Baskin: Tra sogno e realtà… aspettando il 7 maggio al PalaIseo

“Eh già… sembrava la fine del mondo, ma sono ancora qua!”
Così canta Vasco Rossi in un suo celebre brano del 2011: “Eh… già!”.

Eh già… sembrava la fine del mondo, ma siamo ancora qua! Potremmo cantare tutti noi: atleti, coach, dirigenti, amici, parenti e sostenitori del SangaBaskin Milano!

Sono passati due anni, ma sembra non sia cambiato proprio nulla… In realtà qualche cambiamento c’è stato, sono arrivati giocatori nuovi per esempio… ma lo spirito, la voglia, l’essenza di questa squadra, o meglio di questa famiglia che si allarga sempre più sono rimasti gli stessi!

Abbiamo concluso la prima fase del Campionato “ST Lombardia Nord” classificandoci quarti con 18 punti, a parimerito con Rho Arr e i Millepidi Varese, alle spalle di Lasergame Erba con 22 punti e Sporting Pantere con 20.

Il 19 marzo abbiamo inaugurato il girone “A” della seconda fase, al quale prendono parte solo le prime 5 classificate della prima e che definirà la squadra che parteciperà alla Rassegna Nazionale in programma dal 26 al 28 maggio a Montecchio Maggiore (Vicenza).

Una partenza col botto per le tigri milanesi che giocano tre partite e portano a casa tre vittorie entusiasmanti: contro Sporting Pantere per 63 a 49; contro Rho Arr per 86 a 56 e contro Millepiedi Varese per 59 a 47.

I ragazzi hanno dimostrato dei miglioramenti incredibili, frutto dell’ottimo lavoro svolto dal duo Anzivino-Calastri durante gli allenamenti di questi mesi.

E ora? Vi starete, giustamente, domandando?

Il prossimo impegno è fissato per il 7 maggio, quando al PalaIseo alle ore 15 si darà il via alla super sfida Sanga Milano vs Lasergame Erba che designerà la squadra più forte, quella cioè degna di rappresentare la Sezione Territoriale alle già citate finali nazionali.

Nell’attesa bisogna mantenere alta la concentrazione, lavorare sodo agli allenamenti, ma soprattutto… far circolare la voce ed invitare più persone possibili per riempire il PalaIseo e tifare SANGA MILANO!

Domenica 7 maggio, ore 15, via Iseo, 10, Milano.

San Gabriele Milano eventi: 27-10-2016 una giornata storica per il Mondo Sanga in festa a Palazzo Marino

sanga-evento-foto-di-gruppone

Giovedì 27 ottobre 2016, una data storica, indimenticabile e nel segno dell’Eccellenza per il San Gabriele Milano. sanga-evento-locandinaUna data che ha certificato la società fondata da Franz Pinotti nell’ottobre del 1999 come splendida realtà, presente e sempre più pulsante, nel cuore di Milano. Un alto riconoscimento attestato in grande stile proprio dalla città e dalle sue autorità giovedì mattina con una presentazione-evento che si è svolta presso la prestigiosa Sala Alessi di Palazzo Marino dove accompagnato dalla voce del presentatore d’eccezione l’amico Sandro Pugliese (giornalista de Il Giorno) sanga-evento-slide-eccellenzaè sfilato tutto il mondo Sanga con il suo padre fondatore in testa Franz Pinotti: dalla squadra di serie A2 femminile prima in classifica in campionato, a tutto il suo settore giovanile, al team di BaskIN al settore maschile dei Tigers. sanga-evento-panoramica-sala

Ad aprire la giornata davanti a una platea di oltre 300 persone è stato proprio Franz Pinotti che visibilmente emozionato ha voluto prima ringraziare le autorità e le istituzioni intervenute

sanga-evento-franz-pinotti-spiega per poi presentare la sua “creatura” spiegando come è nata nel 1999 dall’Orarorio San Gabriele Arcangelo in Mater Dei di via Termopoli e come giorno dopo giorno è cresciuta “sul campo” nello sport come nel sociale diventando una realtà d’Eccellenza non solo in provincia ma anche in Lombardia e sul territorio nazionale. Tanto lavoro sul campo, passione e sacrificio così si spiega l’Eccellenza della prima squadra femminile griffata Ponte Casa d’Aste capolista in serie A2, sanga-evento-squadra-a2-funica rappresentante in categoria del capoluogo lombardo e fiore all’occhiello di un movimento cestistico arancione sempre più in espansione, ma anche l’Eccellenza del basket integrato ed inclusivo che ha nella squadra di BaskIN campione d’Italia in carica la sua portabandiera sanga-evento-baskinma anche l’Eccellenza nel sociale con progetti mirati all’accoglienza e alla solidarietà anche in collaborazione con le scuole cittadine. “Sono felice – ha sottolineato Pinotti – perché il Sanga Milano ha riempito la Sala Alessi di Palazzo Marino con Sport, Gioia, Giovani, Politica, Solidarietà, Accoglienza, Innovazione, Internazionalità, Progetti, Scuola, Condivisione, Allegria, Determinazione, Obiettivi, Rispetto, Creatività, Amicizia, Lealtà, Inclusione, Servizio, Scambio, Ascolto, Proposte, Chiarezza e… tanto tanto RITMO SANGA! E’ stata una giornata speciale e importante per noi tutti che abbiamo lavorato insieme con grande fatica. Abbiamo camminato insieme e continueremo a farlo, in direzione ostinata e contraria alla “normalità” del resto del mondo, perchè ci crediamo. Si, possiamo davvero cambiarlo, questo mondo, partendo da dove viviamo, dalle piccole cose, dal nostro intorno, dai più giovani con determinazione chiarezza degli obiettivi. E chissene… se qualcuno non capisce. Grazie di Cuore a tutti i nostri compagni di viaggio, tutti, da sempre e per sempre. Ma ricordatevi, questa giornata per noi non è stata un punto di arrivo ma solo…di partenza!”. La parola poi è passata ai padroni di casa di Palazzo Marino alla vicesindaco Anna Scavuzzo e al presidente della Commissione Sport del Comune di Milano Marco Fumagalli sanga-evento-pinotti-e-autorita-comunaliche hanno ringraziato e sottolineato l’importanza dell’attività svolta in questi anni dal Mondo Sanga augurando un futuro ancora più radioso. Quindi parole speciali e appassionate sono arrivare da Maria Teresa Baldini,sanga-evento-ex-campionessa lei che dopo essere stata grande campionessa sul parquet vincendo anche la Coppa dei Campioni ora è attiva in politica come consigliere regionale particolarmente sensibile al ruolo della donna nello sport e nella società. Passione e gratitudine anche nell’intervento di un’altra grande campionessa dello sport come Clauda Giordani (figlia dell’indimenticato grande papà Aldo) ora rappresentante del CONI così come da parte di Angela Albini che in qualità di consigliere federale FIP  e responsabile del settore giovanile Squadre Nazionali ha ringraziato di cuore l’attività a 360° del Sanga e dello staff di Franz Pinotti indicandola come modello da seguire. Sono poi seguiti gli interventi di Antonio Iannetta portavoce di Uisp Milano sanga-evento-antonio-iannetta-uispdove anche il Sanga opera con le sue attività e le sue squadre, di Davide Losi da sempre amico di Pinotti e da anni dirigente  responsabile del settore minibasket dell’Olimpia Milano con cui il Sanga collabora come con il Progetto Armani Junior di cui si è fatto portavoce il responsabile Davide Destro. Momento particolarmente emozionante è stata la presentazione della squadra BaskIN del Sanga che accompagnata dal suo responsabile Davide Motta ha voluto consegnare le magliette arancioni personalizzate al sindaco Beppe Sala

