Guarneri e Novati: Difesa, Rimbalzi, Contropiede e Tiro

Stefania Guarneri, pivot di 182 cm., giocherà nel quintetto titolare de Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano 2017_2018.  Stefania (4.7 punti di media a partita con una percentuale del 49% al tiro e 6 rimbalzi a partita) è tra le prime otto rimbalziste di tutta la serie A2, del campionato appena terminato, per rimbalzi/minuto conquistati (0.353). Una grande atleta, determinata e grintosa, che lotta su ogni pallone.

“Credo sia giunto il momento per Stefania, di prendersi delle responsabilità verso la squadra. Nell’ultimo anno è molto

maturata e cresciuta nell’interpretazione del Gioco – dice Coach Pinotti – e per questo abbiamo pensato di puntare su di lei, per darle la possibilità di esprimersi ai massimi livelli come tutti, al Sanga ne siamo convinti, pensiamo sia capace e pronta”.

Stefania va ad aggiungersi alla giovane e promettente compagna di reparto, Paola Novati (1998), che avrà anche il compito di guidare l’U20 del Sanga all’assalto di un Sogno, in Lombardia e in Italia. Ben coadiuvata da un gruppo giovanile di grande eccellenza, che ha dominato la categoria in regione e oltre i confini padani negli ultimi due anni. Novati quest’anno ha messo in luce grandi doti di rimbalzista, qualità balistiche da sotto ma anche e soprattutto dall’arco dei tre punti, mostrando grandissimi progressi nella lettura del gioco di squadra, con grandi doti di passatrice. Doti preziose che saprà mettere a frutto, se chiamata a giocare, anche nella nazionale italiana U19 che disputerà il mondiale di categoria quest’estate, e per la quale si sta allenando duramente.

Il Sanga versione 3.0 comincia a prendere forma.

Ufficio stampa Sanga Milano

San Gabriele Milano Under16 Elite: le tigrotte pronte per l’interzona da venerdì 26 a domenica 28 sfidano Roma, Marghera e Alghero per il sogno finale nazionale

Il momento magico è arrivato, le tigrotte Under16 del San Gabriele Milano sono pronte a partire per Livorno sede del girone d’interzona che le vedrà da venerdì 26 a domenica 28 maggio sfidare Stella Azzurra Roma, Marghera, e Mercede Alghero per provare a staccare uno dei due posti utili per le finali nazionali che si svolgeranno dall’11 al 18 giugno a Trieste. Un sogno grande come il mondo per le tigrotte che come l’anno scorso sono partite di ricorsa arrivando al sesto posto nel difficilissimo campionato Elite lombardo, qualificandosi all’ultima gara per lo spareggio interregionale dove sono riuscite poi a battere sul campo neutro di Mirano la terza forza del Friuli l’Interclub Muggia.

Ora come detto la prossima tappa del viaggio è Livorno per un interzona che era l’obiettivo stagionale desiderato alla vigilia ma sicuramente non scontato come precisa coach Andrea Piccinelli:

“Era il nostro obiettivo di questa stagione che per gran parte della squadra era di fatto la prima  in un campionato Elite e a contatto  con un basket di così alto livello e molto competitivo. Penso che questo obiettivo le ragazze lo abbiano meritato sul campo lavorando sodo fin dall’inizio e resistendo nei momenti centrali dell’anno quando siamo calati  per una serie di fattori per poi però riprenderci molto bene in questi ultimi due mesi dove abbiamo, proprio come volevo, assolutamente aumentato i giri del nostro motore crescendo sotto ogni profilo tecnico, tattico e anche di autostima, individualmente e di squadra. La cosa che più mi fa piacere è vedere come la squadra mi abbia seguito e abbia creduto in quello che in cui credevo io fin dall’inizio. I risultati poi hanno premiato l’impegno e la disponibilità di queste splendide ragazze: sì questa è la vittoria per tutti noi che abbiamo lavorato forte in questi mesi. Ora arriva il  bello e anche il difficile. Abbiamo un girone tostissimo contro le campionesse in carica di Marghera, le forti Stelle Azzurre di Roma prime del Lazio e la breve sarde di Alghero che hanno eliminato allo spareggio Castelnuovo. Tre partite, a cominciare dal difficile esordio con Roma, da vivere a pieni polmoni con grande umiltà e rispetto per i nostri avversari ma anche grande coraggio, energia ed entusiasmo consci che possiamo anche noi dire la nostra. Abbiamo una possibilità e vogliamo giocarcela fino in fondo come abbiamo fatto anche lo scorso anno, senza illusioni ma con un grande sogno…alla fine guarderemo il tabellone faremo i complimenti ai nostri avversari e vedremo chi avrà vinto sul campo.. io sono sicuro che le mie ragazze faranno un grande interzona..le ho viste in questi mesi, le ho “tirate” e ammirate in questi ultimi giorni…e non  invidio chi le affronterà.. dovranno veramente essere più brave di noi per batterci…Forza ragazze, Forza tigrotte io ci credo.. come voi.. non sarà facile.. quindi è ancora più bello no?”.

Questo il programma dell’interzona numero 5 che si gioca a Livorno:

1° giorno: Venerdì 26 ore 17 Sanga Milano-Stella Azzurra Roma, a seguire ore 19 Marghera-Alghero.

