SANGA ESCE ALLA DISTANZA E PASSA A SAN MARTINO 65-48

Il Sanga Ponte Casa d’Aste prima soffre e poi con esperienza e autorità passa a San Martino di Lupari, chiudendo il girone d’andata nel migliore dei modi e continuando la sua marcia positiva con vista play-off.

CRONACA

Si lotta subito punto a punto e il primo quarto scorre via veloce. San Martino prova l’allungo con Keys subito in palla che realizza 6 punti in pochi minuti (8-5) ma il Sanga ribatte colpo su colpo e con Pozzecco mette a segno la prima bomba della gara per il pari 8-8. Le padrone di casa vanno di nuovo avanti con una indiavolata Keys che risponde da 3 per il 13-10 al minuto ottavo, Martelliano ricuce lo strappo e dopo alcuni errori da tutte e due le parti si chiude la prima frazione 13-12. Ancora Martelliano apre subito le danze nel secondo periodo per il primo vantaggio Sanga ma Baldi risponde con una tripla riportando avanti le padovane 16-14. Maffenini fatica ad entrare in partita, mentre Keys imperversa anche dalla lunetta e dopo 2 minuti San Martino vola a + 4 (18-14) e poi anche a + 6. Le orange sono imprecise ma lottano e rimangono in carreggiata e sono premiate da Canova che a metà periodo impatta sul 20-20. Keys è immarcabile e costringe presto le milanesi a raggiungere il bonus falli. Novati, Pozzecco e Picotti falliscono tre bombe, Fanola più lucida scappa di nuovo e grazie ad un parziale di 8-1 va al riposo avanti 30-23. Per Milano solo 32% da 2 e 25% da 3. Si riparte e complice un antisportivo fischiato a Novati le venete si ritrovano a + 11 in poco tempo 34-23, coach Pinotti cambia le carte e fa entrare Martelliano e Canova che guidano la riscossa e con due bombe, una a testa, e due liberi (Canova) fanno tornare in linea di galleggiamento il punteggio 34-31. La difesa milanese sembra più compatta e l’attacco delle padrone di casa ne risente con Beraldo e Profaiser che ora sbagliano spesso, mentre Martelliano e Canova continuano a bucare la rete e a mettere fieno in cascina, 39-35 a 3’25 dalla terza sirena. Crocetta pesca il jolly da 3, Rossi accetta la sfida e risponde dalla distanza con il punteggio sempre in bilico. Keys non sbaglia i suoi liberi e si chiude 44-40 per San Martino. Le orange ripartono bene con un 6-0 e caricano di falli le avversarie. Maffenini comincia a carburare e piazza 4 punti per il + 4 ospite 48-44 a metà tempo. Boaretto ci prova da lontano, sbaglia e Rossi dalla lunetta e ancora capitan Maffenini fanno più 8 e 12-0 di parziale. Al sesto minuto Crocetta segna da 3 i primi punti di questo quarto per la propria squadra con Rossi freddissima che ribatte dalla lunetta. Il cronometro scorre e la palle nelle mani scotta sempre di più. Ora Milano è più determinata, attenta e precisa, sente il traguardo vicino, blocca Keys e con molta freddezza dalla linea carità con Canova e Maffenini che non sbagliano più vola a + 15 (48-63). Le avversarie accusano il colpo e coach Pinotti e le sue ragazze con un parziale di 25-4 nell’ultima frazione possono festeggiare la vittoria 65-48, la sesta nelle ultime sette gare.

Dichiarazioni Coach Pinotti fine gara: “Oggi ha vinto il gruppo e lo spogliatoio, all’inizio non funzionava nulla, Keys era immarcabile e si perdevano palloni sciocchi, la squadra era svagata, non attaccavamo mai. Loro hanno fatto una bella partita, sono arrivate anche a più 11. A metà gara abbiamo rivisto i nostri piani, abbiamo iniziato a giocare bene uno contro uno e quando abbiamo cominciato a giocare con semplicità attaccando bene il canestro abbiamo preso in mano il pallino del gioco. Abbiamo cambiato mentalità e portato a casa il match. Brave tutte le ragazze, con Rossi e Pozzecco, i due play che hanno messi buoni punti, e grande apporto da Canova e Martelliano con 26 e 18 di valutazione”.

TABELLINO

Fanola San Martino – Il Ponte Casa d’Aste Milano 48 – 65 (13-12, 30-23, 44-40, 48-65)
FANOLA SAN MARTINO: Beraldo* 2 (0/5 da 2), Busnardo, Amabiglia, Scappin, Boaretto* 3 (1/2, 0/4), Brutto, Crocetta 9 (0/1, 3/5), Milani* 4 (2/5 da 2), Profaiser 1 (0/3 da 2), Keys* 25 (5/10, 1/2), Meroi, Baldi* 4 (0/5, 1/1). 
Allenatore: Valentini E.

Tiri da 2: 8/39 – Tiri da 3: 5/13 – Tiri Liberi: 17/21 – Rimbalzi: 35 8+27 (Keys 11) – Assist: 11 (Beraldo 4) – Palle Recuperate: 9 (Keys 3) – Palle Perse: 25 (Milani 5)


IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati*, Pozzecco* 9 (3/6, 1/2), Rossi 10 (1/11, 1/1), Martelliano 14 (5/6, 1/2), Perini NE, Canova* 13 (3/7, 0/1), Maffenini* 13 (4/16, 0/1), Grassia 2 (1/1 da 2), Calciano NE, Giulietti NE, Picotti* 4 (0/7, 0/1), Trianti. Allenatore: Pinotti U.