sanga-evento-sindaco-beppe-sala-con-maglia-sangae alla vicesindaco Scavuzzo. sanga-evento-baskein-e-vicesindaco

Quindi sul palco spazio a Paolo Salvetti sanga-evento-poalo-salvettiportavoce del settore  Tiger’s maschile realtà più giovane ma già in grande crescita, al responsabile del settore minibasket Mariangelo Maiocchi, visibilmente emozionato per una giornata che ha coronato anni di attività sul campo e nel tessuto sociale, a Giovanna Baderna portavoce di Genitori Attivi della scuola Italo Calvino e ad Antonella Dell’Orto portavoce della Casa del Sole Parco Trotter dove da anni il Sanga è presente operando con progetti concreti e importanti. Prima del gran finale microfono anche ad un grande amico di vecchia data di Franz Pinotti quale Stefano Moretti che negli ultimi anni si è avvicinato al Mondo Sanga diventando compagno di viaggio come responsabile della Tramo Art in Motion società leader a livello internazionale nella logistica e nel trasporto di mobili e complementi d’arredo ma sempre di grande pregio:sanga-evento-stefano-moretti-tramo “Siamo diventati compagni di viaggio del Sanga perché nel Sanga rivediamo  e ritroviamo i nostri stessi valori di Lealtà, Eccellenza e Ambizione sempre nel Rispetto delle Regole”. Quindi sul palco foto per tutti, dalle giocatrici della serie A2 ai giovani atleti del settore femminile  e maschile, dai baby del minibasket a campioni d’Italia del BaskIN: sorrisi, emozioni, applausi per tutti e ovviamente la foto finale del Mondo Sanga al gran completo tra gli affreschi della Sala Alessi di Palazzo Marino con l’augurio di ritornarci molto presto per nuove celebrazioni, grazie al nostro angelo custode Anna De Censi. Perché questo per il Mondo Sanga non è il punto d’arrivo… ma la partenza!sanga-evento-foto-di-gruppone

sanga-evento-staff

San Gabriele Milano eventi: Sanga presente a Palazzo Marino alla Campagna Nazionale INDIFESA delle bambine e delle ragazze

sanga-alla-campagna-nazionale-in-difesa-delle-donne
Il Sanga scende in campo in difesa di donne e bambine. Anche lo storico club neroarancio infatti è intervenuto con una sua delegazione martedì 11 ottobre presso la Sala Alessi di Palazzo Marino a Milano
sanga-campagna-nazionale-in-difesa-delle-donne
per presenziare in occasione della V Giornata Mondiale della Campagna Nazionale INDIFESA di bambine e ragazze. Con coach Franz Pinotti sono intervenute indossando la maglia speciale della manifestazione “orangerevolution” la lunga lettone Liga Vente e la capitana della squadra Under20 Giulia Trianti. Come sempre in queste occasioni Il Sanga c’è! In campo e fuori sempre al fianco del mondo femminile per dire :”No alla violenza sulle donne, no alla violenza!”
sanga-in-difesa-delle-donne-2

U15M – sconfitta in fip contro l’Olimpia, si lotta per il 2° posto. sconfitta anche in uisp.

U15 FIP – È arrivata la prima sconfitta, senza alcun disonore, per le Tigri Under 15, che hanno ceduto per 52 a 63 contro i ragazzi (classe 2002) dell’Olimpia Milano targata Armani. Vale la pena partire con un punto di merito per i nostri ragazzi, che in questi mesi hanno saputo guadagnarsi il rispetto e la considerazione (e il timore?) anche delle squadre più blasonate, al punto che l’Olimpia schiera 4 giocatori che ancora non avevano preso parte a questo Campionato, nemmeno contro Ebro. Non è giusto parlare dell’arbitraggio, forse c’è stato un po’ di timore reverenziale verso l’Olimpia, ma i nostri U15 devono comunque imparare a fare i conti anche con questi “inconvenienti”.

La realtà è che i nostri ragazzi hanno ceduto, pur con tutti gli onori, contro una squadra più consapevole e smaliziata.
Abbiamo pagato un brutto blackout ad inizio gara, qualche paura di troppo e un bel po’ di errori, ma, nel complesso, si sono visti, specie nei primi tre periodi, sprazzi di buon gioco.

