprendere il cammino e la via maestra..

Il tabellino di Ceprini Costruzioni Orvieto – Il Ponte Casa D’Aste Milano 68 – 61 (10-14, 22-35, 41-44)
CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO: Grilli, Falanga 3, Mazionyte 15, Bonasia 12, Colantoni ne, Manzotti 8, Manfrè 14, Brunelli. 16 , Presta, Monaco ne, All. Romano.
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati, Pozzecco 6, Rossini, Guarneri  15, Martelliano 7, Perini ne, Canova 7, Maffenini 20, Giulietti ne, Taverna ne, Vente 6, Trianti. All. Pinotti.
ARBITRI: Stefano Barilani, Mauro Davide Barbieri,
NOTE:  Ceprini Costruzioni Orvieto tiri liberi 31/38, Il Ponte Casa D’Aste Milano tiri liberi 10/16.

Tutti i risultati de 23° turno Girone A: EcoProgram Castelnuovo S.-S.Salvatore Selargius 49-43, Mercede Alghero-Surgical Virtus Cagliari 66-72, Castel Carugate-Fassi Albino 42-69, B&P Autoricambi Costa Masnaga-Alperia Itas Bolzano 96-42, Tec-Mar Crema-C.U.S. Cagliari 55-41, Scotti Use Rosa Empoli-Geas Sesto San Giovanni 63-61,  Ceprini Costruzioni Orvieto-Il Ponte Casa D’Aste Milano 68-61.

CLASSIFICA: Geas Sesto, Scotti Use Rosa Empoli 40; Ceprini Costruzioni Orvieto 34; Tec-Mar Crema, Il Ponte Casa D’Aste Milano 32; B&P Autoricambi Costa Masnaga 30; EcoProgram Castelnuovo S. 28; Fassi Albino 20; Surgical Virtus Cagliari 18; S.Salvatore Selargius 16; Castel Carugate 12; Alperia Itas Bolzano 10; C.U.S. Cagliari 8; Mercede Alghero 2

San Gabriele Milano serie A2 F: posticipo domenicale di lusso per il Ponte Casa d’Aste che ospita il derby con Carugate

Sulla scia degli ultimi due successi consecutivi il Ponte Casa D’Aste si prepara a vivere una domenica speciale. Nel giorno della festa del Papà la squadra milanese ospiterà infatti nell’insolito orario delle 18 il derby contro il Castel Carugate. Una sfida sempre sentita tra due squadre che ci arrivano sulla scia di due importanti vittorie ma con obiettivi differenti. Le tigri neroarancio di coach Franz Pinotti infatti sono ora al 4° posto solitario ma non nascondono di puntare al podio quando mancano solo 5 partite al termine della regular season. Per farlo però dovranno superare un ostacolo mai facile come Carugate che mira alla salvezza senza passare dai playout. Un obiettivo alla portata del team di coach Paolo Re che poggia sul talento del centro italoamericano Emily Rose Correal

seconda marcatrice del torneo e totem nell’area pitturata. Con lei osservate speciali le due ex di turno le due ali di telento Claudia Colli

e Cecilia Albano

così come sul perimetro meritano attenzione sia le due registe Rossi e Diotti che le ottime guardie Picco e Beretta. Sotto le plance assicurano presenza e atletismo Scarsi e Polato. Un avversario quindi da prendere con le molle anche perché si presenta ben diverso da quello battuto a domicilio nel match d’andata come assicura il coach milanese Franz Pinotti:

“Sicuramente sarà una partita differente e più difficile di quella vinta all’andata da loro quando giocarono  incomplete. Ora hanno recuperato una pedina importante come Beretta e anche le altre stanno giocando bene. Il pericolo numero uno è ovviamente Correal ma occhio anche alle loro bocche da fuoco sul perimetro. La partita è un derby ed è sempre molto sentita quanto suggestiva. Noi dovremo stare attenti anche alla loro difesa a zona ma in settimana ci siamo preparati e allenati bene. Per noi è una partita importante – conclude il guru neroarancione – perché vogliamo continuare nel nostro percorso di crescita e di consapevolezza che possiamo ambire a posizioni e traguardi importanti. Sempre con la nostra tradizionale Feroce Determinazione”.