Tiri da 2: 17/54 – Tiri da 3: 3/9 – Tiri Liberi: 22/27 – Rimbalzi: 48 15+33 (Maffenini 12) – Assist: 8 (Novati 2) – Palle Recuperate: 16 (Martelliano 5) – Palle Perse: 17 (Martelliano 4) – Cinque Falli: Novati

Arbitri: Crudele N., Suriano F.

UN SANGA PAZZESCO DOMINA E MATA VILLAFRANCA 61-55

Un Sanga da urlo si regala una Befana da sogno battendo 61-55 l’Alpo Villafranca e iniziando nel migliore dei modi il 2018. Una prestazione davvero convincente per le Orange che soffrono solamente negli ultimi 5’ minuti quando le veronesi provano il tutto per tutto e con un parziale di 15-0 rientrano fino al -3 dopo aver navigato sempre fra il -14 e il -18. Fra le milanesi ottima prova corale con una super difesa che ha mandato spesso in confusione le avversarie costringendole a tiri poco puliti. E c’è anche tempo e voglia per festeggiare il Maxibasket Milano Over 55 che nell’intervallo delizia il numeroso pubblico sfidando la Nazionale Maxibasket Over 60.

Fin dall’avvio si capisce che può essere la giornata perfetta con Maffenini, Canova e Pozzecco che, supportate da una difesa impenetrabile, in un attimo portano le compagne sul 10-0. La palla gira bene e veloce mentre dietro non passa uno spillo e i primi punti veneti arrivano dopo 3 minuti abbondanti. Pozzecco in regia chiama in causa tutte le compagne che rispondono presente e bucano spesso la retina. A metà quarto le Orange sono 16-10 e guidano con autorità, le venete provano a riemergere con le giocate di Zampieri e Vespignani ma una tripla di Martelliano a 30” dalla prima sirena le ricaccia indietro, 22-16 per la prima pausa. Milano tira con il 7/8 da due e con Canova sugli scudi conduce con merito anche perché dietro tutte fanno un gran lavoro, specialmente Trianti che stoppa per 2 volte Dall’Olio e poi si regala una bomba dalla distanza, imitata da Rossi e Martelliano ancora per un più 13 dopo un paio di minuti. Villafranca ricorre alla zona ma davanti non riesce mai a sfondare complice anche una coriacea Picotti che chiude ogni varco. Si chiude la seconda frazione con un siluro da 7 mt di Maffeninj per il 40-26. Dopo l’esibizione da applausi nell’intervallo degli Over che trattano la palla come dei globetrotter si riparte con Milano che continua a spingere e l’Alpo che prova a districare il bandolo di una matassa sempre più ingarbugliata. Dopo 4 minuti il tabellone dice Milano più 12, ma poco dopo un tecnico a Soave coach ospite, un antisportivo e un assist al bacio di Pozzecco per Picotti fanno volare le milanesi a più 18 prima di chiudere 52-36. Nell’ultimo quarto il Ponte Casa d’Aste rallenta il ritmo ma imperversa ancora da 3 con Novati, sempre molto precisa e in forma. Dopo 4 minuti Villafranca decide che o la va o la spacca e con Vespignani e Zampieri mette un parziale di 15-0 che fa tremare il folto pubblico del Pala Giordani. Il Sanga fatica, le venete arrivano anche a -3, ma non si pezza, Picotti freddissima fa più 5 a 1’15 dalla fine, Zampieri invece sbaglia 2 volte dalla linea della carità e cosi, quando Pozzecco si prende un antisportivo che costa il secondo tecnico a Soave, il pubblico e i tanti bambini sugli spalti possono esultare per un meritato 61-55 finale e per un’altra illustre vittima domata dopo Costa Masnaga.

DICHIARAZIONI POST GARA:

Coach Pinotti: “Una vittoria strameritata in una giornata speciale dove abbiamo ammirato le magie del Maxibasket Milano e della Nazionale Over 60. Le ragazze sono state bravissime e dimostrato che a pieno organico siamo davvero fra le squadre migliori del campionato. Voglio arrivare il più in alto possibile e con questo atteggiamento e questa fiducia possiamo farlo. In una partita cosi faccio fatica a trovare le migliori, da Maffenini a Picotti fino a Canova, Novati e Guarneri che ha avuto meno minuti del solito, tutte hanno rispettato il piano partita. Brava anche Giulietti che è entrata senza paura e si è fatta valere. Ora testa a San Martino”.

Tabellino:

Il Ponte Casa d’Aste Milano – Alpo Bk Villafranca 61 – 55 (22-16, 40-26, 52-36, 61-55)


IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Novati* 6 (1/2, 1/6), Pozzecco* 8 (1/5, 0/3), Guarneri 7 (3/6 da 2), Rossi 5 (1/1, 1/1), Martelliano 7 (2/5 da 3), Perini NE, Canova* 10 (4/6, 0/2), Maffenini* 11 (3/5, 1/2), Grassia, Giulietti, Picotti* 4 (2/3, 0/1), Trianti 3 (1/2 da 3)

Allenatore: Pinotti U.

Tiri da 2: 15/28 – Tiri da 3: 6/23 – Tiri Liberi: 13/20 – Rimbalzi: 32 4+28 (Maffenini 7) – Assist: 18 (Pozzecco 4) – Palle Recuperate: 8 (Novati 2) – Palle Perse: 15 (Martelliano 4)

ALPO BK VILLAFRANCA: Vespignani* 4 (1/4 da 2), Toffali 6 (3/5 da 2), Dell’Olio* 6 (3/10 da 2), Viviani NE, Zanella, Scarsi 4 (2/3 da 2), Pusceddu NE, Zanardelli NE, Zampieri* 24 (3/9, 2/5), Ramò* 3 (0/4, 1/3),Mancinelli* 8 (3/7 da 2), De Marchi NE

Allenatore: Soave N.