2° giorno: Sabato 27 ore 16 si sfideranno le due vincenti dei primi incontri mentre alle 18 in campo le due perdenti.

3° Giorno: Domenica 28 giornata conclusiva con le ultime due partite alle ore 10 e 12

Le prime due classificate al termine delle tre giornate di questo minigirone all’italiana si qualificheranno per le Finali Nazionali di Trieste in programma dall’11 al 18 giugno.

San Gabriele Milano Under16 F Elite: le tigrotte compiono l’impresa, vincono lo spareggio con Muggia e volano all’interzona

Colpo grosso delle tigrotte under16 del San Gabriele Milano che domenica hanno strappato il biglietto per l’interzona del 26-27 28 maggio arricchendo la bella stagione del vivaio orange. Un traguardo prestigioso e meritato quello messo a segno dal team neroarancio che è andato a vincere sul neutro di Mirano lo spareggio contro l’Interclub Muggia terza forza del Friuli per 52-21. Per il secondo anno consecutivo quindi la squadra Under16 del Sanga ha centrato l’obiettivo interzona partendo di rincorsa e dal sesto posto colto nel difficile campionato lombardo, ribaltando anche i favori dei pronostici grazie ad un’ottima prestazione di squadra. Nonostante la posta in palio e l’emozione iniziale le tigrotte domenica sono partite con il piede giusto chiudendo avanti la prima frazione per 13-8. Dopo aver toccato anche il +12 un leggero calo e alcuni errori banali nella seconda frazione hanno limitato il vantaggio all’intervallo a sole 6 lunghezze (21-15). Alla ripresa del gioco Muggia ha provato a riaprire la gara arrivando a -2 ma sul 22-20 le tigri del Sanga hanno di fatto cambiato volto e soprattutto l’inerzia del match. Capitan Giorgia Cirelli ha suonato la carica con una bomba, Cecilia Carozzi ha dominato l’area pitturata (doppia doppia con 10 punti e 10 rimbalzi) e l’innesto di Ginevra Veronesi ha di fatto portato ulteriore energia in casa milanese: la difesa è diventata impenetrabile concedendo di fatto solo 6 punti nella seconda parte di gara alle friulane. Terrificante il parziale di 30-1 con cui le milanesi hanno allungato e chiuso la gara per poi abbandonarsi al trionfo in mezzo al campo

e alla festa negli spogliatoi. Soddisfatto a fine gara coach Andrea Piccinelli:

“Sono contento per le ragazze che hanno realizzato il loro obiettivo: centrare la qualificazione all’interzona per il secondo anno consecutivo partendo dal sesto posto: una piccola impresa dai che fa bene anche alla nostra società che si conferma una realtà in crescita anche nel settore giovanile. Sono soddisfatto per la prestazione della squadra,  preparata bene in palestra con ottimi allenamenti e grande disponiblità da parte delle bimbe. Lo spareggio è sempre una gara difficile ma le ragazze mi hanno ascoltato e sono state brave ad approciarla bene. Poi una volta sciolte è stata una bella cavalcata in progressione: super la difesa impenetrabile anche se forse abbiamo commesso qualche errore di troppo in attacco. Ma va bene  così ora torniamo in palestra per preparare questo interzona.. ce lo vogliamo giocare e godere per provare perché no a fare un altro colpo…sognare non costa nulla .. anzi alle ragazze ho chiesto proprio questo.. lavorare ancora sodo e soprattutto non smettere di sognare…”.

Il tabellino di Muggia-Sanga Milano 21-52 (8-13, 15-21, 19-35). Sanga: Veronesi 9, Valli 9, Taverna, Delihasanovic, Matteucci 5, Marcandalli 2, Serpellini 7, Camponovo 1, Carozzi 10, Amato, Cirelli 7, Traccanella 2. All. Piccinelli. Vice: Mazzetto.

Il   Sanga  giocherà nel Concentramento interzonale n. 5  da svolgersi in Toscana il 26-27 -28 maggio:

A: Stella Azzurra Roma
B: Sanga Milano
C: Marghera
D: Alghero

Prima partita venerdì 26 Sanga Milano-Stella Azzurra Roma.

San Gabriele Milano serie A2 F: al Ponte Casa d’Aste è proprio indigesta Crema, fuori dai playoff , il bilancio di coach Pinotti che pensa già alla nuova stagione

Mai come quest’anno Crema si è rivelata amara per il Ponte Casa d’Aste. Il team milanese infatti è stato eliminato con un secco 2-0 dai quarti di finale dei playoff di serie A2 dalla Tec Mar Crema che così ha bissato il doppio successo nei match giocati durante la regular season. Dopo aver perso gara 1 in trasferta per 74-61, le tigri di coach Franz Pinotti si sono arrese anche in gara 2 giocata al PalaIseo per 52-61 dopo aver comandato per oltre due quarti. La volata finale però ancora una volta come nei tre precedenti stagionali ha sorriso al team cremasco di coach Luca Visconti che ad onor del vero ha dimostrato di avere qualcosa in più rispetto alle milanesi. Un’eliminazione amara, come detto, anche manifestata dalle parole di coach Pinotti:

“Purtroppo ci dobbiamo leccare le ferite per questa eliminazione che brucia per tante colpe nostre ma anche per un metro arbitrale che proprio non ho capito perché spesso è cambiato nel corso della gara. Comunque non voglio togliere i meriti di Crema che ha vinto sul campo. Voglio però analizzare il nostro rendimento che contro Crema è sempre stato lo stesso. Per quattro volte quest’anno siamo sempre partiti meglio e stati avanti per poi calare alla distanza. Ripeto molto per colpa nostra. Peccato perché sono convinto ancora che non siamo inferiori a Crema”. Poi Pinotti traccia un bilancio della stagione: “A conti fatti penso che abbiamo disputato una stagione meno buona di quella passata anche se abbiamo centrato l’obiettivo playoff conquistando gli stessi punti in regular season ma con una squadra onestamente superiore. Purtroppo ci sono mancate un po’ di determinazione e risolutrici nei momenti più caldi delle partite e non solo contro Crema. E’ stata purtroppo una costante negativa… abbiamo perso troppe partite già vinte e dominate perché nelle fasi decisive o nel finale alcune giocatrici determinanti sono uscite mentalmente dalla gara. Un vero peccato”.

Resta però la soddisfazione di avere avuto a lungo durante la stagione la miglior difesa di serie A2, essere stata una delle squadre migliori a rimbalzo, senza dimenticare la capitana Giulia Maffenini

stabilimente nella top ten delle marcatrici e ben due giocatrici convocate in nazionale: la giovane Paola Novati

con l’Italia Under19 e la straniera Liga Vente

chiamata per la prima volta con la sua nazionale maggiore della Lettonia in preparazione degli Europei. Ora dopo una settimana di riposo , il Sanga tornerà a lavorare con allenamenti individuali e di gruppo ma già la società sta pensando alla prossima stagione come ammette lo stesso coach Pinotti: “Assolutamente sì prima parleremo con le nostre giocatrici e valuteremo come muoverci sul mercato tra conferme e nuovi arrivi per allestire ancora una volta un Sanga d’assalto che abbia la feroce determinazione e possa ountare ai vertici del campionato di serie A2 2017/18.

San Gabriele Milano Under16 F Elite: le tigrotte domenica a Mirano sfidano Muggia nello spareggio che vale un posto all’interzona

Domenica di fuoco per le tigrotte Under16 Elite del San Gabriele Milano che sul neutro di Mirano (Venezia) sfidano alle ore 17 l’Interclub Muggia, terza classificata del Friuli, nella gara di spareggio che mette in palio la qualificazione all’interzona. Una partita secca, senza domani, che vale il coronamento di un sogno per il gruppo neroarancio cresciuto molto durante la stagione regolare chiusa al sesto posto nel campionato lombardo mai cosi competitivo come quest’anno. “Siamo contenti di aver guadagnato sul campo la possibilità di giocarci questo spareggio interregionale – sottolinea il coach Andrea Piccinelli

–  ma non appagati. Abbiamo ancora fame e ci piacerebbe coronare il nostro sogno di arrivare per il secondo anno consecutivo all’interzona. Sappiamo però che ci servirà un’impresa contro un’ottima squadra come si annuncia essere Muggia società di tradizione e blasone. Da parte nostra ci siamo allenati e preparati bene in queste ultime settimane, siamo carichi e stiamo bene.. insomma  siamo pronti per giocarci il nostro spareggio con testa e gambe, con energia ed entusiasmo e… il cuore in mano.. alla fine che vinca il migliore”.

Spareggio gara 10 Interclub Muggia – San Gabriele Basket
Domenica 7 maggio ore 17 Scuola elementare Azzolini di via Villafranca n.20, Mirano (VE).

La vincente accederà al Concentramento interzonale n. 5  da svolgersi in Toscana il 26-27 -28 maggio:

A: Lazio 1 (Stella Azzurra Roma)
B: Vincente gara n. 10 (Muggia-Sanga Milano)
C: Veneto 1 (Marghera)
D: Vincente gara n. 9 (Alghero-Castelnuovo)

Finale Nazionale 11 – 18 giugno 2017 – Trieste

San Gabriele Milono serie A2 F: Il Ponte Casa d’Aste con le spalle al muro, stasera al PalaIseo gara 2 dei quarti contro Crema, coach Franz Pinotti crede nell’impresa

“Io credo in questo Sanga gruppo e sono convinto che stasera faremo un’impresa”. Parole da condottiero quelle pronunciate a poche ore dalla palla due del return match dei quarti di finale playoff da Franz Pinotti

coach del Ponte Casa d’Aste Milano che oggi è con le spalle al muro contro la TecMar Crema. Già perché stasera il team neroarancio può  e deve solo vincere per tenere aperta la serie e non finire qui la stagione. “Oggi scenderemo in campo per vendere cara la pelle. Abbiamo fame di vincere finalmente contro Crema. Daremo l’anima e anche di più per pareggiare la serie e tornare domenica 30 a Crema”. Franz è carico come una molla e spera che lo siano anche le sue tigrotte: “Domenica scorsa in gara 1 abbiamo perso troppi palloni banalmente e avuto poco da Maffenini, Pozzecco e dalla panchina che ci deve dare di più sia in attacco che in difesa. Crema è un’ottima squadra con un ottimo allenatore come Luca Visconti ma io continuo a credere che il Sanga giochi meglio e che abbia tutte le carte in regola per ribaltare la serie e passare il turno. Dobbiamo però essere concentrati e determinati per tutti 40’ e non solo a tratti o in avvio di gara come è sempre capitato nelle tre precedenti gare con Crema, tutte perse.. fino ad oggi. Sono certo che se Maffenini&compagne lo vogliono e ci credono oggi possiamo fare l’impresa. Io ci credo!!”. Pinotti per questo chiama a raccolta anche tutta la sua trubù orange:

“Carissimo popolo in orange, abbiamo bisogno del tuo sostegno questa sera per ribaltare il pronostico che ci vede sotto 0-1 con Crema.
NON POSSIAMO E NON VOGLIAMO PERDERE QUESTA PARTITA, perché significherebbe terminare il campionato. Mentre noi vogliamo continuare a giocarlo. Vogliamo la sesta giocatrice in campo: LE NOSTRE SANGA FAMIGLIE E TUTTE LE RAGAZZE E I BAMBINI DEL SANGA A TIFARE E SOSTENERE LE NOSTRE GRANDONE:
Abbiamo bisogno di Voi”. Palla a due stasera al PalaIseo ore 20.30. L’eventuale gara 3 è prevista per doemnica 30 a Crema ore 18.

La vincente sfiderà in semifinale Vicenza che ha già eliminato Alpo Verona con un secco 2-0.

San Gabriele Milano serie A2 F: Il Ponte Casa d’Aste perde gara1 a Crema ma già giovedì si torna in campo per la seconda sfida al PalaIseo… per riaprire la serie

Iniziano male i playoff del Ponte Casa d’Aste Milano che domenica nella prima partita dei quarti di finale contro la TecMar Crema ha dovuto incassare un’amara sconfitta per 74-61.

E pensare che la gara 1

si era messa subito bene per le tigri neroarancio che trascinate da Roberta Martelliano

, Sara Canova  e sotto le plance da una precisa Liga Vente

, hanno condotto la prima frazione anche di 8 chiudendo avanti 15-18. Come era nelle previsioni la reazione delle locali non si è fatta attendere e spinte da una mortifera Caccialanza, autrice di tre triple di fila, hanno piazzato un terribile parziale di 27-11 che ha di fatto cambiato l’inerzia ma anche le sorti del match. Crema infatti ha chiuso avanti all’intervallo 42-29, vantaggio che poi si è rivelato decisivo visto che non è più cambiato fino al 40’ nonostante due tempi giocati con grande agonismo e senza esclusioni di colpi su entrambi i fronti. Nell’ultima frazione le milanesi guidate da Federica Pozzecco

hanno provato il tutto per tutto e sono arrivate anche a -6 prima che l’ex Picotti, un ottima Capoferri e l’mvp Caccialanza chiudessero i conti regalando il primo punto della serie alla TecMar. Chi ha già resettato è il coach del Sanga Franz Pinotti

carico per gara 2: “Purtroppo per la terza volta questa stagione abbiamo perso con Crema, peccato perché avevamo iniziato bene poi però le tante palle perse banalmente ci hanno penalizzato. Giovedì al PalaIseo però scenderemo in campo per vendere cara la pelle. Abbiamo fame di vincere. Daremo l’anima e anche di più per pareggiare la serie e tornare domenica 30 a Crema”. La serie infatti si sposta già giovedì 27 a Milano (ore 20.30) dove il Ponte Casa d’Aste davanti al suo pubblico vuole allungare la serie ed evitare di chiudere la stagione.

Il tabellino di gara1

Tec-Mar CremaIl Ponte Casa D’Aste Milano 7461 (15-18, 42-29, 60-53)

TEC-MAR CREMA: Visigalli ne, Conti 2, Zagni 5, Capoferri 12, Veinberga 13, Caccialanza 19, Parmesani, Cerri ne, Rossi ne, Maiocchi ne, Rizzi 15, Picotti 8. All. Visconti.

IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati , Pozzecco 14 , Rossini, Guarneri, Martelliano8, Perini ne, Canova18 , Maffenini 5, Taverna ne, Vente 16, Trianti ne, Galiano ne. All. Pinotti

Gli altri risultati di gara1 quarti di finale Play Off del tabellone 2

Matteiplast Bologna-Fanola San Martino 68-38 [1-0]
Tec-Mar Crema-Il Ponte Casa D’Aste Milano 74-61 [1-0]
Velco Vicenza-Ecodent Point Alpo 78-50 [1-0]
Ceprini Costruzioni Orvieto-B&P Autoricambi Costa Masnaga 48-73 [0-1]

San Gabriele Milano Under16 Elite F: le tigri compiono l’impresa e volano agli spareggi interzonali, il 7 maggio sfidano Muggia per andare all’interzona