Ora, più che recriminare per la sconfitta occorre fare propria la lezione di intensità e fisicità oggi impartita dagli avversari, trarne ampi benefici per continuare a crescere e migliorare. Obiettivo è il secondo posto, che i Tigers si giocheranno nello scontro con Ebro.

Olimpia Armani Junior Milano – Tigers 63-52 (26-18; 30-40; 57-44)
Tigers: Corno, Ferri 2, Pinna, Blanco 6, Bianchi, Obeng 4, Nardella 1, Cavallaro 8, Bernago, Stanga 8, Bologna 17, Calmo 6. All. Corvi

U15 UISP – Il match di domenica 29 novembre tra Tigers Milano e GSO Arese si conclude con un’altra amara sconfitta per i nostri U15.

Partita sostanzialmente in equilibrio per tutti i 40 minuti: parità alla fine del primo quarto (17-17) e leggero vantaggio di Arese alla pausa lunga (39-41).
Nessuna sorpresa neanche durante il terzo quarto, con i padroni di casa che si portano avanti di 2 lunghezze, sul 58-56. Gli ultimi 10 minuti si rivelano più emozionanti dei 3 quarti precedent, i nostri, a 3′ dal termine hanno accumulato un vantaggio di 13 punti con belle giocate; purtroppo però abbassano la guardia e concedono agli avversari contropiedi e tiri facili che permettono loro la rimonta. Neanche l’ormai immancabile “sveglia” di coach Corvi serve a far reagire i Tigers che sbagliano qualche scelta nel finale e regalano l’ultimo possesso al GSO che segna per la vittoria, 84-86.

Tigers-Gso Arese 84-86 (17-17; 39-41; 58-56)
Tigers: Di Dio, Arcadi, Corno 23, Castagneri 4, Pinna 8, Bianchi, Nardella 9, Cavallaro 14, Ballerini 4, Tarditi 6, Mirulla 4, Calmo 12. All. Corvi

 

 

Under 15 – Un weekend a due facce. Bene Fip, male Uisp.

Doppio impegno lo scorso fine settimana per i 2001 del duo Corvi – Barbera, contro Urania per quanto riguarda il campionato FIP, contro Knights Legnano in Uisp.

FIP: Tigers-Urania 92-39
Nuova prova di carattere e di compattezza contro Urania per gli Under 15 del duo Corvi-Barbera.
Gli avversari erano in versione un po’ “rimaneggiata”, sia per l’assenza giustificata del coach titolare, sia per la defezione imprevista di un paio di ragazzi.

Una partita, anche se facile sulla carta, in realtà presenta sempre delle insidie, soprattutto il rischio di cali di concentrazione. E questo rischio si è concretizzato nei primissimi minuti della partita, quando i nostri U15 sono andati sotto di 7 punti. Il coach e il suo vice, a quel punto, hanno richiamato i ragazzi e suonato la sveglia. L’effetto si è visto subito: i nostri U15 hanno iniziato a giocare come sanno, con azioni veloci e incisive, efficace pressione difensiva e notevole intesa di squadra. Unico neo della loro prestazione, l’imprecisione ai tiri liberi (3 su 14), un fondamentale in cui i nostri ragazzi dovranno necessariamente migliorare, in vista delle partite in cui ogni punto potrà fare la differenza. Oggi, per fortuna, quel rischio non c’è mai stato, grazie alla prestazione, in alcuni frangenti davvero travolgente, degli U15 che hanno gestito partita e risultato in sicurezza.

Anche la prestazione di oggi, ha evidenziato una squadra è in crescita. Ora la speranza è che questa crescita non si fermi e che i ragazzi non si adagino ma continuino ad impegnarsi e migliorare.

Tigers-Urania 92-39 (17-12; 39-21; 67-28)
Tigers: Corno 11, Pinna, Obeng 4, Nardella, Cavallaro 16, Bernago 12, Ballerini 4, Stanga 8, Tarditi, Blanco 12, Bologna 10, Calmo 15. All. Corvi, Ass. Barbera.

UISP: Knights Legnano-Tigers Milano 82-37 (25-17; 54-21; 68-28)
La schiacciante vittoria della scorsa settimana contro Uboldo è stata senz’altro il risultato della bella e grintosa prestazione dei nostri U15, ma anche del vantaggio “anagrafico” dato dalla numerosa presenza di ragazzi del 2003 nella squadra avversaria. A riportarci con i piedi per terra ci ha pensato Legnano, una squadra che non solo non schiera ragazzi sotto età, ma è dotata di giocatori di buon livello tecnico e di un gioco collettivo efficace.

La partita di sabato, in pratica, non è mai stata in discussione visto il divario tra le due squadre. Troppe erano le differenze sia nei singoli che nel gioco collettivo. Sicuramente Coach Andrea ha avuto modo di individuare su quali aspetti devono migliorare i ragazzi dell’Under15, dalle soluzioni contro il pressing aggressivo alla maggiore convinzione sotto canestro. Fuori discussione i progressi fatti in questi primi mesi di lavoro da molti dei nostri ragazzi e c’è da sperare che il lavoro dello staff tecnico continui a dare i suoi frutti, a far crescere ancora di più i singoli e la squadra nel suo complesso.

‎Knights Legnano-Tigers Milano 82-37 (25-17; 54-21; 68-28)
Tigers: Corbascio 2, Arcadi, Ferri 4, Castagneri 2, Obeng 5, Cavallaro 7, Tarditi, Mirulla, Benaggia, Calmo 17. All. Corvi.

 

 

5° posto alle Finali Uisp di Cesenatico per i Tigers Platinum

Il racconto delle Finali di Coppa Italia Uisp Platinum scritto direttamente dai protagonisti:

Dopo le finali di Bernareggio di fine maggio quasi non ci credevamo: ma allora andiamo? Siamo sicuri? Ma dobbiamo vincere la prossima? 