Tiri da 2: 15/44 – Tiri da 3: 3/8 – Tiri Liberi: 16/20 – Rimbalzi: 35 6+29 (Vespignani 7) – Assist: 14 (Vespignani 7) – Palle Recuperate: 5 (Vespignani 2) – Palle Perse: 18 (Dell’Olio 7) – Cinque Falli: Vespignani

Arbitri: Mura E., Canali S.

San Gabriele Milano serie A2 F: Il Ponte Casa d’Aste vince e convince contro il Cus Cagliari

sanga-cus-cagliari-buon-anche-la-secondaE’ stato un weekend memorabile e indimenticabile per il San Gabriele Milano che ha centrato un poker di successi con le sue formazioni femminili di A2, C, Under18 e Under16 Elite. Ad aprire le danze sabato pomeriggio ci hanno pensato proprio le senior del Ponte Casa d’Aste che hanno conquistato il loro secondo referto rosa nel campionato di serie A2 battendo a domicilio il Cus Cagliari per 67-46.

 

 

Una gara che le neroarancio hanno avuto in pugno fin dall’inizio grazie soprattutto al buon avvio della giovane Paola Novati sanga-paola-novati-testinae di capitan Giulia Maffeninisanga-maffenini-testina anche se non sono riuscite nella prima parte a chiuderla definitivamente. Complici qualche errore di troppo (ben 21 palle perse contro le 15 recuperate) e un Cus mai domo grazie alle iniziative del play Alesiani e della lunga Lituana Bungaitè, il vantaggio delle milanesi di coach Franz Pinotti è oscillato sempre sulla decina di punti di vantaggio nonostante anche fiammate di bel gioco. La zampata vincente le Sanga girls l’hanno però piazzata nell’ultima frazione quando, trascinate dal trio Maffenini-Vente-Canova sanga-sara-canova, sono riuscite a piazzare l’allungo decisivo che ha regalato il secondo referto rosa e il primo posto in classifica. In evidenza ancora la seconda doppia doppia consecutiva della lunga lettone Liga Vente img_6582autrice di 14 punti impreziositi da ben 17 rimbalzi. “Sono soddisfatto – dice coach Pinottisanga-franz-pinotti-testina -perché il Sanga vince e convince confermando la bella gara d’esordio contro Costa. Sinceramente come avevo detto alla vigilia temevo la sfida con il Cus perché proprio la vittoria inaugurale poteva portare deconcentrazione nel gruppo. Invece le risposte sono state positive anche se non abbiamo brillato per tutti i 40’: ho visto tante buone cose dalle seniores ma anche dalle nostre giovani tutte in campo contro un avversario di valore come Cagliari che ha un quintetto di ottimi elementi. Bene così ora torniamo in palestra per preparare la delicata trasferta in Sardegna di sabato contro la nostra pariclassifica Selargius, un’altra ottima squadra”.
Il tabellino di Ponte Casa d’Aste Milano-Cus Cagliari 67-46 (20-13, 37-24, 48.38)
Ponte Casa d’Aste: Bottari, Novati 7, Pozzecco 2, Rossini, Guarneri, Martelliano, Canova 17, Maffenini 22, Valli 2, Vente 14, Trianti 2, Galiano 0. All. Pinotti.
Cus Cagliari: Alesiani 15, Dettori 6, Niola 4, Bertucci, Riccardi 7, Bungaitè 10, Canalis 4, Aielli ne, Vanin ne, Vasapollo ne. All. Ibba.
Gli altri risultati del 2° turno: Virtus Cagliari-Bolzano 61-54, Alghero-Albino 39-63, Carugate-Selargius 75-80, Crema-Geas 51-57, Orvieto-Empoli 66-65, mercoledì 19 il recupero Castelnuovo-Costa.
sanga-costa-tifosi
Classifica: IL PONTE CASA D’ASTE MILANO, Selargius, Geas Sesto, Orvieto 4; Crema, Empoli, Albino, Cus Cagliari, Virtus Cagliari 2; Costa Masnaga*, Casteluovo Scrivia *, Carugate, Bolzano, Alghero 0. (* una gara in meno)
Così il prossimo turno, 3° d’andata: sabato 22 ottobre: Selargius-Milano, Geas-Virtus Cagliari, Bolzano-Castelnuovo, Empoli-Alghero, Costa-Orvieto; domenica 23 Crema-Carugate, Cus Cagliari-Albino.

San Gabriele Milano serie A2: subito colpo corsaro per le tigri orange che domano le pantere di Costa Masnaga