Così il prossimo turno, 22°: venerdì 17 Virtus Cagliari-Orvieto; sabato 18 Selargius-Crema, Alghero-Castelnuovo, Bolzano-Empoli, Albino-Geas; domenica 19 Cus Cagliari-Costa Masnaga, Ponte Casa d’Aste Milano-Castel Carugate (ore 18).

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 38; Scotti Use Rosa Empoli 36; Ceprini Costruzioni Orvieto 32; Il Ponte Casa D’Aste Milano 30; Tec-Mar Crema 28; B&P Autoricambi Costa Masnaga 26; EcoProgram Castelnuovo Scrivia 24; Fassi Albino 18; S.Salvatore Selargius 16; Surgical Virtus Cagliari 14; Castel Carugate 12; Alperia Itas Bolzano 10; CUS Cagliari 8; Mercede Alghero 2.

San Gabriele Milano Settore femminile: tutte le partite delle tigri neroarancioni in questo weekend

Si annuncia un weekend molto intenso e lungo per le tigrotte del San Gabriele Milano attese da un calendario ricco di partite tutte molte importanti nelle varie categorie femminili. Su tutte spicca il derby di serie A2, in programma domenica 19  al PalaIseo tra Ponte Casa D’Aste e Castel Carugate e quasi in contemporanea la sfida playoff di serie C QSA-Sanga.

SABATO 18 MARZO

Ore 15.15 Under16 EliteF: San Gabriele Milano-Cra Mariano Comense

Palestra via Frigia Milano

DOMENICA 19 MARZO

Ore 15.15 Under14 F: San Gabriele Milano-San Giorgio Mantova

Palestra via Frigia Milano

Ore 18 Serie A2F: Ponte Casa d’Aste Milano-Castel Carugate

PalaIseo, Milano

Ore 20,30 Serie CF: QSA Milano-San Gabriele Milano

Palestra Casarile

MARTEDI’ 21 MARZO

Ore 19.15 Under18 Gold F: Sanga Milano- Geas Sesto

PalaIseo, Milano

San Gabriele Milano Serie A2 femminile: il Ponte Casa d’Aste vince il derby con Albino e si conferma quarta forza del campionato

Il Ponte Casa d’Aste ricomincia da dove aveva terminato prima della sosta per la Coppa Italia: vincendo. Sabato sera infatti tra le mura amiche del PalaIseo le tigri di coach Pinotti non hanno deluso e hanno conquistato contro un coriaceo  Fassi Albino il primo dei due derby casalinghi consecutivi che tra sette giorni le vedrà sfidare anche Carugate. Due punti fondamenteli per il team milanese che sale al quarto posto solitario in classifica in virtù del contemporaneo stop interno di Crema contro Costa. Alla vigilia coach Pinotti aveva etichettato come partita della svolta il derby contro Albino e le sue tigrotte hanno risposto presente nonostante la generosa prova del team bergamasco ben gestito da coach Stibiel che di fatto è sempre restato in partita alzando bandiera bianca solo nell’ultimo quarto. Milano infatti è sempre stata in vantaggio di 6 punti, senza mai riuscire a scrollarsi di dosso le avversarie  per poi allungare sensibilmente grazie allo sprint finale propiziato da Sara Canova .

Sugli scudi nella prima parte un’ispiratissima Federica Pozzecco

a cui ha risposto dall’altra parte la pari ruolo, l’elettrica Packovski che come nel match d’andata si è rivelata assoluta protagonista per le rosse del Fassi. Determinante nell’area pitturata anche la lettone Liga Vente in doppia cifra con 15 punti 12 rimbalzi e 24 di valutazione complessiva che ha ben duellato con Elisa Silva ultima ad arrendersi nelle file di Albino. Soddisfatto a fine gara coach Franz Pinotti:

“Come avevo detto alla vigilia mi auguro che questa sia veramente la partita della svolta e non solo perché abbiamo vinto rispetto alla gara d’andata. Avevo già visto segnali importanti a Cagliari e contro Albino ho avuto altre conferme. Abbiamo lavorato bene in settimana e il campo ci ha premiato contro una squadra che ha giocato con grande intensità, grande corsa  e che ha avuto una Packosvki a tratti immarcabile. Poi però noi abbiamo trovato le contromisure sia sul piano del gioco che mentalmente. Forse non è stata una bellissima partita ma ho avuto risposte positive anche in termini numerici: quattro giocatrci in doppia cifra, abbiamo vinto a rimbalzo (45-24) e abbiamo tirato con percentuali migliori da 2 (53%) rispetto al solito. Sappiamo che abbiamo ampi margini di miglioramento per esempio nel servire le lunghe ma ci stiamo lavorando. Bene Pozzecco ma può fare ancora meglio, eroica Martelliano che ha giocato su una gamba  sola, brave le under20 Rossini e Giulietti.. insomma sono soddisfatto ma non ci accontentiamo Ora pensiamo già al derby di domenica prossima conro Carugate. Nel giorno della festa del papà mi pacerebbe vedere tante famiglie al PalaIseo: Abbiamo bisogno del calore e del sostegno dei nostri tifosi per continuare a salire!! Forza Sanga” .

Il tabellino completo de Il Ponte Casa D’Aste Milano – Fassi Albino 68 – 60 (20-14, 35-29, 52-46)
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Bottari, Novati, Pozzecco 20, Rossini 1, Guarneri 2, Martelliano 6, Canova 12 , Maffenini 12, Giulietti , Vente 15, Trianti ne, Galiano ne. All. Pinotti.
FASSI ALBINO: Birolini, Birolini M. 1, Vincenzi 2 , Silva 15, Packovski 22, Panseri 4, Devincenzi 2, Lussana ne, Valente 5,  Marulli 5, Manzini 4, Pintossi ne. All. Stibiel.

Tutti i risultati 8° turno ritorno  Girone A: Scotti Use Rosa Empoli-S.Salvatore Selargius 70-62, Ceprini Costruzioni Orvieto-Mercede Alghero 73-51, Castel Carugate-C.U.S. Cagliari 72-61, EcoProgram Castelnuovo S.-Surgical Virtus Cagliari 40-54, Geas Sesto San Giovanni-Alperia Itas Bolzano 76-50, Il Ponte Casa D’Aste Milano-Fassi Albino 68-60, Tec-Mar Crema-B&P Autoricambi Costa Masnaga 54-59.

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 38; Scotti Use Rosa Empoli 36; Ceprini Costruzioni Orvieto 32; Il Ponte Casa D’Aste Milano 30; Tec-Mar Crema 28; B&P Autoricambi Costa Masnaga 26; EcoProgram Castelnuovo Scrivia 24; Fassi Albino 18; S.Salvatore Selargius 16; Surgical Virtus Cagliari 14; Castel Carugate 12; Alperia Itas Bolzano 10; CUS Cagliari 8; Mercede Alghero 2.

Così il prossimo turno: venerdì 17 Virtus Cagliari-Orvieto; sabato 18 Selargius-Crema, Alghero-Castelnuovo, Bolzano-Empoli, Albino-Geas; domenica 19 Cus Cagliari-Costa Masnaga, Ponte Casa d’Aste Milano-Castel Carugate (ore 18)

San Gabriele Milano Serie A2 F: Il Ponte Casa d’Aste lancia il rush finale verso i playoff e sabato ospita il derby con Albino

Con il biglietto per i playoff già in tasca, il Ponte Casa d’Aste torna in campo dopo la sosta per la Coppa Italia, e per il 21° turno di campionato ospita sabato 11 il derby contro la Fassi Alino (ore 21 PalaIseo). Una sfida cruciale per più di un motivo e anche per vendicare la sconfitta sanguinosaa dell’andata persa sul campo bergamasco dopo aver a lungo dominato. Da fermare il folletto Packovski all’andata match winner così come sul perimetro la giovane Lussana e la nuova arrivata Manzini prelevata da Carugate. Vicino al pitturato coach Stibiel può contare sull’esperienza di Silva e Marulli ma anche sui centimetri delle giovani azzurre Valente e Vincenzi che è appena stata tesserata in prestito dal Sanga per giocare le finali nazionali Under20. Una sfida importante contro un’avversaria che punta a qualificarsi anch’essa per i playoff e quindi da non sottovalutare come ammette il coach milanese Franz Pinotti:

“La partita con Albino per noi è un vero crocevia della stagione per capire dove potremo arrivare e per cosa dovremo lottare. Già nell’ultimo match vinto a Cagliari ho avuto segnali positivi dal gruppo e la vittoria eventuale con la Fassi fortificherebbe questa mia convinzione. Ci ricordiamo bene della partita dell’andata che fu per noi e la nostra classifica molto dolorosa quindi sabato faremo molta attenzione. La cosa più importante sarà iniziare subito forte con grande intensità e concentrazione”.

La classifica del girone A di serie A2: Geas Sesto 36; Empoli 34; Orvieto 30; Milano, Crema 28; Costa Masnaga, Castelnuovo 24; Albino 18; Selargius 16; Virtus Cagliari 12; Bolzano, Carugate 10; Cus Cagliari 8; Alghero 2.

San Gabriele Milano Under20 Elite F: le tigri domano Biassono sulla sirena, si laureano bis campioni lombarde e volano a Roseto per le finali tricolori di Pasqua

Il San Gabriele Milano è per il secondo anno di fila campione lombardo Under20 femminile. Un traguardo prestigioso quello realizzato dalle tigrotte neroarancioni che hanno allungato la loro incredibile striscia vincente stagionale a ben 19 vittorie consecutive le ultime messe a segno proprio durante queste attesissime Final Four regionali che sono andate in scena al PalaIseo di Milano il 7 e 8 marzo. Una due giorni ricca di emozioni che non ha tradito le attese dei tanti tifosi e appassionati accorsi per vedere le quattro migliori formazioni lombarde di categoria.  Una due giorni che si è aperta subito nel segno del brivido con la prima semifinale di mercoledì che ha visto il successo in rimonta e al fotofinish di Biassono su Varese per 51-50. A seguire le tigrotte del Sanga erano attese dalla sfida contro il Castel Carugate. Una sfida che ha visto le ospiti controbattere e tenere testa nella prima parte alle detentrici del titolo che solo nella seconda frazione hanno preso in mano la gara chiudendo all’intervallo avanti di 13 (37-24). Carugate però ha avuto il merito di restare in partita e provare a riaprirla tornando a -10 al 30’ (50-40). Negli ultimi 10’ però le tigri di casa hanno sferrato la zampata decisiva chiudendo sul 64-48 che ha aperto loro le porte della finalissima. Proprio nel giorno della festa della donna sono quindi andate in scena in un PalaIseo esaurito le due attese finali. Un’emozione unica la sfida per il 3° -4° posto con un alternarsi di vantaggi e controsorpassi tra Varese e Carugate tanto che il verdetto finale è stato rimandato all’overtime dove sono regnati equilibrio e brividi fino agli ultimi secondi quando la squadra varesina di coach Lilly Ferri ha trovato il guizzo vincente che le ha regalato il podio e il passaggio diretto all’interzona del 20-21-22 marzo. Carugate invece quarta classificata lunedì 13 dovrà spareggiare contro Trieste per accedere ai gironi interzonali. Dopo le premiazioni di Varese e Carugate tutta l’attenzione si è spostata sull’attesa finalissima tra Sanga