Ormai è da quando siamo nella Lega Uisp Platinum che sentiamo parlare delle finali di Cesenatico: erano sempre nell’aria, ci siamo sempre arrivati vicino, più volte sfiorate, ma mai raggiunte. Erano la nostra chimera. Sì, erano, perchè finalmente quest’anno ce l’abbiamo fatta! Dopo la vittoria nella finale dei playoff contro Vigevano, stacchiamo il pass per rappresentare la Provincia di Milano nella Coppa Italia di Cesenatico. Il gruppo dei “Guasconi” risponde subito alla grande. Nonostante non sia un gruppo di adolescenti, raccoglie 12 giocatori e un accompagnatore. Finalmente il 12 giugno si parte (alla fine i giocatori sono 9 con il mitico MMM che ci supporta), ci si organizza con le macchine, le ferie, le mogli e verso pranzo ci troviamo tutti nelle acque cristalline di Cesenatico; ci scaldiamo tra beach volley e frisbee e poi tutti in campo alle 19.45.

La prima partita è contro GSO Arese, squadra esperta che le tigri domano nei primi due quarti; al rientro dagli spogliatoi, gli avversari ci rubano il talento stile Space Jam e ci rifilano 50 punti in due quarti e, segnando da ogni dove, ci condannano alla prima sconfitta. Non ci abbattiamo e per ricaricare le pile si va tutti allo storico Molo 95 di Cesenatico dove teniamo alto l’onore.

Dopo poche ore è già ora di giocare la seconda partita e questa volta riusciamo a mantenere la concentrazione per tutta la partita, vincendo abbastanza agevolmente contro Olimpic Team. Dopo la partita c’è sempre spazio per le sfide a beach volley e le gare di tiro: non si molla mai! 

Alla sera ci imbuchiamo ad una festa in spiaggia dove c’è mezza Romagna ed anche un po’ di Emilia a ballare in pista: dobbiamo fare riscaldamento ballando perchè alle 10.45 è ora dell’ultima partita, la finale per il quinto posto.

Gli avversari sono gli ostici giocatori di Arcore; la partita è molto tirata, sempre punto a punto e, nonostante sia la terza partita in tre giorni, è molto combattuta fisicamente. Si arriva al supplementare e grazie alla compattezza del gruppo, tiriamo fuori le nostre zanne e vinciamo!! Premiazione, ultima piadina e birra e poi tutti a casa con la nostalgia di un bellissimo weekend insieme, volato via all’insegna dell’amicizia e dello sport.

Grazie ai “Tigers Guasconi” che sono venuti e a quelli che ci hanno supportato da casa; questa bellissima esperienza di squadra sia da sprone per raggiungere ancora questo obiettivo e miglioraci anche il prossimo anno.

Bravi quindi ai nostri ‘ragazzi’ del Platinum, appuntamento a settembre per provare ad arrivare anora più in alto!

Intervista doppia – La parola a Dario e Mattia

Questa settimana tornano le interviste doppie con una coppia imperdibile: Dario Lovino e Mattia Matteoni. Super impegnati con il minibasket e giocatori dei Tigers si raccontano in un’intervista davvero divertente!

Nome:‭
M: Mattia
D: Dario

Soprannome:
M: Svariati,‭ ‬dai diminutivi del nome‭ (‬Tia,‭ ‬Matti‭) ‬a‭ ‬“Figlio mio‭”‬ che non è proprio un soprannome ma un‭’‬apposizione,‭ ‬o molti altri che per questione di fascia protetta non posso spiegare.
D: Ne ho diversi: “Darione” perché fin da piccolo sono sempre stato un omone, quindi i miei compagni di squadra mi chiamavano così. Negli ultimi anni, in coppia col mio socio di intervista, sono “Figlio mio”. In realtà anche lui sarebbe “figlio mio”, quindi due figli e zero genitori!

Chi alleni e come va il campionato?
M: Un sacco di gente‭! ‬Fra poco prendo la residenza in Frigia‭!
Alleno i Pulcini‭ ‬Frigia‭ con ad Alice‭; ‬gli Scoiattoli‭ ‬Frigia‭ ‬con Dario da cui abbiamo tirato fuori due squadre ed entrambe stanno andando piuttosto bene‭; ‬gli Aquilotti‭ ‬Frigia‭ ‬sempre insieme a Dario che stanno andando molto bene‭; ‬gli Under17‭ ‬insieme a Laura che,‭ ‬nonostante alti e bassi ogni tanto regalano qualche soddisfazione e, infine, gli Under19‭ ‬con Roberto,‭ ‬che sono dei bravi ragazzi.
D: Dopo diversi anni passati a seguire le squadre under femminili assieme a Coach Giorgia Colombo, quest’anno alleno aquilotti e scoiattoli in Frigia, gruppi numerosissimi ma che stanno dando grandi soddisfazioni!

Come vi dividete il lavoro durante gli allenamenti‭?‬
M: Ormai abbiamo consolidato questa prassi:‭ ‬con gli Scoiattoli,‭ ‬che non sono mai meno di‭ ‬25,‭ ‬ci dividiamo sulle due metà campo lavorando autonomamente,‭ ‬dedicando l‭’‬ultimo quarto d‭’‬ora alla partitella.‭ ‬Con‭ ‬gli Aquilotti, invece,‭ ‬preparo io l‭’‬allenamento e ci dividiamo i compiti al momento,‭ ‬tenendo sempre un quarto d‭’‬ora per giocare.
Quindi direi che il lavoro è diviso‭ ‬50/50.‭ ‬Facciamo‭ ‬55/45‭ ‬va!
D: Siamo ben organizzati, con i 30 Scoiattoli ci dividiamo in due gruppi sulle due metà campo, organizzando un allenamento mirato in base alla diversa esperienza dei mini-atleti. Per gli Aquilotti mi affido alla sapienza di Mattia che prepara sempre ottimi esercizi da mettere in pratica assieme.