sanga-costa-buona-la-primaCoach Franz Pinotti lo aveva detto alla vigilia: “Sento che faremo una grande partita”. E il “guru” neroarancio è stato buon profeta perchè il suo Ponte Casa d’Aste ha iniziato con il botto il campionato di serie A2 2016/17 andando sabato scorso a sbancare il fortino della B&P Costa Masnaga la grande favorita del girone A. Una partita giocata già in clima playoff tra due ottime squadre che si conoscono bene e che si sono affrontate a viso aperto, lealmente ma senza esclusioni di colpi. Ne è nato quindi un derby dai toni agonistici elevati caratterizzato fin dall’inizio da ritmi alti, belle giocate ma anche tanti errori da entrambe le parti come spesso accade alle gare d’esordio anche complice l’emozione d’inizio campionato. Grande protagonista dalla partita la capitana del Ponte Casa d’Aste Giulia Maffenini
sanga-costa-maffeche anonima nella prima parte si è accesa dopo l’intervallo per poi esplodere nel finale di gara risultando la match winner con 23 punti e almeno due triple da fantascienza.
sanga-costa-innoE pensare che pronti via eranostate le padroni di casa a prendere in mano la gara e allungare con le triple di Visconti e Maiorano tanto da chiudere alla prima sirena avanti meritatamente sul 19-11. Partita già incanalata sui binari locali? Niente di più falso perché la seconda frazione ha avuto un altro padrone: i secondi 10’ infatti sono stati dominati dal Ponte Casa d’Aste bravo a chiudere la difesa lasciando solo 1 punto alle locali. Così mentre le lecchesi litigavano con il ferro ecco che piano piano, punto su punto, le milanesi guidate da Pozzecco
sanga-costa-poz hanno cominciato a carburare e ricucire lo strappo tanto da acciuffare la parità al riposo lungo. Partita totalmente riaperta e così è stato al rientro in campo dopo l’intervallo. Gara intensa ed equilibrata con Milano però che con la bomba Maffenini ormai innescata
sanga-costa-maffe-2 è riuscita a mettere la freccia chiudendo avanti al 30’ con il minimo vantaggio 39-40. Tutti da seguire gli ultimi 10’ palpitanti con la due squadre a battagliare a viso aperto: da una parte le pantere lecchesi con Rulli e Sanchez a suonare la carica, dall’altra le tigri milanesi con capitana Maffenini “on fire” ben spalleggiata da Liga Vente (doppia doppia per lei d’applausi) sanga-costa-ligae Stefania Guarneri sotto le plance.
sanga-costa-quintetto

 

 

Si è arrivati così al gran finale sul 52-52 a meno di due minuti dal termine. Un finale rovente che ha avuto una dominatrice assoluta: Giulia “superMaffe” Maffenini ormai in trance agonistica letteralmente immarcabile sanga-costa-maffe-3, capace di spaccare l’equilibrio e a trascinare il Ponte Casa d’Aste all’allungo decisivo. Poi coronato dai liberi di Fede Pozzecco per il 54-60 finale che ha regalato il primo referto rosa pesantissimo alle tigrotte di un raggiante Franz Pinotti: sanga-costa-coach-franz

“E’ stata una vittoria capolavoro contro la favorita del campionato. Al di là degli aspetti tecnici, due i principali motivi del nostro successo: un’ostinata e feroce determinazione nel perseguire l’obiettivo ma anche una spiccata capacità e attitudine alla resilienza cioè quella qualità che ti permette di superare i momenti di difficoltà, imparando anche dai propri errori. Aggiungo che con questa vittoria, che spero essere la prima di una lunga serie, non abbiamo ancora vinto niente se non, la consapevolezza che siamo un gruppo squadra formidabile”.
sanga-costa-timeoutUn gruppo che avuto una trascinatrice d’eccezione quale la capitana Giulia Maffenini: “Una grande squadra, come un’orchestra, ha bisogno di un gran primo violino. Senza la squadra, gli orchestrali, e soprattutto il direttore e i suoi collaboratori, un violino da solo non può suonare al meglio e non vince. Sabato sera ognuno ha portato il proprio tassello, come in un mosaico pregiato e d’artista, un inserimento marmoreo e di pregio non avrebbe lo stesso senso in un contesto diverso. Due giocatrici in doppia doppia, dieci giocatrici a referto. Un dominio psicologico e mentale, prima che técnico, è cosa rara in Italia a tutti i livelli. Insomma è stato un grande SANGA!!!”
Il tabellino di B&P Autoricambi Costa Masnaga – Il Ponte Casa D’Aste Milano 54 – 60 (19-11, 20-20, 39-40)
B&P COSTA MASNAGA: Longoni 1, Meroni, Rulli 16, Del Pero 3, Baldelli 5, Mistò, Visconti 8, Frigerio NE, Sanchez 5, Tibè 2, Maiorano 14, All. Pirola. TL 8/13.
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Bottari, Novati, Pozzecco 12, Rossini 2 , Guarneri 2, Martelliano 3, Perini, Canova 4, Maffenini 23, Valli NE, Vente 14, Galiano NE. All. Pinotti. Tl 15/26.
ARBITRI: Federico Berger, Stefano De Bernardi,
sanga-costa-salutisanga-costa-fine-2

sanga-costa-fine
Il Ponte Casa d’Aste Milano tornerà in campo per il secondo turno di campionato sabato 15 ottobre quando debutterà tra le mura amiche del PalaIseo e davanti ai suoi tifosi contro il Cus Cagliari (ore 16) che ha vinto la gara d’esordio contro Alghero.
sanga-costa-tifosi

La prima settimana in Orange di Lavinia Da Silva

Si è conclusa la prima settimana da giocatrice del Sanga Milano per Lavinia Da Silva, alla quale abbiamo rivolto qualche breve domanda sul suo arrivo e sulla stagione che verrà.

Com’è stata la tua prima settimana qua a Milano?
È stato eccitante scoprire che sarei venuta a giocare in Italia. La prima settimana ho voluto rilassarmi, abituarmi all’idea di una nuova stagione e riprendere il ritmo della vita da giocatrice. Sono carica per questa nuova esperienza, nuova vita, nuova città, nuovi amici e nuova stagione!

Cosa ti aspetti da questa stagione?
Spero di riuscire, con le mie capacità e la mia esperienza, ad aiutare la squadra a fare meglio dello scorso anno, raggiungere una poszione più alta in classifica e giocare i playoff. Questo sarà possibile se lavoreremo insieme, noi giocatrici e lo staff, uniti verso l’obiettivo.

Come sei arrivata al Sanga?
È stato il mio agente Marco Florio a parlarmi di questa squadra. Mi sono informata, ho cercato su internet e la realtà mi è subito piaciuta, volevo essere essere parte della squadra, dell’ambiente.

Cosa conosci del basket italiano?
Non conosco molto del basket italiano. Ho giocato due volte contro la nazionale lo scorso anno. In quell’occasione ho notato un gioco dinamico, azioni rapide in attacco e giocatrici atletiche.