e Biassono (formazione allestita in collaborazione con il Geas Sesto), una contro l’altra le due migliori squadre prime classificate nei rispettivi gironi: in palio non solo il titolo lombardo ma anche il passaggio diretto alle finali tricolori di Roseto a Pasqua. Un doppio obiettivo che ha reso la finale ancora più avvincente e tesa. Tensione che ha probabilmente bloccato il Sanga Milano partito contratto e troppo macchinoso tanto che Biassono ne ha approfittato per scappare via anche a + 8 grazie al trio Pusca-Ceccato-De Ponti. Sanga troppo brutto per essere vero ma che già nella seconda frazione ha iniziato a carburare scrollandosi pressione e tensione ma alzando l’intensità in difesa. Una trasformazione che ha prodotto anche un graduale recupero coronato con il sorpasso all’intevallo (38-36). Un vantaggio minimo condizionato anche dal problema falli soprattutto in cabina di regia con entrambi i play di casa Rossini e Giulietti in difficoltà. Una difficoltà evidente anche al rientro in campo quando Biassono ha ancora una volta iniziato meglio riportandosi avanti trascinato da Bonomi e l’immarcabile Pusca. In casa Sanga allora a suonare la carica ci hanno pensato l’ultima arrivata Susanna Toffali, in prestito da Alpo, e la compagna in azzurro Paola Novati

che con i loro punti hanno propiziato l’aggancio al 30’ (57-57) e di fatto aperto una nuova partita. Gli ultimi 10’ sono stati infatti palpitanti caratterizzati da vantaggi alterni, anche senza esclusione di colpi che hanno portato all’uscita per falli di molte protagoniste: da una parte Giulietti e Trianti hanno raggiunto Rossini out dal 25’, dall’altra Maniero e Bonomi. Si è arrivati così punto a punto al rush finale non adatto ai deboli di cuore: nell’ultimo minuto infatti Biassono trova il guizzo che la porta a +3 a 40” dalla fine.

Timeout Sanga che tenta il tutto per tutto: mentre Biassono fa 2/4 ai liberi, prima con Zighini acrobaticamente riduce lo svantaggio e poi con Perini in penetrazione impatta sul 65-65 a 16” dalla sirena. Tutto da rifare, tutto ancora aperto e time out Biassono. Rimessa e ultimo possesso ospite vissuo tra fiati sospesi e tensione a mille in tutto il PalaIseo: Sanga decide di difendere alla morte, Ceccato prova la bomba per il titolo che viene però respinta dal ferro. Rimbalzo catturato dal funambolo Zinghini che a 3” dalla fine lancia subito

un’elettrica Toffali che scappa via e a 1” decide di arrestarsi ai 9 metri per tirare la tripla della vita…canestro impossibile…che vale partita, titolo lombardo e finale nazionale. “Io ci ho provato, ho tirato per segnare perché ci credevo…per fortuna è andata bene”. Questo il commento a fine gara della sorridente mvp di queste finali che poi è stata sommersa dall’abbraccio di tutto il Sanga a centro campo.

Sanga in trionfo e poi premiato a dalla neo vicepresidente della Fip Mara Invernizzi che ha consegnato il trofeo a capitan Giulia Trianti. Una vittoria da film, indimenticabile che vale tantissimo per tutto il club nero arancione come ammette coach Andrea Piccinelli: “Innanzitutto però voglio fare i complimenti sinceri ai nostri avversari. Non c’è grande vittoria senza grandi avversari: prima a Carugate che ci ha tenuto testa con onore in semifinale e soprattutto a Biassono che ha giocato una grande finalissima e avrebbe meritato quanto noi il successo. So quanto fa male perdere in questo modo e quindi auguro alle ragazze di Biassono di ritrovarci a Roseto. So però anche cosa significa vincere in questo modo.. basta vedere la felicità negli occhi delle mie ragazze, una felicità attesa un anno che volevamo vivere dopo la beffa dell’interzona scorso. Una gioia che le ripaga del lavoro di due anni e le premia per una stagione fin ad ora giocata da protagoniste.. e il bello sta per arrivare. Sono sincero non abbiamo disputato delle grandi finali a livello di gioco perchè la pressione della posta in palio e il dover vincere ci ha forse bloccato mentalmente. Non nelle migliori condizioni però le ragazze non hanno mai mollato e ci hanno sempre creduto. Anche in finale quando con grandi problemi in cabina di regia siamo riusciti a restare in partita, tutte hanno dato qualcosa e portato energia alla causa. Il finale? Alla vigilia avevo chiesto alle ragazze di sognare questa vittoria…forse qualcuna mi ha preso alla lettera e ha scritto il copione di un nuovo film hollywoodiano.. nell’ultimo minuto sotto di 3 ho chiesto di continuare a crederci e di continuare ad attaccare anche in difesa.. il dio dei canestri ci ha dato una mano e Susy Toffali ha fatto il resto realizzando la tripla miracolosa. Una vittoria che resterà per sempre nei nostri cuori. Perché è stata la vittoria di tutti, ragazze in primis ma anche società e staff.