Missione compiuta dalla squadra Under16 del Sanga Milano che domenica ha strappato l’ultimo biglietto per gli spareggi interregionali. Domenica scorsa a Brescia infatti era in programma l’ultima partita del campionato Elite lombardo un autentico scontro frontale tra il Sanga a quota 18 punti e la Brixia sua diretta inseguitrice staccata di sole due lunghezze: in palio l’ultimo posto per la fase successiva interregionale. Sanga in campo con il vantaggio dei due punti in classifica e il + 9 conquistato nel match d’andata. Nonostante questo e la tensione dei primi minuti le tigrotte sono partite subito bene chiudendo avanti la prima frazione sull’11-15 trascinate da Petra Matteucci e sotto canestro dalla coppia Laura Valli e Cecilia Carozzi. Gasate da questo buon inizio le tigrotte hanno continuato a giocare la loro pallacanestro con attenzione sia in attacco che in difesa anche nella seconda frazione andando al riposo con un meritato +9 sul 18-27. Dopo la pausa si è però  ripresentata in campo una Brixia molto più battagliera che ha provato il tutto per tutto per riaprire la gara e così è stato: grazie a un fulminio 5-0 è cambiata l’inerzia della gara. Condizionate dai falli e da un metro arbitrale dubbio le milanesi si sono bloccate subendo nella terza frazione un break negativo di 22-10 che ha regalato il sorpasso nel finale delle padroni di casa che hanno chiuso al 30’ avanti 40-37. Gli ultimi 10’ quindi si sono rivelati emozionanti e molto combattuti con Brescia a tentare il tutto per tutto per strappare la qualificazione e il Sanga a stringere i denti per gestire il vantaggio dell’andata. Vantaggio che ha vacillato quando le locali si sono portate a 3’ dalla fine sul + 7. Ma proprio nel momento più difficile capitan Giorgia Cirelli ha suonato la carica e con Laura Valli e un canestro fondamentale di Carlotta Marcandalli hanno ricucito lo strappo domando gli ultimi attacchi delle locali. Proprio Cirelli ha segnato gli ultimi 2 tiri liberi che hanno chiuso la gara sul 55-50 sì  a favore delle bresciane ma che hanno sancito la qualificazione  del Sanga allo spareggio interregionale. Alla sirena finale è scoppiata così la festa  in campo e sulle tribune del popolo neroarancio che ora si preparerà ad affrontare Muggia, terza in Friuli, nello spareggio di domenica 7 maggio che metterà in palio il passaggio all’interzona del 26-27 28 maggio in Toscana.

Soddisfatto anche coach Andrea Piccinelli: “Sono felice per le ragazze che hanno lavorato sodo per ottenere questa qualificazione che meritano per i miglioramenti espressi e anche per come hanno giocato questa ultima gara non  facile e carica di tensione. Certo avremmo potuto anche vincere visto che per 25’ abbiamo giocato molto bene la nostra pallacanestro poi però Brescia ha alzato l’intensità e noi abbiamo forse subito un pò troppo concedendo ben 4 triple evitabili. Positiva però la reazione nel finale che ci ha rimesso in partita e permesso di controllare il finale. Bene così il primo obiettivo stagionale è stato raggiunto lottando e soffrendo ma di squadra proprio come piace a noi. Ora torniamo subito in palestra per continuare a lavorare e prepararci al meglio per la sfida con Muggia. Un’altra finale secca con un grande posta in palio che faremo di tutto per conquistare. Questo gruppo ha le possibilità di farlo perché ha mille risorse, ampi margini di miglioramento ma soprattutto un cuore grande così.. io, anzi tutti noi ci crediamo!”

Il tabellino di Brixia Brescia-San Gabriele Miano 55-50 (11-15, 18-27, 40-37).

Sanga: Veronesi ne, Celle ne, Valli 10, Taverna 2, Matteucci 9, Marcandalli 2, Serpellini 8, Camponovo 1, Carozzi 10, Amato, Traccanella ne, Cirelli 8, All. Piccinelli. Assistenti: Pinotti, Villa.

San Gabriele Milano Serie A2 F: il Ponte Casa d’Aste battuto ancora in rimonta da Castelnuovo, addio quarto posto e nei playoff sfiderà Crema

Il Ponte Casa d’Aste dice addio all’obiettivo quarto posto e già ora sa che sfiderà da quinta la Tec Mar Crema nei quarti di finale dei playoff. Questo il verdetto del penultimo turno di stagione regolare che ha visto il team milanese perdere sabato a Tortona battuto da una determinatissima Eco Program Castelnuovo brava a cambiare l’inerzia del match nella seconda parte di gara.

Già perché ancora una volta le tigri neroarancioni dopo avere comandato per oltre due quarti si sono fatte rimontare dopo l’intervallo per venire beffate nel finale così come già capitato con Crema, Albino e recentemente ad Orvieto. Un male oscuro cronico che Maffenini e compagne proprio non riescono a curare ma che dovranno farlo in vista dei playoff che come detto le vedranno affrontare senza il fattore campo a favore già nei quarti di finale il derby con Crema da domenica 23 aprile (gara 2 al PalaIseo giovedì 27, eventuale bella domenica 30 ancora  a Crema).