Convinto della scelta di portare Lavinia  in Italia anche lo Staff tecnico e in particolare Coach Pinotti: «Dopo la prima settimana di lavoro sono ancora più contento di aver portato Lavinia a Milano. È una vera atleta, ottima in difesa, intelligente e brava nelle letture offensive. Le compagne l’hanno subito accolta con entusiasmo. È la giocatrice che cercavamo. Ora sarà compito dello Staff Tecnico lavorare insieme, per trovare l’amalgama di una squadra completamente ricostruita. Lavoriamo sul gruppo squadra, perché è solo con la forza e il contributo di tutte che potremo raggiungere obiettivi importanti. Stiamo lavorando per l’oggi, ma anche per il futuro del Sanga. Le tante giovani di talento scelte per il nostro lungo roster, stanno lì a dimostrarlo

Nell’attesa di disputare le prime amichevoli, il maxi-gruppo formato dalle giocatrici di Serie A, B e U20 continuerà a lavorare a ritmi elevati per preparare al meglio la stagione agli ordini dei Coach Pinotti, Mazzetto e Piccinelli.

Primo acquisto per il Sanga: benvenuta a Martina Picotti

Primi colpi di mercato per il Sanga Milano che annuncia l’arrivo di Martina Picotti, ala del 1990 in arrivo dal Basket Team Crema, con cui lo scorso anno ha concluso la stagione con una media di 10 punti e 8 rimbalzi.

Abbiamo subito scambiato due parole con la neo-arrivata che è carica ed entusiasta per la nuova avventura in maglia Orange.

Ciao Martina e benvenuta nel Sanga Mondo! Conosci questa realtà, al di là della squadra di serie A?
M: Ne ho sentito parlare molto bene e da quello che so è una società molto attiva soprattutto sul territorio milanese. La squadra di A2 invece l’ho incontrata più volte da avversaria durante i miei anni a Crema.

Sei molto giovane ma probabilmente sarai una delle più “esperte”. Cosa significa per te questo nuovo ruolo?
M: Anche negli ultimi 2 anni a Crema io ed il Capitano Caccialanza eravamo le più “anziane” del gruppo. Spero di portare entusiasmo all’ambiente e soprattutto spero di poter dare una mano a far crescere le giovani di questa squadra.

Cosa ti aspetti da questa nuova esperienza? Quali sono i tuoi obiettivi?
M: Lasciare Crema per me non è stato affatto facile. Purtroppo ho dovuto fare una scelta di vita, il mio futuro lavorativo mi farà gravitare soprattutto sulla piazza di Milano. Da questa nuova esperienza mi aspetto molto, voglio mettermi in gioco e scoprire una realtà nuova. Vivo a Milano da 5 anni e non ho mai giocato vicino casa (prima Biella e poi Crema).

Rivolgiti ai numerosi tifosi del Sanga Milano, cosa vorresti dire?
M: E’ un tifo molto caldo, da avversaria li ricordo bene, spero vivamente che potranno essere un arma in più per noi durante le partite!

Soddisfatto della nuova pedina del suo roster Coach Pinotti: “Erano due anni che io e Massimo Bianchetto stavamo provando a portare Martina a Milano. Quest’anno si sono presentate delle condizioni favorevoli e non ci abbiamo pensato due volte. È per noi un grande acquisto. Sia sotto il profilo tecnico, una giocatrice versatile e dai molti numeri, che umano. E come tutti sanno al Sanga siamo molto attenti alla formazione del gruppo, perché solo un gran gruppo crea una grande squadra. Abbiamo appena cominciato il nostro “mercato”. Vogliamo allestire una squadra per l’alta classifica ma “pescando” possibilmente tra le giovani. E in tal senso vanno i numerosi arrivi che stiamo pilotando nell’intero nostro settore giovanile. Martina Picotti coprirà un ruolo determinante che per noi era scoperto da anni. A breve altri annunci, stiamo ancora allenandoci e provando giocatrici. Ci vorrà un po’ più di tempo per l’annuncio del Pivot che desideriamo io e Massimo Bianchetto . Di certo sappiamo che dovrà essere di primo livello, ma anche in questo siamo già sulla buona strada.”

Focus: le avversarie del Sanga in Poule Retrocessione

Diamo uno sguardo alle avversarie che il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano incontrerà a partire da questo weekend nel girone F di Poule Retrocessione.

MERCEDE BASKET ALGHERO –  Squadra incontrata due volte in regular season e due volte sconfitta dalle Orange. All’andata finì 75-62 per le milanesi con Gottardi e Vujovic sugli scudi. In Sardegna vittoria ancor più netta, 46-77 con una super Giulia Rossi autrice di 21 punti con il 90% dal campo (6/7 da 2 punti e 3/3 da 3) accanto alla solita Vujovic, forse la più continua delle milanesi.
Sicuramente la più temibile delle avversarie è Carolina Sanchez che viaggia a 21,4 punti di media (miglior marcatrice di tutta la Serie A2) a cui aggiunge anche 12,7 rimbalzi. Altra giocatrice in doppia cifra come media punti segnati è Azzellini (12,9 a sera per lei).
Andrea Piccinelli, assistente di Coach Pinotti, descrive così la squadra di Alghero: “Abbiamo affrontato due volte la Mercede Alghero in regular season e in entrambe le occasioni abbiamo vinto: più difficile all’andata in casa nostra e più agevole al ritorno da loro dove siamo stati protagonisti di una gara perfetta con un’ottima prova corale. Alghero poggia sull’asse play-pivot formato dalla talentuosa regista Sara Azzellini e la lunga argentina Carolina Sanchez, bomber della squadra, una veterana dei parquet italiani già tricolore a Priolo proprio al fianco  della nostra Silvia Gottardi. Attorno a loro ruota una squadra interessante che ha nell’esterna Lucrezia Zanetti un buon terminale sul perimetro e nelle due giovani Delia Gagliano e Alexandra Petrova due emergenti giovani sotto canestro. Non deve trarre in inganno l’ultimo posto nel girone preliminare perchè in casa loro è sempre difficile giocare”.