Prezioso il contributo del nostro osteopata Alessandro Maniero che ha rimesso in piedi a tempo di record giocatrici come Zinghini che sembravano out. Fondamentale “Raffo” Raffaele Gennaro il nostro preparatore con Daniele Gromero duo special senza dimenticare super Franz Pinotti e gli altri tecnici Maurizio Mazzetto e Nik Zappetti così come i nostri dirigenti non solo accompagnatori dall’amico Claudio Giulietti ad Andrea Rossini e Carlo Ferrario. Sì la vittoria è di tutti loro. Personalmente ho conquistato tante finali con Comense, Biassono e  anche in Svizzera ma sono sincero questa con il Sanga ha un sapore speciale… per citare gli U2.. Unforgettable Fire.. Ora andiama a Roseto .. per contiuare il nostro cammino e il nostro sogno….”.

 

Il tabellino di Sanga-Carugate 64-48 (17-14, 37-24, 50-40. Toffali 8, Michelini, Novati 7, Rossini 17, Zinghini, Perini 5, Giulietti 8, Taverna 2, Trianti 11, Galiano 6, Stilo e Ferrazzi ne. All Piccinelli).

Il tabellino della finalissima Sanga-Biassono  68-65 (15-21, 38-36, 57-57. Sanga: Toffali 16, Novati 13, Rossini 5, Perini 2, Zinghini 8, Giulietti 6, Taverna, Trianti 7, Ferrazzi ne, Picarelli 3, Galiano 8, Stilo ne. All Piccinelli. Vice: Pinotti.

Biassono:  Ceccato 10, Zuccoli 6, Maniero, De Ponti 10, Mistò 9, Bonomi 7, Pusca 22, Oggioni, Molteni, Grassia 1. All. Gualtieri. Vice Gargantini-Beretta.

San Gabriele Milano serie A2 Femminile: le tigri rialzano la testa, tornano a ruggire e sbranano Bolzano

Le tigri del Sanga rialzano la testa, dimenticano la sconfitta nel derby con Geas e tornano al successo sbranando il Bolzano. La squadra neroarancio infatti domenica è stata protagonista di una buona prova corale che ha garantito un ampio e meritato successo casalingo contro la formazione altoatesina che arrivava al PalaIseo in grande crescita. E infatti Bolzano domenica è partita meglio di Milano, approfittando di alcuni errori di troppo delle locali e portandosi sull’1-5. Il Ponte Casa d’Aste però si è prontamente svegliato dal suo torpore iniziale e a suonare la carica ci hanno pensato prima l’arrembante Sara Canova

trascinta dai suoi allievi-tifosi del minibasket scatenati sulle tribune e quindi la capitana Giulia Maffenini

che hanno piazzato il primo parziale di 13-0 che ha permesso di andare al riposo al 10’ sul 21-11. Vantaggio che è aumentato ad inizio seconda frazione ma poi complici nuove distrazioni e un calo di concentrazione, si è ridotto grazia al minibreak di 0-6 che ha permesso a Bolzano di ricucire all’intervallo sul 35-27. La partita però ha cambiato faccia nel terzo quarto quando a cambiare faccia sono state proprio le tigrotte del Sanga che hanno alzato l’intensità in difesa e prodotto, ben orchestrate dalla regista Federica Pozzecco