Perché hai iniziato ad allenare?
M: Come tutti,‭ ‬per passione.‭ ‬Poi dopo due anni in cui andavo principalmente per dare una mano mi sono iscritto al corso e sono diventato‭ “‬ufficialmente‭”‬ istruttore minibasket.‭ ‬Ne approfitto per ringraziare le persone con cui ho allenato in Frigia in questi anni:‭ ‬Ramon,‭ ‬la Giò,‭ ‬Dado,‭ ‬Luca,‭ ‬Mipo e tutto lo staff minibasket attuale.
D: Credo di avere iniziato andando ad aiutare a tempo perso l’allenatore della squadra di mio fratello. Poi evidentemente portavo cosi bene coni e cerchi che mi hanno proposto di farlo seriamente! Ho iniziato ad allenare quasi 10 anni fa in via Mattei gli Scoiattoli, che ora guidano la macchina e mi fregano il posto in squadra!

Descrivi l’altro in tre parole:‭
M: Alto,‭ ‬burlone,‭ ‬cinefilo.
D: Creativo, imprevedibile, affidabile.

Cosa pensi dirà di te?
M: ‬Ho paura tiri fuori qualche perla delle sue.
D: Qualche insulto amorevole.

Cos’è per te il mondo Sanga’s Tigers?
M: È‬ una grande famiglia,‭ ‬ed essendo una famiglia ci vogliono un grande dialogo‭ ‬ed una grande coesione‭ ‬affinché tutte le parti‭ (‬in questo caso settore maschile,‭ ‬femminile e minibasket‭) ‬vadano d‭’‬accordo.‭ ‬Direi che ci stiamo riuscendo egregiamente.‭
D: Un mondo dove tutti, dagli allenatori, ai dirigenti, ai giocatori e le famiglie condividono la passione per la pallacanestro e per i principi morali ad essa collegati.

Sei anche un giocatore, oltre che un istruttore?‬
M: Gioco,‭ ‬e sono allenato da coach Blatt(a‭)‬,‭ ‬ovvero Nick.
Il campionato‭ (‬Uisp Golden League‭) ‬è abbastanza impegnativo e sta andando maluccio‭ (‬al momento siamo ottavi su dieci squadre‭)‬,‭ ‬ma l‭’‬importante è pur‭ ‬sempre divertirsi e andare a fare una cena di costine all you can eat anche dopo una sconfitta di‭ ‬40‭ ‬punti.
Per chi legge e vuole venire a vedere del bel basket giochiamo le partite casalinghe in Frigia la domenica sera alle‭ ‬19.30.‭ ‬Visione sconsigliata agli stomaci deboli.
D: Gioco nel Tigers Uisp, squadra che l’anno prossimo compirà 10 anni e della quale mi reputo, assieme a Mattia, il fondatore morale.
Quest’anno ci siamo qualificati per il campionato golden per la prima volta nella nostra storia e stiamo pagando un po di inesperienza; a vittorie esaltanti alterniamo imbarcate clamorose. Ma la cosa fondamentale che ci rende sempre felici é descritta nella prossima domanda.

Post partita:‭ ‬dove, come, con chi‭?‬
M: Anche se mi prendono in giro perché a volte‭ (‬soprattutto dopo le partite casalinghe‭) ‬latito,‭ ‬il post-partita/allenamento tipo è andare dalla mitica Ile allo Sporting a bere una birra‭ (‬o anche due o più in caso di sconfitta pesante‭)‬.
Anche se ultimamente‭ (‬e per la linea non è proprio un bene‭) ‬si sta virando verso altri orizzonti come all you can eat sushi,‭ ‬costine,‭ ‬iguanodonti e similari.
D: Il motivo che spinge noi giocatori amatoriali a presentarci in palestra anche se in TV c’è la Champions League (problema che essendo milanista non si pone) o il cinema a 3€ é il post partita/allenamento. Solitamente il gruppetto dell’uscita post é capitanato dal sottoscritto, da coach Zappetti e dall’intervistatrice, che raccolgono le adesioni dei lavoratori da ufficio che molto spesso si rifugiano dietro a un “io domattina mi alzo 7 e non alle 10 come voi”. Alla fine 5-6-7-8 persone ci sono sempre: si parla di tutto, si mangia di tutto e non si beve di tutto (mammoletta chi prende la Coca).

Chi è per te l’altro‭?
M: momento Kleenex on -‭ u‬n vero amico,‭ ‬con cui ho passato‭ (‬e passerò,‭ ‬spero‭) ‬momenti indimenticabili,‭ ‬una persona su cui fare cieco affidamento e una delle più importanti della mia vita –momento Kleenex off,‭ ‬se esauriti ripetere l‭’‬operazione.
D: Ci conosciamo e frequentiamo da quando siamo all’asilo, quindi lo reputo come un fratello ormai.  Facciamo le vacanze insieme, i sabato sera insieme, purtroppo anche la doccia insieme dopo gli allenamenti, quindi più stretti di cosi non si può!

Per cosa lo prendi in giro più spesso?
M: Perché non porta le paste all’allenamento dopo aver preso il tecnico e, visto che la cosa accade con una certa frequenza, a fine dell’anno sarà costretto ad ordinare un servizio catering a cui tutti i lettori di questa intervista saranno invitati. E poi lo prendo in giro per la sua fobia per gli insetti. E perché non sa la Geografia, quello mi manda in bestia.
D: Solitamente ci prendiamo in giro per un sacco di cose: dai suoi approcci con le ragazze, al suo modo di guidare, alla sua diplomazia variabile, ma le cose più divertenti sono: minacciarlo inseguendolo con un pezzo di grana (ha la formaggiofobia) e cercare di attraversare piazza del duomo insieme a lui (piccionifobia), sono sempre risate assicurate!