ASTRO CAGLIARI – Classificatasi sesta nel girone B con un bilancio di 7 vittorie e 9 sconfitte ha tre giocatrici con una media punti sopra i 10: Ljubenovic, che ai quasi 15 punti a partita aggiunge 10,7 rimbalzi, Marcello (12,9 punti e quasi 3 assist a gara) e Pacilio (12,6 punti per lei).

VIRTUS CAGLIARI – Settima dietro Astro Cagliari al termine della prima fase con un record di 4 vittorie e 12 sconfitte. Miglior marcatrice è Innocenti, autrice di 12,8 punti a partita; Coach Tola non avrà a disposizione la tedesca Klein per questa fase (che garantiva 10 punti e 10 rimbalzi di media).

Entrambe le squadre di Cagliari in regular season sono state avversarie di Biassono, rivale ‘storica’ di Milano. Abbiamo chiesto un commento sulle nostre future avversarie a Stefano Fassina, Coach delle biancorosse: “Astro è una squadra tosta e ben allenata, molto brava in transizione, con un alto tasso di esperienza. Il trio Ljubenovic-Marcello-Pacilio garantisce punti e qualità. Virtus sembrava essere in ripresa dopo il cambio nella conduzione tecnica ma poi ha come smarrito nuovamente il filo logico. Chiave della squadra è sicuramente la regia di Innocenti, insieme al suo uso del pick’n’roll; Dettori e Oppo sono giocatrici dalla doppia valenza, interna ed esterna”.

BELIZE SRB ROMA – Ottavo posto per le romane nel girone C, record analogo a Virtus Cagliari (4-12) con Masoni (ex College Italia e Taranto) e Grattarola sugli scudi, con 9,9 punti di media, senza trascurare la straniera Bicane. Sono una squadra molto aggressiva.

INFA FE.BA. CIVITANOVA MARCHE – Prima delle escluse dalla Poule Promozione del girone C (come il Sanga nel girone A) con un record di 7 vittorie e 9 sconfitte. Squadra che distribuisce bene i punti in attacco (e forse da questo punto la più temibile) vanta ben 4 giocatrici con una media punti in doppia cifra: Iannucci con 20,4 (seconda miglior marcatrice di A2), Gomes con 14,6, Delibasic con 10,5 a cui aggiunge quasi 10 rimbalzi e Filippetti con 10 punti.

CARPEDIL SALERNO ’92 – Ultima classificata nel girone C con una sola vittoria su 16 gare. Da tenere d’occhio Insfran Gonzalez (14 punti di media per lei) e determinante se in giornata, insieme ad Ardito, che ai 10,8 punti di media aggiunge 10 rimbalzi, e Valerio (10,6 punti per lei).

Il Sanga dal canto suo arriva con un bilancio di 6 vittorie e 8 sconfitte e, nonostante qualche rammarico per alcune occasioni sprecate, determinato a dimostrare fin da subito il diritto a rimanere in Serie A2. Accanto alla top scorer Giulia ‘Maffe’ Maffenini (16,9 punti di media con un record di 40 punti con il 60% da 2 e il 50% da 3 contro Selargius e terza miglior marcatrice di A2), da segnalare la costanza di Dunja Vujovic (11,2 punti con 10 rimbalzi a partita) e la certezza Capitan Gottardi, 10 punti di media per lei.

Così Coach Pinotti in vista della seconda fase: “Questa seconda fase sarà una buona occasione per migliorare il nostro gioco e l’intesa tra le ragazze. Ricordiamo che siamo una squadra molto giovane e che le ragazze giocano insieme solo da settembre. Il cammino sin qui percorso ci ha visti protagonisti, siamo riusciti a giocare alla pari delle migliori, ad esempio contro Geas, in casa abbiamo battuto anche Broni e Genova. Non sottovaluteremo nessuna avversaria nè vogliamo farci condizionare dalle lunghe trasferte a cui ci costringe un campionato male organizzato dal punto di vista logistico e di formula. Probabilmente noi e Civitanova abbiamo qualcosa in più delle altre e vincere tutte le gare casalinghe permetterà di salvarsi evitando i playout.
Dalle ragazze pretenderò progressi individuali e di squadra, dando poi la possibilità a tutte di dimostrare la loro crescita.

Il calendario della seconda fase

Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano è stato inserito nel girone F di Poule Retrocessione. L’avvio di questa seconda fase è fissato per domenica 1 febbraio: il Sanga sarà ospite dell’Infa Fe. Ba. Civitanova Marche di Coach Perini, compagine classificatasi quinta nel girone C al termine della regular season.