, un parziale di 31-11 che ha di fatto chiuso i conti. Nell’ultimo quarto spazio per tutte le neroarancio con buone indicazioni da parte delle giovani under20 specialmente di Laura Galiano

e Ludovica Rossini

. Soddisfatto anche coach Franz Pinotti: “All’inizio non è stato semplice perché sapevamo che Bolzano è cresciuta rispetto all’andata. Poi però quando siamo saliti di tono in difesa abbiamo incanalato la gara sui nostri binari ed è stato tutto più facile. Abbiamo quindi approfittato per dare spazio a tutte e provare anche cose nuove visto che stiamo entrando nella fase importante del campionato e in previsione dei playoff. Anche perhè alle porte abbiamo due trasferte di fila molto insidiose importanti contro Crema e Virtus Cagliari. Per ora però pensiamo ad una partita alla volta e ci concentriamo su Crema, uno scontro diretto importante contro una squadra che da tempo non riusciamo a battere in partite ufficiali: penso che sia arrivato il momento giusto e vincere in casa loro sarebbe proprio ideale.. noi ci proviamo ma ora torniamo in palestra a lavorare sodo e a prepararci al meglio”.  A fine gara bella foto di gruppo con i bimbi del centro minibasket Sanga che sarà protagonista dello Shot Camp a Chiavenna dall’11-17 giugno per i Bimbi e Bimbe,  ma anche RAGAZZI e RAGAZZE del Basket dal 2000 al 2009. 

Il tabellino di Il Ponte Casa D’Aste Milano – Alperia Itas Bolzano 81 – 47 (21-11, 35-27, 66-38)
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Bottari 2, Novati 2, Pozzecco 9, Rossini 4 , Guarneri 4, Martelliano 8, Canova 14, Maffenini 22, Giulietti , Vente 11, Galiano 5. All. Pinotti.
ALPERIA ITAS BOLZANO: Ribeiro da Silva 12, Giordano 6, Cela, Fall 7, Matic 6, Lorenzi , Desaler 4, Pobitzer 3, Zelger 2, Venturini, Piermattei  4, Ruocco 3. All. Travaglini.

Tutti i risultati del 18° turno: Surgical Virtus Cagliari-Tec-Mar Crema 58-62, S.Salvatore Selargius-CUS Cagliari 59-41, Mercede Alghero-B&P Autoricambi Costa Masnaga 44-71, Castel Carugate-EcoProgram Castelnuovo S. 59-70, Fassi Albino-Scotti Use Rosa Empoli 58-61, Il Ponte Casa D’Aste Milano-Alperia Itas Bolzano 81-47, Ceprini Costruzioni Orvieto-Geas Sesto San Giovanni 52-50.

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 32; Scotti Use Rosa Empoli 30; Tec-Mar Crema, Il Ponte Casa D’Aste Milano, Ceprini Costruzioni Orvieto 26; B&P Autoricambi Costa Masnaga 24; EcoProgram Castelnuovo S. 22; Fassi Albino, S.Salvatore Selargius 16; Surgical Virtus Cagliari 12; Alperia Itas Bolzano 8; Castel Carugate, C.U.S. Cagliari 6, Mercede Alghero 2.

Prossimo turno: sabato 18 Castelnuovo-Orvieto, Bolzano-Selargius, Carugate-Virtus Cagliari, Geas-Alghero, Costa Masnaga-Albino, Empoli-Cus Cagliari; domenica 19 Crema- Milano (ore 18).

San Gabriele Milano Settore femminile: tutte le partite delle tigri neroarancioni in questo weekend

Anche se osservano un turno di riposo Under20 Elite e Under18 Gold si annuncia comunque ricco e interessante il calendario di partite che attendono le tigrotte del San Gabriele Milano in questo weekend. Su tutte spicca il match di serie A2, in programma domenica 12 al Palaiseo tra il Ponte Casa d’Aste e Bolzano alle ore 18.

SABATO 11 FEBBRAIO

Ore 15.15 Under16 F Elite: San Gabriele Milano – Costa Masnaga

Palestra via Frigia Milano

Ore 17.15 Under14 F: San Gabriele Milano –Basket Più

Palestra via Frigia Milano

DOMENICA 12 FEBBRAIO

Ore 15 Under13 F: San Gabriele Milano-Geas Sesto

Palestra via Frigia Milano

Ore 18 Serie  A2 F: Ponte Casa d’Aste Milano-Bolzano

PalaIseo Milano

Ore 18 Serie  C F: Assisi Milano – San Gabriele Milano

Palestra Oratorio, via Usignolo Milano

San Gabriele Milano Under20 F Elite: le tigrotte sbancano Varese e conquistano il primato del girone B con tre turni d’anticipo