Aneddoto o ricordo divertente dei vostri anni nei Tigers:
M: Ne racconto due:‭ ‬proprio riguardo alla fobia per gli insetti un mio vezzo è,‭ ‬ogniqualvolta ne trovo uno,‭ ‬tirargli addosso insetti mentre si fa la doccia.‭ ‬Quest‭’‬anno a Trezzano dopo la partita‭ (‬ovviamente persa‭) ‬ha passato un brutto quarto d‭’‬ora con‭ ‬una cimice.
Il secondo,‭ ‬invece,‭ ‬è accaduto qualche anno fa,‭ ‬non in partita o allenamento bensì al campetto.‭ ‬Durante un torneo al campetto di Piazza Farini,‭ ‬dopo un mio canestro segnato mi dice:‭ “‬Bravo,‭ ‬figlio mio‭”‬ un avversario ci guarda e,‭ ‬nonostante io e Dario abbiamo soltanto un anno di differenza,‭ ‬esclama:‭ “‬Ma è veramente tuo figlio‭?”.
D: Quattro anni fa abbiamo vinto una partita al supplementare perché gli avversari erano usciti tutti per 5 falli. La cosa incredibile é che 5 contro 2 eravamo ancora 80 pari e loro in due erano riusciti, poco prima, a farci canestro facendo rimessa dalla parte opposta del campo. Cose incredibili!

Come ti vedi fra‭ ‬5‭ ‬anni‭?‬
M: Con meno capelli,‭ ‬ma più saggezza.
D: Fra cinque anni mi vedo con un lavoro, una casa mia, qualche responsabilità in più ma la stessa voglia di fare e divertirmi!

Cosa vi piace fare nella vita quando non siete in palestra?
M: Mi piace cucinare (specialità: dolci, pasta fresca e pollo al curry), uscire con gli amici (che ahimè comprendono anche Dario) e fare il giudice alle gare di dressage. Una delle tre è falsa, sta a voi lettori indovinare quale!
D: Il basket é una grande passione ma non é tutto: ho una laurea magistrale in psicologia del lavoro, quindi a breve (speriamo) toccherà anche a me puntare la sveglia alle 7 del mattino. Tra le mie passioni anche il calcio, fantacalcio (dove combatto con Mattia e coach Zappetti) e, come il peggiore dei bambini, possiedo una collezione di quasi 1000 videogiochi!

Salutatevi‭:
M: Uè.
D: Figlio mio, sushi domani? O torneo alla Wii a casa tua?

U13M – Vittoria dei Tigrotti contro gli eterni rivali del CS Basket

Che vittoria! La sintesi della partita potrebbe finire qui, anzi finisce qui perché poco altro c’è da aggiungere ricordando la performance stellare delle nostre Tigri termonucleari impegnate ieri al Gonzaga contro il CS Basket secondo in classifica. Procediamo quindi per riconoscimenti al merito:

Prima menzione al merito: al mitico combattente Sebastiano. Ma che spettacolo di giocatore! Secondo chi scrive i signori della Marvel prima di inventarsi gli Avengers sono andati a vedere le sue partite anche se i vari supereroi per confronto  risultano ancora oggi delle copie un po’ opache. Speriamo facciano meglio. Grazie Seba! A nome delle giovani Tigri che ti hanno accompagnato alla vittoria e a cui hai insegnato che la pallacanestro é grinta, agonismo, fisicità, generosità e tecnica. E a nome mio avendomi ricordato un giovane con gli occhiali oggi cronista per caso che qualche anno fa faceva le cose che fai tu su campi e campetti di mezzo Nord Italia.. Grazie.

Prima menzione pari merito al folletto Gaboz. Che quando Seba ha finito la benzina nel terzo quarto, si è inventato i canestri (liberi inclusi) da 1000 tonnellate cadauno che hanno seppellito gli avversari. Un amico mi ha detto che oggi Magic Johnson guardando il DVD della tua partita di ieri ha gettato nel camino le vecchie cassette che lo riguardavano della ESPN (All Star Game e finali dei Lakers incluse!) urlando come un ossesso “OLD STUFF!” (Roba vecchia!). Bravo davvero Gaboz. Hai avuto coraggio. Tanti merito del successo delle Tigri di ieri è roba tua.

Seconda menzione: a tutte le Tigri di sempre cioè Alessandro, Michele, Michelangelo, Luca, Marcello, Leonardo, Gioele, Nadim, Andrea e Tommaso. Bravi tutti. Avete tenuto duro e lottato portando ognuno un prezioso contributo. I Pinguini di Madagascar al confronto mi sono sembrate delle novizie!

Seconda menzione ex equo a Coach Zappetti. Grande Nick! Gestione giusta della panca, consigli saggi ai time out (domenica si poteva origliare…) e una pazienza di ferro per gestire tutti gli imprevisti del caso. Se non fosse che di San Niccolò ce ne saranno una mezza dozzina c’era da inoltrare domanda di canonizzazione a Francesco!

Terza menzione ai tifosi dei Tigers. Qui non ci sono Curve Nord o Sud che tengano: Gradoni di Ferro e Cemento semmai, come quelli dove si sono assiepati gli innamorati genitori dei Tigrotti anche ieri. Sono sicuro che i felinotti hanno potuto sentire il loro calore sincero.

Finale: 60 a 53 Tigers.
P.S. Finale detto della Gran Verità: il CS resta una grande squadra. Senz’altro meritano il secondo posto che occupano in classifica. Senza supereroi per i felinotti sarebbe stata tutt’altra domenica.

U13M – Fino all’ultimo respiro

Tigers’ Stadium gremito ieri sera per assistere alla prima casalinga dei giovani felini striati nero – verde  in assetto militare da combattimento per affrontare l’Ardor Bollate. Obiettivo: semplicemente vincere, dopo le sconfitte brucianti delle settimane scorse che ancora facevano capolino prima del consueto carosello di riscaldamento. Ma è bastato toccare la palla a spicchi ai tigrotti di Milano per visualizzare  i moniti ricevuti in settimana da coach Zappetti e ricordare i due torni industriali distrutti in palestra ad affilare artigli da guerra di generazione Wolverine pronti per colpire. Si parte.