Di seguito il calendario completo:

1 giornata: Andata 31 gennaio/1 febbraioRitorno 21/22 marzo
Belize SRB Roma – Carpedil Salerno ’92
Astro Cagliari – Virtus Cagliari
Infa Fe. Ba. Civitanova Marche – Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano
Riposa: Mercede Alghero

2 giornata: Andata 7/8 febbraioRitorno 28/29 marzo
Mercede Alghero – Belize SRB Roma
Virtus Cagliari – Infa Fe. Ba. Civitanova Marche
Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano – Astro Cagliari
Riposa: Carpedil Salerno ’92

3 giornata: Andata 14/15 febbraio – Ritorno 11/12 aprile
Virtus Cagliari – Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano
Mercede Alghero – Astro Cagliari
Infa Fe. Ba. Civitanova Marche – Carpedil Salerno ’92
Riposa: Belize SRB Roma

4 giornata: Andata 21/22 febbraio – Ritorno 18/19 aprile
Carpedil Salerno ’92 – Virtus Cagliari
Astro Cagliari – Belize SRB Roma
Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano – Mercede Alghero
Riposa: Infa Fe. Ba. Civitanova Marche

5 giornata: Andata 28 febbraio/1 marzo – Ritorno 25/26 aprile
Belize SRB Roma – Virtus Cagliari
Mercede Alghero – Carpedil Salerno ’92
Infa Fe. Ba. Civitanova Marche – Astro Cagliari
Riposa: Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano

6 giornata: Andata 7/8 marzo – Ritorno 2/3 maggio
Virtus Cagliari – Mercede Alghero
Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano – Carpedil Salerno ’92
Infa Fe. Ba. Civitanova Marche – Belize SRB Roma
Riposa: Astro Cagliari

7 giornata: Andata 14/15 marzo – Ritorno 9/10 maggio
Belize SRB Roma – Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano
Carpedil Salerno ’92 – Astro Cagliari
Mercede Alghero – Infa Fe. Ba. Civitanova Marche
Riposa: Virtus Cagliari

Il Sanga nel girone F di Poule Retrocessione

Al via il prossimo weekend la seconda fase del campionato di Serie A2.
Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano, classificatosi quinto nel girone A, parteciperà alla Poule Retrocessione ed è stato inserito nel girone F.
Le squadre che andrà ad affrontare sono:
Astro Cagliari
Virtus Cagliari
Mercede Basket Alghero
Belize SRB Roma
Carpedil Salerno ’92
Infa Fe.Ba. Civitanova Marche
Il girone G di Poule Retrocessione è formato invece da Castel Carugate, Basket San Salvatore, Fassi Albino, Bk. Femm. Biassono, Querciambiente Muggia, Trust Risk Group Stabia e Defensor Viterbo.
Al termine di questa fase (si giocano partite di andata e ritorno) la squadra 7° classificata in ciascuna Poule retrocederà direttamente in Serie B.
Le due squadre classificatesi 6° si incontreranno in gare di andata e ritorno. L’andata sarà disputata in casa della squadra sorteggiata dalla Federazione. Se sommando i risultati delle due gare al termine della partita di ritorno le due squadre dovessero trovarsi in parità si svolgeranno i tempi supplementari.
La squadra sconfitta retrocederà in Serie B.
A breve sarà pubblicato il calendario di questa seconda fase.

L’intervista doppia si fa tripla: la parola a Bottari, Colli e Colella

Torna, dopo le feste, l’appuntamento con l’intervista doppia per conoscere meglio i componenti del Mondo Sanga’s Tigers. Questa settimana parliamo con le ragazze della Serie A2 ma le protagoniste non sono due come al solito, sono 3..come direbbero loro: sto male! Buona lettura, quindi, di quest’intervista tripla che coinvolge Federica Bottari, Gaia Colella e Claudia Colli.