Per quanto la rigurda la partita di sabato a Tortona non è bastata una super Giulia Maffenini

autrice di 29 punti con 12 rimbalzi e 29 di valutazione per portare a casa il referto rosa. Sanguinosi i 20 palloni persi, il 2/16 da tre punti ma soprattutto il blackout nella seconda parte di gara quando Castelnuovo ha cambiato marcia e alzato l’intensità trascinato da Salvini, Rosso e  l’inossidabile tandem Bergante-Gabba. Milano ha dominato a rimbalzo (50-30 con Liga Vente che ne catturati ben 16) ma ha avuto troppo poco da molte sue giocatrici tra le quali Guarneri stoppata da un altro infortunio.

Ora urge archiviare in fretta questo scivolone visto che mercoledì è in programma l’ultima partita regolare in casa contro Empoli (ore 20.30) come ammette coach Franz Pinotti apparso molto deluso a fine gara

: “Perché Castelnuovo è rientrata in campo nel secondo tempo con una voglia di vincere superiore alla nostra che le ha permesso alla fine… di vincere giocando una gran partita. Complimenti a loro per la bella vittoria. Noi invece giustamente torniamo in palestra perché abbiamo da lavorare per toglierci alcune brutte abitudini…in vista dei prossimi impegni e dei playoff”.

Il tabellino di EcoProgram Castelnuovo Scrivia – Il Ponte Casa D’Aste Milano 61 – 52 (16-18, 30-35, 44-41)
ECOPROGRAM CASTELNUOVO: Rosso 12, Bergante 6, D’Amico 8, Gabba 14, Porro NE, Algeri NE, Vitari 2, Gavio NE, Giangrasso NE, Salvini 14, Gross 5.  All. Pozzi.
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati 4, Pozzecco 2, Rossini NE, Guarneri 2, Martelliano 2, Perini NE, Canova 8, Maffenini 29, Giulietti NE, Vente 5, Trianti NE, Galiano. All. Pinotti.

A2 Femminile – Girone A risultati del 25° turno: Mercede Alghero-Tec-Mar Crema 61-83, Cus Cagliari-Geas Sesto San Giovanni 43-60,
Scotti Use Rosa Empoli-Surgical Virtus Cagliari 78-58,
B&P Autoricambi Costa Masnaga-S.Salvatore Selargius 66-64,
Fassi Albino-Alperia Itas Bolzano 64-59, Ceprini Costruzioni Orvieto-Castel Carugate 76-57.

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 44; Scotti Use Rosa Empoli 42; Ceprini Costruzioni Orvieto 38; Tec-Mar Crema 36; Il Ponte Casa D’Aste Milano 34; B&P Autoricambi Costa Masnaga 32; EcoProgram Castelnuovo S. 30; Fassi Albino 24; Surgical Virtus Cagliari 18; S.Salvatore Selargius 16; Castel Carugate 14; Alperia Itas Bolzano, C.U.S. Cagliari 10; Mercede Alghero 2.

San Gabriele Milano Serie A2 F: il Ponte Casa d’Aste obiettivo quarto posto; sabato sfida l’Eco Program Castelnuovo per poi chiudere mercoledì con Empoli

Il Ponte Casa d’Aste Milano si appresta a lanciare il suo rush finale di questa stagione regolare in serie A2 che le riserva un doppio turno ravvicinato per definire la sua posizione nella griglia playoff. In casa neroarancio l’obiettivo dichiarato ma non facile è quello di raggiungere il quarto posto ma di fatto potrebbe non bastare vincere le ultime due gare, quella in programma sabato 8 a Tortona contro l’Eco Program Castelnuovo Scrivia e poi mercoledì sera (ore 20.30) in casa contro Empoli. Già perché Milano dovrà vincere e sperare in un passo falso di Crema con cui ha gli scontri diretti sfavorevoli. Senza fare troppi calcoli però le tigrotte si sono concentrate e preparate in settimana per giocare al meglio la sfida di sabato (ore 18) sul campo dell’Eco Program anch’essa sicura di fare i playoff e protagonista di una buona stagione. Il team di coach Fabio Pozzi pur essendo reduce dalla sconfitta sul campo del Cus Cagliari ha tante frecce al suo arco a cominciare dall’esperto tandem Gabba-Bergante vero motore del team biancorosso ben supportato sul perimetro dalla giovane Rosso e dall’ex di turno Clara D’Amico

. In non perfette condizioni sono date Algeri e Porro mentre sotto le plance assicura qualità e fisicità il pacchetto di lunghe formato da Salvini, Vitari e dalla finlandese di scuola americana Krista Gross. Non si annuncia quindi un sabato facile per le tigrotte di Franz Pinotti che all’andata s’imposero all’Iseo per 57-45 al termine di una gara non facile e a lungo in bilico.

Milano però arriva dalla buona prestazione corale contro Alghero che ha ridato morale ed entusiasmo dopo il ko di Orvieto. “Per noi – dice Pinotti – era importante ripartire dopo lo stop amaro di Orvieto con una bella vittoria e così è stato visto che ci ha dato tanti segnali positivi. Ora ci attendono le ultime due gare di regular season molto toste visto che tra le prime della classe siamo quelli che abbiamo il calendario più difficile. Pensiamo però ad una partita alla volta quindi siamo concentrati su Castelnuovo mai facile da affrontare e poi penseremo alla sfida di mercoledì in casa con Empoli. Per il 4° posto è dura ma ci speriamo ancora. Comunque sia ai playoff vogliamo ben figurare per provare ad andare oltre i nostri limiti.. sempre con  la nostra Feroce Determinazione”.