Partita sostanzialmente equilibrata. Le due squadre si fronteggiano colpo su colpo fino alla fine del primo quarto. Il tabellone segna 12 a 11 per i Tigers ma è presto per capire come andrà a finire. Il secondo periodo sancisce l’equità dei valori in campo (26 pari). Si ripropone la sensazione di sempre con i Tigers di questi tempi: cuccioli potenzialmente distruttivi che gettano il proprio arsenale tattico e preferiscono combattere  all’arma bianca. Nel terzo quarto l’Ardor conquista  un importante vantaggio (39 a 36) sostenuta  dalle vuvuzela baritonali dei propri tifosi e dalle incursioni del loro fantasista numero 99. Siamo al quarto periodo. Il tifo sugli spalti accompagna le gesta dei contendenti. Il tempo scorre e l’Ardor mantiene il suo vantaggio. Solo le gesta eroiche del Profeta (Gioele) e le pennellate decise del Caravaggio (n.d.r. Michelangelo Merisi detto il Caravaggio) consentono ai Tigers di restare in scia. Siamo all’epilogo. Un minuto e trentaquattro secondi alla fine e Tigers sotto di due: 50 a 48. Sono fasi concitate ma il Profeta compie o’miracolo segnando un canestro contro le leggi della fisica esistenti e anche quelle ancora da scrivere. Il suo urlo verso i tifosi inonda di adrenalina gli spalti. E’ il delirio. L’Ardor riparte con la rimessa dal fondo ma commette infrazioni di passi non appena entrata nella metà campo striata. Palla quindi nelle mani sapienti di colui che ha sostenuto dall’inizio con le sue incursioni la squadra: penetrazione, nessun canestro ma fallo e due tiri liberi che pesano sul 50 pari come piombo fuso. Primo tiro: errore. Pressione psicologica a 1000 bar ma Il Flagello (n.d.r. Di Dio, Alessandro) decide finalmente di abbattersi sull’avversario.  E’ 51 a 50 Tigers. Le follie degli ultimi 18 secondi non mutano più quanto ormai è scolpito nella pietra.

E’ VITTORIA cari Tigernauti. Di quelle che fanno bene al cuore e al morale. La pizzata celebrativa a seguire ricorda il clima del volo aereo degli Azzurri di Bearzot al rientro dai mondiali di Spagna nell’82.

Marco Buttafava

Al via le Energiadi 2014!

Come già anticipato, questa settimana la Scuola media Italo Calvino di via Frigia (il nostro PalaFrigia) sarà sede delle Energiadi 2014: una gara tra 9 scuole milanesi a chi, pedalando, sarà in grado di produrre più energia.

Il premio in palio è l’equivalente di 10 mila euro in materiale scolastico informatico. Da sempre la palestra di via Frigia è un centro fondamentale per la nostra attività e per questo il Mondo Sanga’s Tigers si è impegnato a fondo per poter organizzare una serata tutta Orange, dalle 18 alle 2 del mattino di mercoledì 19 novembre, in cui le varie formazioni della nostra società si alterneranno sulle 8 postazioni a disposizione per produrre quanta più energia possibile, cercando così di contribuire alla vittoria della scuola.

A chiunque volesse pedalare anche durante altre serate (ricordiamo che la gara si svolgerà da martedì 18 a domenica 23 novembre) si consiglia di indicare come nominativo di raccolta “Mondo Sanga’s Tigers” perchè sia evidente lo sforzo fatto da tutta la società nel sostenere la scuola di via Frigia in questa iniziativa. Al termine della manifestazione saranno prodotti dei grandi cartelloni con i risultati dei contributi e sarebbe bello vedere il mondo Orange svettare rispetto a tutti gli altri gruppi partecipanti, per dare un segnale forte del nostro impegno in questa ‘competizione’.

Il termine di ciascuna serata, inizialmente fissato alle 0.30, è stato esteso fino alle 2 del mattino quindi giocatori senior, dirigenti, allenatori, genitori e amici vi toccherà fare le ore piccole!

Novità dell’ultm’ora è la creazione di un ambiente virtuale con luci e laser in cui, sotto la guida di un Istruttore di livello Master Nazionale, sarà possibile praticare Spinning: saremo accompagnati da Amici Spinner che si uniranno a noi nella serata di mercoledì. Il tutto si svolgerà nel segno del Mondo Sanga’s Tigers, associando all’idea di festa e di riunione di tutti i gruppi, lo spirito di competizione e la voglia di vincere che ci contraddistinguono, con musica scelta appositamente per l’occasione a fare da sfondo alla maratona a pedali che ci aspetta.

Vi ricordiamo la suddivisione dell’orario, sottolineando che è possibile comunque fermarsi anche più a lungo di quanto indicato: più saremo e più energia produrremo!

18 – 19.30: MiniBasket (Pulcini, Scoiattoli, Aquilotti), Esordienti (cioè nati dal 2008 fino al 2002); coordinatrice Maria Paola.
18 – 19: Esordienti femminile; coordinatrice Lorena Villa.
19 – 20: Baskin; coordinatore Mariangelo.
19 – 20: U13 femminile; coordinatrice Lorena Villa.
20 – 21: U17 maschile; coordinatrice Laura Rossi.
20 – 21: Serie A2 femminile; coordinatori Marco Taminelli e Max Viggiani.
21 – 21.30: SangaPapà; coordinatore Mariangelo.
21 – 22: U17 e U19 femminile; coordinatore Andrea Piccinelli.
22 – 2: Dirigenti, Allenatori e Staff + Lezioni di Spinning con Luci e Laser in ambiente virtuale con Istruttore Nazionale.
22 – 2: Promo maschile, Uisp Silver e Uisp Platinum + Lezioni di Spinning con Luci e Laser in ambiente virtuale con Istruttore Nazionale.
22 – 2: Genitori e Amici + Lezioni di Spinning con Luci e Laser in ambiente virtuale con Istruttore Nazionale.

Per informazioni e aggiornamenti vi ricordiamo di seguire le pagine Facebook SANGA Milano https://www.facebook.com/pages/SANGA-Milano/861566167199588?ref=aymt_homepage_panel e Le Tigri del Sanga https://www.facebook.com/SangaTigers?ref=aymt_homepage_panel.
Questo, inoltre, il sito dell’iniziativa: http://www.energiadi.org.