Missione compiuta dalle Under20 del San Gabriele Milano che hanno conquistato il primato del girone B con tre turni d’anticipo andando a vincere il big match di lunedì scorso sul campo della seconda forza Varese e bissando così la vittoria dell’andata. Un successo importante che va al di là del risultato sul tabellone (51-65) ma che premia una buona prova collettiva delle tigrotte milanesi capaci di partire forte, resistere alla veemente rimonta locale per poi sferrare la zampata vincente nell’ultima frazione. Il match non ha tradito le attese ed è stato giocato a viso aperto dalle due migliori formazioni del girone B. Buona partenza del Sanga che, trascinato dalla capitana Giulia Trianti (top scorer con 20 punti)

prova subito a scappare via chiudendo la prima frazione sul + 10 (11-21). Più equilibrato il secondo quarto che vede le milanesi mantenere il vantaggio in doppia cifra e, nonostante qualche errore a tiro e alcune palle perse di troppo, andare al riposo lungo con un meritato 22-34. Al rientro in campo però diversamente dal solito, le tigri milanesi non piazzano l’allungo decisivo ma prestano il fianco alla rimonta delle padroni di casa che trascinate da un’ottima Malerba ben assistita da Premazzi e Amato,  punto su punto ricuciono lo strappo per pareggiare proprio sul finale di terza frazione (38-38). La mini pausa è utile per far rientrare in partita le giovani milanesi che tornano infatti in campo con la faccia giusta e le unghie affilate: la prima a suonare la carica è l’azzurra Paola Novati

che con cinque punti di fila regala il nuovo strappo. Di fatto è la miccia che riaccende le neroarancio che piazzano negli ultimi 10’ un perentorio 13-27 con il tandem Ludovica Rossini  e Valentina Giulietti on fire. Un break che spegne le ultime velleità locali, chiude la contesa e regala il primato al Sanga per la soddisfazione di coach Andrea Piccinelli. “Abbiamo centrato il primo obiettivo stagionale e cioè il primato del girone che ci permette di essere testa di serie nella seconda fase. Sono contento anche per la prova delle ragazze che hanno saputo reagire da grande squadra a una situazione che di fatto si era complicata nella terza frazione e mi dispiace dirlo non solo per colpa nostra e ovviamente per gli indubbi meriti di Varese che ha confermato di essere un’ottima rivale ben allenata dall’amica Lilly Ferri. Di fatto abbiamo assistito a tre partite in una. Nella prima parte abbiamo offerto una prova veramente buona con un ottimo approccio e una conduzione di gara molto attenta per 20’ anche se per la mole di lavoro svolta potevamo andare al riposo con un vantaggio più ampio. Poi dopo l’intervallo è iniziata una seconda partita che di fatto non abbiamo giocato: nella terza frazione infatti siamo usciti dal match condizionati troppo dal metro arbitrale a cui non ci siamo adeguati e Varese è stata brava ad approfittare delle nostre amnesie e del nostro nervosismo per riaprire la gara. Per fortuna però negli ultimi 10’ abbiamo ripreso a giocare come sappiamo: alle ragazze ho chiesto di giocare come nella prima parte, con più serenità e determinazione,  e così hanno fatto meritando di vincere con 10’ veramente di ottimo livello. Ora pensiamo a chiudere al meglio questa regular season per poi tuffarci a pieni polmoni nella seconda fase… già perché adesso arriva il bello… e noi abbiamo sempre più fame…”.

Il Sanga ora osserverà il turno di riposo e tornerà in campo lunedì 20 febbraio in casa contro il fanalino di coda Airoldi Origgio.

Il tabellino di Basket Femminile Varese-Sanga Milano 51-65 (11-21, 22-34, 38-38)

Sanga: Michelini ne, Novati 7, Rossini 13, Perini 6, Zinghini 2, Giulietti 9, Taverna, Trianti 20, Ferrazzi ne, Picarelli 2, Galiano 6, Stilo ne. All. Piccinelli.