Nome:
F: Federica.
C: Claudia.
G: Gaia.
Soprannome:
F: ne ho diversi..Bott, Botta, Fede.
C: Clod.
G: Gaga.
Studi? Cosa?
F: sì, studio Ingegneria al Politecnico di Milano.
C: sì, frequento il 5º anno di ragioneria.
G: sì, studio Comunicazione d’impresa.
Cosa ti ha portato al Sanga?
F: alla fine del liceo ho deciso di iniziare una nuova avventura lontano da casa e mi sono iscritta al Politecnico di Milano, però non volevo abbandonare la mia passione ed il mio Coach di Taranto si è messo in contatto con il Sanga per farmi giocare qui.
C: dopo il primo anno di esperienza in un campionato senior (A3 a Novara) mi è stata data la possibilità di fare un altro salto di qualità in un campionato difficile come quello di A2 al Sanga Milano: non ci ho pensato un attimo, ho detto subito di sì!
G: donvendomi trasferire a Milano per studiare ho chiesto ad un allenatore di Napoli di aiutarmi a trovare una squadra e lui mi ha subito proposto il Sanga.
Passione extrabasket:
F: non esiste passione più grande del basket, però nel tempo libero mi piace stare in compagnia dei miei amici e passare belle serate con loro!
C: oltre al basket?! Sicuramente ho una passione per la medicina che spero di iniziare a studiare l’anno prossimo all’università.
G: mi piace viaggiare e uscire con gli amici.
Cosa sai fare meglio in campo e in cosa devi migliorare?
F: devo migliorare sicuramente il tiro, per quanto riguarda ciò che so fare meglio secondo me è la difesa.
C: a questa domanda mi viene difficile rispondere perchè vedo sempre il bicchiere mezzo vuoto ma forse un mio pregio è il primo passo sulla penetrazione in 1vs1 che puó mettere in difficoltà l’avversaria; sicuramente devo migliorare su tante cose ma principalmente devo lavorare sulla mia testa per stare sempre concentrata e serena, tutto parte da quella.
G: cosa faccio meglio in campo? supporto morale! Per il resto devo migliorare in tante cose, ad esempio il tiro.
Pregio e difetto in campo delle altre due:
F: di Claudia penso che quando attacca il canestro nessuno può fermarla, canestro assicurato; il suo difetto è la sua insicurezza in partita, deve fidarsi di sè e delle sue potenzialità così come fa in allenamento. Per quanto riguarda Gaia ha una buonissima tecnica e una buona visione di gioco, deve essere solo un po’ più cattiva e poi non ce n’è per nessuno!
C: Fede ha una buona visione di gioco e non abbassa mai la testa quando gioca, mentre di Gaia mi piace il tiro. Difetto di Fede? Che deve ricordarsi di difendere sempre la palla mentre palleggia! Gaia deve essere più decisa quando penetra perchè potrebbe essere devastante!
G: Fede non molla mai, ammiro la sua grinta però a volte è troppo insicura. Claudia se attacca il canestro come sa fare e gioca serena  è inarrestabile ma si abbatte troppo facilmente.
Raccontaci la tua partita più bella:
F: quella più bella è stata la finale dell’anno scorso con la mia squadra di Taranto per salire di serie, dopo una bellissima stagione!
C: di partite belle ne ho giocate veramente tante! Non ne ho una preferita ma ovviamente alcune sono indimenticabili come gli esordi in A3 o A2 o quelle giocate con la maglia della Nazionale per un’amichevole o un torneo. La prima che mi viene in mente è la finale scudetto vinta con Geas: il mio primo scudetto nelle giovanili accompagnato dalla canzone “We are the champions”, avevo i brividi, che emozione! Un’altra partita che ricordo è la mia prima Finale Regionale nel femminile: arrivammo seconde e in 3 partite realizzai 81 punti che mi permisero di entrare a far parte del progetto Azzurrina durato 2 anni.
G: la partita più bella che mi viene in mente l’ho giocata due anni fa contro una squadra di Napoli con cui perdevamo sempre; abbiamo difeso come delle pazze e siamo state tutta la partita in vantaggio e anche se poi l’abbiamo persa agli ultimi secondi aver condotto tutta la gara dimostrando di potercela fare l’ha resa indimenticabile.
Giocatore o giocatrice preferita:
F: il mio giocatore preferito è da sempre Rajon Rondo, troppo forte!
C: Giocatore preferito Stephen Curry per il suo talento sproporzionato mentre giocatrice direi Diana Taurasi e Lisa Leslie, la prima a schiacciare nella Lega.
G: Rajon Rondo e Marija Eric.
Dopo la partita che si fa?
F: beh dipende dal risultato della partita, se si vince si va fuori tutte insieme, se si perde a letto a pensare a tutti gli errori e a cosa migliorare!
C: se si vince cena di squadra e si festeggia; se si perde si va avanti e si pensa alla prossima!
G: dopo la partita pizzata di squadra da Solo Pizza!
Cosa vuoi fare da grande?
F: sicuramente qualcosa di inerente a ciò che studio, vedremo il futuro cosa ci riserva!
C: da grande?! Vorrei essere un medico, in particolare una neurochirurga (non chiedetemi perchè..) e continuare con la pallacanestro.
G: non lo so ancora con precisione ma vorrei lavorare nell’ambito del marketing.
Messaggio alla squadra in vista del derby con Geas:
F: ssstomaleee raga! Ahahah a parte gli scherzi spacchiamo tutto e giochiamo come sappiamo giocare, si deve vincere assolutamente!
C: non dobbiamo mollare, dobbiao giocare come nelle ultime partite, lottando su ogni pallone con testa e cuore. Per essere social, siamo una #bigfamily.. #ssstomaleee!
G: sstomaleeee!
Messaggio ai tifosi in vista del derby:
F: forza ragazzi, siete fondamentali domenica! Carichi come sempre, dobbiamo vincere insieme!
C: a nome di tutti e tutte penso di poterli ringraziare perchè ci seguono ovunque, sono venuti anche in Sardegna a spese proprie solo per passione. Ci danno una carica pazzesca e ci stimolano a fare sempre meglio per non deluderli! Siete illegali!
G: ci sono sempre e ci sostengono ma basta cori contro Napoli per favore!!

Anche il Sanga aderisce al Teddy Bear Toss: partecipate con noi!

Avrete sicuramente sentito parlare del Teddy Bear Toss, la raccolta di orsacchiotti di peluche che spopola in America, soprattutto nelle leghe minori di hockey, ed è arrivata poi nel mondo del basket, raggiungendo anche i campionati maschili italiani.
Dov’è la notizia, direte…
Beh noi del Sanga vogliamo essere la prima squadra di A2 femminile ad aderire all’iniziativa. Con l’aiuto delle nostre avversarie, le ragazze dell’Almore Genova, domenica 21 dicembre vogliamo raccogliere quanti più pupazzi possibili da donare ad un ospedale pediatrico milanese. La Società ha preso contatti con la Direzione Sanitaria della Clinica Pediatrica De Marchi di via Commenda, presso il Policlinico di Milano, per poter regalare ai bambini ricoverati nella struttura gli orsetti che verranno raccolti.
Per realizzare tutto questo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti coloro che verranno a vedere la partita domenica alle 18 al PalaGiordani.
Portate con voi un peluche da donare ai piccoli degenti. Dovrete lanciarlo in campo dopo il primo canestro della partita: si deve trattare di un canestro da 2 o 3 punti, non conta il tiro libero nè se a segnare è la squadra di casa o quella ospite.

VI ASPETTIAMO!!

Alleghiamo due video come esempio di come funziona il Teddy Bear Toss:
https://www.youtube.com/watch?v=bN5iZVxnSr8 -hockey-
https://www.youtube.com/watch?v=Y2PTV4Erps0 -basket-

Sanga – Broni su LombardiaSat

Questa sera dalle 19.15 LombardiaSat TV, canale 908 del bouquet SKY, trasmetterà la partita tra Il Ponte Casa d’Aste Sanga Milano e l’OMC Broni, scontro decisivo per rimanere agganciate al quarto posto in classifica, l’ultimo disponibile per essere ammesse alla Poule Promozione.

Come di consueto telecronaca affidata a Walter Negroni con il commento tecnico di Giovanni De Rosa, per la regia di Matteo Arrigoni.