Manca poco a mercoledì… Iniziate a scaldare le gambe!

U13M: Un giorno di ordinaria follia

Sabato pomeriggio, nel rifugio antiatomico sotterraneo della Social OSA, i nostri tigrotti dal pelo ancora arruffato, sono scesi in campo per tentare di dimenticare i brutti spettri a raggi Gamma di domenica scorsa. Ma gli dei del basket devono aver litigato parecchio e sotto un diluvio universale mandato in monito, hanno lasciato andare in scena una rappresentazione sportiva che nemmeno Naismith col cuore in mano sarebbe riuscito a chiamare “pallacanestro”.

Veniamo alla cronaca. Partenza a retine inviolate fino al terzo minuto quando i Tigers insaccano i primi due punti in penetrazione. Botta e risposta fino alla fine del primo quarto che si chiude 10 a 8 per la Social OSA. Si riparte con quintetto felino nuovo di zecca per 4/5. La partita é sostanzialmente equilibrata con errori e opportunità incenerite su entrambi i fronti. Il secondo quarto si chiude 18 a 14 sempre per i padroni di casa che mantengono lo stesso vantaggio (28 a 24) anche nel terzo quarto con canestro dubbio a fil di sirena. Il quarto tempo è il Museo degli Errori. Nessuna delle due squadre riesce a segnare. La partita sembra volgere al termine in un delirio di palle perse quando i felini si ricordano di saper essere distruttivi quando vogliono: 32 pari alla fine del quarto periodo. Ci vogliono i supplementari per assegnare la disfida.  Nel primo mini-tempo da 5 minuti è la stanchezza a farla da padrona, da entrambe le parti. Il primo allungo è dei Tigers con una doppia zampata in sequenza. Sembra l’epilogo ma i padroni di casa recuperano in zona Cesarini. 36 pari: è secondo supplementare. Da qui in avanti per i Tigers una Caporetto, 8 punti per i ragazzi di Social OSA, nessuno per noi. Finisce con mestizia, ma a basket vince chi segna di più e purtroppo questa volta abbiamo sbagliato davvero tanto!

Sarà per la prossima, sperando che gli dei del basket siano di buon umore. Menzione speciale per Ale e Gio, veri guerrieri fino alla fine. Grandi lo stesso ragazzi!

Social OSA – Tigers: 44-36 d2ts (10-8, 18-14, 28-24, 32-32, 36-36, 44-36)

Tutto il MondoSanga alle Energiadi2014

Mercoledì 19 novembre presso la scuola media di via Frigia si terranno le Energiadi2014, a cui tutto il Sanga Mondo parteciperà con i suoi atleti ed atlete, oltre che con dirigenti, allenatori, amici, genitori e tifosi.
Le Energiadi sono una vera e propria gara e vince chi, grazie alle persone coinvolte, produce la maggiore quantità di energia elettrica attraverso i Bike Energy System, pedalando.
La scuola Media di via Frigia è stata scelta per partecipare a questa ‘competizione’ insieme ad altre 8 scuole di Milano: ciascuno dei complessi scolastici partecipanti ha a disposizione una settimana e 10 postazioni per produrre energia.
Obiettivo delle Energiadi è mettere in gioco la propria energia per uno scopo comune: sensibilizzare i cittadini sulle tematiche ambientali e diffondere i prinicipi dello sviluppo sostenibile.

Tutto il SangaMondo è chiamato a mettere in campo non solo energia fisica per pedalare: serve anche ‘energia sociale’ per coinvolgere il maggior numero possibile di partecipanti per provare a vincere le Energiadi.
Nell’arco della settimana in cui si svolgerà l’iniziativa (17-21 novembre) altre realtà sportive e culturali pedaleranno per fare in modo che alla fine la scuola vincitrice risulti quella di via Frigia.
Come detto in apertura, il ‘Momento Orange’ sarà mercoledì 19 novembre, a partire dalle ore 18. Il tema della serata sarà «L’Energia del Corpo» con attenzione al rapporto tra alimentazione e prestazioni, al ruolo dello sport nella vita quotidiana e alla motivazione che deve animare tutti gli atleti, di qualunque livello, nella pratica dell’attività sportiva.

Di seguito il programma dettagliato con gli orari di partecipazione delle diverse squadre:

18 – 19.30: MiniBasket -Pulcini, Scoiattoli, Aquilotti-, Esordienti (cioè nati dal 2008 fino al 2002); coordinatrice Maria Paola.
18 – 19: Esordienti femminile; coordinatrice Lorena Villa.
19 – 20: Baskin; coordinatore Mariangelo.
19 – 20: U13 femminile; coordinatrice Lorena Villa.
20 – 21: U17 maschile; coordinatrice Laura Rossi.
20 – 21: Serie A2 femminile; coordinatori Marco Taminelli e Max Viggiani.
21 – 21.30: SangaPapà; coordinatore Mariangelo.
21 – 22: U17 e U19 femminile; coordinatore Andrea Piccinelli.
22.30 – 23.30: Dirigenti, Allenatori e Staff.
22 – 00.30: Promo maschile, Uisp Silver e Uisp Platinum.
22 – 00.30: Genitori e Amici.

Siamo tutti chiamati a prendere parte a questa iniziativa importante per la Scuola di via Frigia, uno dei centri nevralgici dell’attività di tutto il SangaMondo (storica sede, tra l’altro, dei gruppi Tigers).

Per informazioni e aggiornamenti vi ricordiamo di seguire le pagine Facebook SANGA Milano https://www.facebook.com/pages/SANGA-Milano/861566167199588?ref=aymt_homepage_panel e Le Tigri del Sanga https://www.facebook.com/SangaTigers?ref=aymt_homepage_panel.
Questo, inoltre, il sito dell’iniziativa: http://www.energiadi.org.

Venite a pedalare con noi!