Completano il 25° turno stagionale: sabato 8 Alghero-Crema, Cus Cagliari-Geas, Empoli-Virtus Cagliari, Costa Masnaga-Selargius, Albino-Bolzano; domenica 9 Orvieto-Carugate.

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 42; Scotti Use Rosa Empoli 40; Ceprini Costruzioni Orvieto 36; Tec-Mar Crema, Il Ponte Casa D’Aste Milano 34; B&P Autoricambi Costa Masnaga 30; EcoProgram Castelnuovo Scrivia 28; Fassi Albino 22; Surgical Virtus Cagliari 18; S.Salvatore Selargius 16; Castel Carugate 14; Alperia Itas Bolzano, Cus Cagliari 10; Mercede Alghero 2

San Gabriele Milano serie A2 F: un Ponte Casa d’Aste da record travolge Alghero e si assicura almeno il quinto posto playoff

Un Ponte Casa d’Aste Milano da record torna alla vittoria, travolge il fanalino di coda Alghero e si assicura almeno il quinto posto nella griglia playoff quando mancano solo due giornate alla fine della regular season del campionato di serie A2. Vittoria doveva essere e vittoria è stata quella messa a segno dalle tigrotte milanesi che sabato nell’anticipo del 24° turno hanno demolito la Mercede trascinate da una super Giulia Maffenini

autrice di 31 punti e 39 di valutazione ma anche una buona prova di squadra sopratutto delle più giovani. Dopo un avvio macchinoso le milanesi hanno ingranato la marcia giusta e già all’intervallo hanno chiuso la pratica per poi dare spazio a un’ampia rotazione che ha visto protagoniste le under20 fresche di qualificazione alle finali nazionali come ha sottolineato a fine gara un soddisfatto coach Franz Pinotti. “Sono contento perché questa vittoria ci voleva dopo una settimana un pò triste all’indomani della sconfitta subita ad Orvieto. Sembrava che avessimo perso il mondo ed è stato difficile far scendere la scimmia dalle spalle delle nostre ragazze. Ecco perchè l’inizio del match con Alghero è stato un pò contratto poi però già a metà del secondo quarto quando ci siamo sciolte la partita è stata in discesa e abbiamo giocato più tranquille. Molto bene anche le giovani under20 che sono gasatissime per la qualificazione alle finali tricolori che non vedeono l’ora di giocare ma intanto hanno dimostrato di poter stare in campo anche in serie A offrendo un bel basket. La vittoria con Alghero ci ha regalato anche una serie di record personali: Giulia Maffenini 31 punti con 39 di valutazione, doppia doppia e 7 recuperi. Paola Novati 11 punti in 17 minuti con 4/4 da due e 14 di valutazione. Alice Taverna

esordisce col botto e 6 punti. Laura Galiano nello starting five firma una prova di grande autorità. Nel giorno in cui hanno riposato forzatamente Bottari, Martelliano e Guarneri, abbiamo registrato il record di valutazione 110 (con lode). E sono sicuro che abbiamo grandi margini di crescita”. Intanto il Sanga è già certo almeno del quinto posto ma nelle ultime due gare punterà magari ad agguantare il terzo. “Sarà molto difficile a meno di clamorosi passi falsi di Orvieto. Noi dobbiamo fare la corsa su Crema per giocarci il quarto o quinto posto e quindi il fattore campo nei playoff anche se diciamo la verità giocare in casa o fuori nella post season non è determinante: bisogna vincere sempre e su ogni campo. Intanto noi ci concentriamo sulle ultime due gare: sabato prossimo a Castelnuovo Scrivia e poi mercoledì 12 in casa con Empoli. Abbiamo il calendario più difficile tra le prime della classe ma noi pensiamo positivo e una partita per volta. Andiamo quindi a Castelnuovo per fare bene e provare a vincere, poi vediamo cosa ci riserverà il futuro”.

Il tabellino de Il Ponte Casa D’Aste Milano-Mercede Alghero 78 – 41 (14-6, 37-18, 60-26)
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati 11, Pozzecco 4, Rossini 1, Guarneri NE, Perini 5, Canova 2, Maffenini 31, Giulietti 3, Taverna 6, Vente 7, Trianti 4, Galiano 4. All. Pinotti.
MERCEDE ALGHERO: Zinchiri, Georgieva 12, Lubrano, Azzellini 13 , Petrova 4, Milia , Sow, Solinas 4, Manconi 2, Flauret 6. All. Monticelli.
ARBITRI:Sara Canali, Riccardo Falcetto,

Gli altri risulatti del 11° turno Girone A:

S.Salvatore Selargius-Ceprini Costruzioni Orvieto 82-85 1ts, Surgical Virtus Cagliari-Fassi Albino 52-68, Cus Cagliari-EcoProgram Castelnuovo S. 61-50, Geas Sesto San Giovanni-B&P Autoricambi Costa Masnaga 71-57, Alperia Itas Bolzano-Castel Carugate 65-68, Tec-Mar Crema-Scotti Use Rosa Empoli 59-40

CLASSIFICA:
Geas Sesto San Giovanni 42; Scotti Use Rosa Empoli 40; Ceprini Costruzioni Orvieto 36; Tec-Mar Crema, Il Ponte Casa D’Aste Milano 34; B&P Autoricambi Costa Masnaga 30; EcoProgram Castelnuovo Scrivia 28; Fassi Albino 22; Surgical Virtus Cagliari 18; S.Salvatore Selargius 16; Castel Carugate 14; Alperia Itas Bolzano, Cus Cagliari 10; Mercede Alghero 2

 

San Gabriele Milano serie A2F: Ponte Casa d’Aste bello a metà, prima domina poi viene beffato nel finale a Orvieto che vince la sfida per il terzo posto

Il Ponte Casa d’Aste torna dall’incantevole Orvieto

con le pive nel sacco e una sconfitta amara che rischia di compromettere la corsa al terzo posto. Domenica infatti il team milanese ha giocato una bella partita ma… a metà dominando nella prima parte, poi complicandosi la vita dopo l’intervallo e alla fine perdendo la sfida negli ultimi minuti. Merito ovviamente anche della Ceprini Costruzioni Orvieto che anche sotto di 16 punti ci ha sempre creduto e alla fine trascinata da un ottima Brunelli è riuscita a cambiare l’inerzia del match. In casa del Sanga ci si lecca le ferite per un’altra occasione persa: la partita infatti era iniziata nel modo migliore con le tigrotte subito in grande spolvero in attacco, attente in difesa e in controllo fino all’intervallo trascinate dall’ispirata capitana Giulia Maffenini

e una stratosferica Stefania Guarneri (doppia doppia già all’intervallo con 12 punti e 10 rimbalzi).

Poi però la musica è cambiata nella seconda parte di gara quando Orvieto ha alzato la pressione e ha deciso di difendere a zona contro cui ha sbattuto più volte Milano tirando male da fuori e perdendo anche troppi palloni sanguinosi che hanno innescato le ripartenze delle avversarie che ad inizio quarto quarto hanno impattato. Si è arrivati così negli ultimi minuti punto a punto quando a decidere sono state le iniziative di Brunelli e i liberi della tarantolata Bonasia. In casa milanese invece si mastica amaro per un’altra sconfitta (come a Crema e ad Albino) subita in rimonta dopo 30’ dominati ma anche per un metro arbitrale non parso sempre lineare come ha ammesso un deluso coach Franz Pinotti a caldo nel dopo gara:  “Devo fare una riflessione amara ma necessaria. Avevamo iniziato benissimo purtroppo gli arbitri sono stati stucchevolmente punitivi oltre misura. Hanno dato loro 38 tiri liberi di cui segnati 31, mentre solo 16 a noi. A noi fischiati 28 falli. A loro 15. Alla minima richiesta cortese di spiegazione, noi trattati villanamente a muso duro, senza motivo. Davvero difficile giocare in un ambiente ostile dove il loro pubblico contava ad alta voce che mancavano 5-4-3-2-1 secondi alla fine di ogni nostra azione d’attacco, quando invece ne mancavano 10-12 Hanno creato un clima di confusione in cui ha vinto chi è rimasto più lucido. Esperienza…” Ora il Ponte Casa d’Aste tornerà in campo sabato 1 aprile in anticipo alle ore 16 in casa contro Alghero per riprendere il cammino e la via maestra..

Il tabellino di Ceprini Costruzioni Orvieto – Il Ponte Casa D’Aste Milano 68 – 61 (10-14, 22-35, 41-44)
CEPRINI COSTRUZIONI ORVIETO: Grilli, Falanga 3, Mazionyte 15, Bonasia 12, Colantoni ne, Manzotti 8, Manfrè 14, Brunelli. 16 , Presta, Monaco ne, All. Romano.
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati, Pozzecco 6, Rossini, Guarneri  15, Martelliano 7, Perini ne, Canova 7, Maffenini 20, Giulietti ne, Taverna ne, Vente 6, Trianti. All. Pinotti.
ARBITRI: Stefano Barilani, Mauro Davide Barbieri,
NOTE:  Ceprini Costruzioni Orvieto tiri liberi 31/38, Il Ponte Casa D’Aste Milano tiri liberi 10/16.

Tutti i risultati de 23° turno Girone A: EcoProgram Castelnuovo S.-S.Salvatore Selargius 49-43, Mercede Alghero-Surgical Virtus Cagliari 66-72, Castel Carugate-Fassi Albino 42-69, B&P Autoricambi Costa Masnaga-Alperia Itas Bolzano 96-42, Tec-Mar Crema-C.U.S. Cagliari 55-41, Scotti Use Rosa Empoli-Geas Sesto San Giovanni 63-61,  Ceprini Costruzioni Orvieto-Il Ponte Casa D’Aste Milano 68-61.

CLASSIFICA: Geas Sesto, Scotti Use Rosa Empoli 40; Ceprini Costruzioni Orvieto 34; Tec-Mar Crema, Il Ponte Casa D’Aste Milano 32; B&P Autoricambi Costa Masnaga 30; EcoProgram Castelnuovo S. 28; Fassi Albino 20; Surgical Virtus Cagliari 18; S.Salvatore Selargius 16; Castel Carugate 12; Alperia Itas Bolzano 10; C.U.S. Cagliari 8; Mercede Alghero 2